Marco Rossani
Marco Rossani
Tennis

A Bari ospite Marco Rossani, l'incordatore di Rafa Nadal: «Vi spiego i segreti di quest'arte»

Chiacchierata con uno dei più stimati professionisti del mondo del tennis, intervenuto nel negozio Smash Tennis Specialist

Per chi gioca a tennis, tanto a livello di circuito maggiore quanto a livello amatoriale o semi-professionistico, avere una buona racchetta, uno strumento che sia appendice tutt'uno con il braccio di chi la impugna, è elemento fondamentale per conseguire i risultati. Ecco, quindi, che il ruolo dell'inconrdatore è di primaria importanza: giusta tensione e qualità dei materiali permettono a chi scende sul "court" di sentire la racchetta nella mano e colpire la palla esattamente come si desidera.

Fra i migliori incordatori del circuito ATP e WTA, nonché dei tornei dello Slam organizzati dall'ITF, spicca l'italiano Marco Rossani, che assiste campioni della racchetta come Rafa Nadal, Kei Nishikori, Sasha Zverev, Serena Williams e Fabio Fognini. Ieri mattina lo stimato professionista dell'incordatura è stato ospite presso il punto vendita Smash Tennis Specialist di Bari, per un workshop gratuito in cui ha spiegato agli appassionati di questo sport i segreti di quella che è a tutti gli effetti un'arte, ma per molti versi anche una scienza esatta.

«Confermo il fatto che si tratti di una vera e propria arte - dice Rossani, intervistato da BariViva. Io personalmente ho sempre considerato l'incordatura non un lavoro ma un vero e proprio mestiere, un insieme di arte e capacità tecnica. Questa attività è molto cambiata, si è evoluta insieme alle esigenze dei consumatori e dei giocatori. L'incordatore professionista deve adeguarsi ed essere sempre adeguatamente informato».

Non esiste, infatti, una "corda perfetta" per la racchetta da tennis; esiste, però, lo studio dei materiali e la capacità di saperli adattare al meglio allo strumento. «La corda perfetta - continua Rossani - la si ottiene creando un corretto set-up, abbinando il tipo di corda alla tensione, al calibro e alla costruzione. Elementi che sono strettamente legati alla struttura che accoglierà l'incordatura, ovvero il telaio della racchetta. Le variabili che entrano in gioco sono tantissime, così come le aspettative e le esigenze dell'utilizzatore».

E non è, dunque, nemmeno lo stile di gioco a dettare le regole dell'incordatura. La differenza, per esempio, fra la racchetta di John Isner e quella di Novak Djokovic non sta nel fatto che stiamo parlando, rispettivamente, del miglior servizio e della miglior risposta sul circuito, ma nelle sensazioni dei singoli tennisti, estremamente variabili come le condizioni di gioco. Rossani spiega: «L'incordatura è un fattore determinante nel funzionamento della racchetta, composta di corda e telaio. La corda è la massima espressione della percezione che ha il giocatore sulla palla; non esiste un set-up per stile di gioco, ma esiste un set-up che fa funzionare correttamente la racchetta del giocatore, in base a quello che chi impugna lo strumento gradisce di più. Fra i pro non ci sono delle differenze dettate da delle regole; ci si basa su quelle che sono le loro percezioni. Tant'è che variando il clima, la temperatura, la superficie di gioco e anche il continente loro adattano le incordature alle loro esigenze».

Un esempio per tutti: Rafael Nadal, vincitore di 17 titoli dello Slam, uno dei tennisti più forti di sempre. Lui si affida a Marco Rossani per creare il suo strumento perfetto: «Lui usa una Babolat, marchio francese molto diffuso - racconta Rossani. Come tutti i giocatori, anche Nadal ha delle racchette "custom", personalizzate in base alle esigenze. In molti casi si tratta di veri e propri "paint job", cosmetiche applicate a racchette che non sono "commercial". L'incordatura in questo caso è molto semplice: si tratta di una corda molto rigida, di grosso calibro, con una tensione di 25 chili. Nulla di particolarmente impegnativo».

Parlando di tempi di lavoro su ogni singola racchetta, Rossani spiega: «Un incordatore professionale certificato viaggia mediamente introno ai 20/22 minuti a incordatura. Con il "player on court", quando il giocatore richiede la racchetta, si può scendere anche 15 minuti, anche se non è mai consigliabile eseguire il lavoro sotto la soglia dei 18/15 minuti, altrimenti l'incordatura non sarebbe fatta bene. La costanza è una delle caratteristiche fondamentali richieste dai giocatori: massima qualità, costante nel tempo, nel minor tempo possibile».

Entrando nello specifico dei tennisti italiani, Rossani racconta che «Non hanno particolari richieste. A Roma seguo sempre Fabio Fognini e anche la sua è un'incordatura molto semplice. Ogni tanto si lamenta - come fanno anche tanti altri - del calo di tensione, ma questo è dovuto alla variazione delle condizioni climatiche. Con lui, e con tanti altri giocatori, dobbiamo assecondare gli orari di produzione: si tende a far le racchette il più tardi possibile per mantenere la tensione. Questo se sono richieste la sera; di mattina, invece, bisogna osservare orari prestabiliti. I tennisti stanno diventando un po' "viziati" - dice Rossani col sorriso - richiedendo le incordature a orari prestabiliti».

Marco Rossani, unico italiano nel team degli incordatori di Wimbledon, racconta con entusiasmo le esperienze vissute a South-West 19: «Lavorare a Wimbledon è sempre emozionante. Sono lì da 5 anni e ogni volta che varco quella soglia mi dà grandi emozioni. Ho dei colleghi che ci lavorano da 21 anni e raccontano che ogni volta che entrano a Wimbledon gli manca un po' il fiato», conclude Rossani.
  • tennis
Altri contenuti a tema
Open delle Puglie, l’austriaca Grabher vince il primo Wta 125 di Bari Open delle Puglie, l’austriaca Grabher vince il primo Wta 125 di Bari Battuta in finale la wild card italiana Nuria Brancaccio con il punteggio di 6-4 6-2
Open delle Puglie, a Bari la coppia Cocciaretto/Danilovic vince il torneo di doppio Open delle Puglie, a Bari la coppia Cocciaretto/Danilovic vince il torneo di doppio Battuta in finale la coppia composta dall’olandese Vedder e dalla venezuelana Gamiz con il punteggio di 2-6 3-6
Open delle Puglie, a Bari sarà finale Brancaccio-Grabher Open delle Puglie, a Bari sarà finale Brancaccio-Grabher La giovane 22enne vince il derby tutto italiano con Matilde Paoletti
Open delle Puglie, a Bari derby Paoletti-Brancaccio in semifinale Open delle Puglie, a Bari derby Paoletti-Brancaccio in semifinale Cocciaretto si ferma ai quarti, eliminata anche Udvardy numero uno del tabellone
Quarta giornata dell'Open delle Puglie a Bari. Cocciaretto vince il derby con Errani Quarta giornata dell'Open delle Puglie a Bari. Cocciaretto vince il derby con Errani Avanza ai quarti di finale anche la testa di serie numero 1, l'ungherese Panna Udvardy
Terza giornata all'Open delle Puglie a Bari, avanzano Paoletti e Brancaccio Terza giornata all'Open delle Puglie a Bari, avanzano Paoletti e Brancaccio Avanti anche la tedesca Tatjana Maria e la olandese Eva Vedder. Oggi il derby Errani-Cocciaretto
Seconda giornata dell'Open delle Puglie a Bari. Avanzano Errani e Paoletti Seconda giornata dell'Open delle Puglie a Bari. Avanzano Errani e Paoletti Altre de azzurre passano il turno. Avanti anche l'ungherese Udvary, testa di serie numero 1 del seeding
Prima giornata dell'Open delle Puglie a Bari, avanza l'italiana Brancaccio Prima giornata dell'Open delle Puglie a Bari, avanza l'italiana Brancaccio Vittorie anche per Maria, Vedder e Ormaechea. Strappa applausi il talento di casa Paganetti ma cede a Pigossi
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.