conf st giro dei tre mari
conf st giro dei tre mari
Altri sport

14mo Giro dei Tre Mari, da Bari all'Albania in Vespa

Il tour sulle due ruote diventa internazionale: dal 29 maggio al 2 giugno alla scoperta del paese delle aquile

La quattordicesima edizione del Giro dei Tre Mari, organizzato dal Vespa Club Bari, diventa internazionale. Poco importa se, alla fine, i mari saranno solo due (Adriatico e Ionio): un sacrificio che si fa volentieri per portare il tour di vespisti e lambrettisti da Bari alla scoperta dell'Albania.

Sarà, infatti, la terra nostra dirimpettaia a ospitare l'edizione 2018: ci si imbarca alle dal Porto di Bari alle 22 del 28 maggio per arrivare a Durazzo la mattina successiva, da dove partirà il tour di 850 chilometri suddivisi in cinque tappe nella terra delle aquile, che si concluderà in piazza a Tirana il 1 giugno, con il concerto dell'italo-albanese Ermal Meta per celebrare la festa della Repubblica Italiana. Il consolato italiano di Valona, inoltre, apporrà un apposito timbro sul roadbook dei vespisti che parteciperanno al giro.

Per i partecipanti è previsto un servizio di cambio valuta a bordo del traghetto e ogni vespista sarà dotato di una sim albanese per le emergenze.

«È motivo d'orgoglio per la città di Bari patrocinare questo evento - dice il sindaco Antonio Decaro in conferenza stampa. Mi fa piacere che questa iniziativa venga presentata oggi, giorno in cui sono tornato dall'Albania dove ho presentato il libro del fotoreporter Luca Turi, che documentò l'arrivo a Bari della Vlora. È stato un motivo d'emozione per me incontrare il sindaco di Durazzo e il capitano della nave che, di fatto, salvò la vita a quelle persone. Ho trovato un Paese da cui, per fortuna, più nessuno sembra voler andar via. Il giro dei tre mari toccherà anche la zona delle spiagge, che è al centro del rilancio turistico ed economico dell'Albania. Questo viaggio e le iniziative che stiamo portando avanti insieme sono un cavo teso verso l'obiettivo di unire ancora di più i due paesi, dal punto di vista culturale e dal punto di vista dell'integrazione albanese nell'Unione Europea».

«Il Giro è una delle eccellenze sportive del territorio. La scelta di andare in Albania la trovo di grande lungimiranza, nell'ottica della generazione di un turismo sportivo: il mare Adriatico non ci separa, ma in realtà è un ponte che unisce le nostre terre. Anche lo sport, infatti, è capace di essere veicolo di turismo, e questa iniziativa è una maniera per sostenere i Vespa Club locali: le due ruote sono di diversa natura, e la Vespa è legata all'"andare lento" e all'assaporare il territorio e quello che si sta attraversando».

«Siamo onorati che quest'anno il giro venga ospitato dall'Albania - fa eco Artur Begu, in rappresentanza delle autorità albanesi. In nostro non è più il paese che era negli anni '90, ma è una realtà che merita di essere visitata e scoperta. Il giro inizierà da Bari per arrivare a Durazzo, per poi muoversi verso altre città costiere dell'Albania nella parte sud-est, fino a Saranda. Di lì si andrà verso l'interno dell'Albania per chiudere a Tirana, dove il sindaco aspetterà i vespisti nella piazza principale. Ringrazio la Puglia e Bari per quello che hanno fatto per il mio Paese in passato e per quello che stanno facendo in questi anni».

«Siamo contentissimi per l'amicizia tra i nostri due popoli e per il supporto all'integrazione dei nostri concittadini qui a Bari - dice Monica Sguro, console albanese a Bari. Ci sono tanti cittadini pugliesi che possono scoprire l'Albania con questi eventi, e ci sono tanti imprenditori pugliesi che attivano aziende e attività in Albania, generando un processo virtuoso per entrambe le terre».

«I partecipanti saranno 200 - dice Maurizio De Pasquale, presidente del Vespa Club Bari - per la maggior parte italiani ma ce ne sono anche dalla Gran Bretagna, dalla Germania e dal Belgio. Da sottolineare la presenza anche delle donne, sia come "zavorre" che come conducenti degli scooter».


  • Antonio Decaro
  • Pietro Petruzzelli
  • Albania
  • vespa club bari
Altri contenuti a tema
Crescono i ricavi di Amtab: più 2 milioni da biglietti e abbonamenti in quattro anni Crescono i ricavi di Amtab: più 2 milioni da biglietti e abbonamenti in quattro anni Decaro: «I cittadini guardano al trasporto come un bene pubblico e partecipano alla gestione del servizio»
Amministrative a Bari, scende in campo l'assessore Petruzzelli Amministrative a Bari, scende in campo l'assessore Petruzzelli Inaugurato ieri mattina il comitato elettorale al quartiere Libertà: "Voglio continuare a fare ciò che abbiamo iniziato"
«Mi sono distratta e non ho raccolto», e gli agenti in borghese la multano «Mi sono distratta e non ho raccolto», e gli agenti in borghese la multano Succede al Libertà, nella zona della ex Manifattura Tabacchi, dove si è costretti a camminare facendo lo slalom tra i bisogni dei cani
Bari, iniziati i lavori per la nuova passerella fra Madonnella e Japigia Bari, iniziati i lavori per la nuova passerella fra Madonnella e Japigia Le operazioni sono cominciate la scorsa notte dal lato di via Messapia. La parte centrale sarà montata fra il 10 e l'11 aprile
Bari, prende forma la rotatoria della Fiera. Iniziati i lavori Bari, prende forma la rotatoria della Fiera. Iniziati i lavori Decaro: «Redere più sicura zona molto frequentata e diminuire le emissioni di CO2»
Comune di Bari, imposte invariate nel 2019? È scontro sulla Tari in Consiglio Comune di Bari, imposte invariate nel 2019? È scontro sulla Tari in Consiglio Petruzzelli: «Sconto importante per chi fa il porta a porta». Carrieri e Melini: «Soldi che saranno presi dal bilancio comunale»
Occupazione di suolo per attività commerciali, c'è l'accordo Comune di Bari-Soprintendenza Occupazione di suolo per attività commerciali, c'è l'accordo Comune di Bari-Soprintendenza Il protocollo prevede l’esatta perimetrazione delle aree di maggior pregio e l’avvio di una «Progettazione unitaria per aree vincolate omogenee»
Assemblea di cassa prestanza a Bari, Decaro propone liquidazione volontaria e un fondo welfare Assemblea di cassa prestanza a Bari, Decaro propone liquidazione volontaria e un fondo welfare Critiche da parte della consigliera Melini: «Così si espongono i soldi dei baresi a molti più ricorsi di quanti non siano già arrivati»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.