un ulivo malato
un ulivo malato
Territorio

Xylella, Polignano e Conversano fuori dalla zona cuscinetto

A Monopoli l'unico ulivo sotto osservazione risulta ora non malato di Xylella

Elezioni Regionali 2020
Si torna a parlare di Xylella questa volta per una buona notizia. I comuni di Polignano e Conversano sono nuovamente fuori dalla zona cuscinetto, mentre Monopoli torna ad essere parzialmente indenne. Lo dice la Determinazione del Servizio fitosanitario regionale n. 59 del 21 maggio 2019, che riporta la delimitazione delle aree infette, contenimento e cuscinetto al 2018, prima che fosse ritrovato un ulivo infetto a Monopoli.
"E' una notizia che certamente fa tirare un sospiro di sollievo - spiega Coldiretti Puglia - ed è l'unico risvolto positivo dello 'strano caso' dell'ulivo di Monopoli, un albero dichiarato infetto per 5 mesi, con gli immaginabili effetti negativi sull'agricoltura e sull'intera Puglia, con un danno in termini di immagine, di misure fitosanitarie obbligatorie da applicare, di tensione sociale, di preoccupazione per l'agricoltore e per tutti gli olivicoltori della provincia di Bari. Eppure dopo 5 mesi, per non meglio precisate 'anomalie nella catalogazione', si ribalta il verdetto con nuovi campionamenti e relative analisi e risulta per fortuna sano, non infetto da Xylella".

"Quanto sta avvenendo circa l'ulivo di Monopoli, prima risultato infetto, con tutto quello che ha comportato, e negli ultimi giorni dichiarato negativo ai test da Xylella – denuncia il presidente Savino Muraglia – fa emergere in maniera prepotente per l'ennesima volta la necessità che sia convocato immediatamente e a ritmo costante il tavolo istituzionale istituito dopo la nostra manifestazione del 9 marzo a Lecce che prevede la partecipazione anche dell'Osservatorio fitosanitario e degli enti di ricerca, per affrontare in maniera compatta tutte le problematiche che oggi ricadono esclusivamente sulla pelle delle imprese delle aree infette, contenimento e cuscinetto. L'assessorato regionale all'Agricoltura non può fare finta di nulla".

"Monitoraggio e campionamento sono attività cruciali - aggiunge Muraglia - considerato che non esiste ancora una cura per la batteriosi, per l'individuazione dei focolai nei primissimi stadi della infezione su piante sensibili e la successiva rimozione secondo legge, così come il controllo della presenza di potenziali vettori contaminati, restano l'unica soluzione per ridurre la velocità di avanzamento della infezione. L'efficacia e sistematicità è garanzia per le aree indenni della Puglia e delle regioni limitrofe e non va messo in alcun modo in discussione, anzi il sistema dei monitoraggi e campionamenti va potenziato, perché ancora oggi si basa principalmente su analisi visiva di ulivi troppo spesso asintomatici e blindato con procedure inattaccabili, per tutelare sia gli agenti dell'Arif che i laboratori di analisi", conclude il presidente Muraglia.
  • Xylella
Altri contenuti a tema
Xylella in Puglia come il Covid, estirpati quasi 12mila ulivi Xylella in Puglia come il Covid, estirpati quasi 12mila ulivi Nella zona rossa sette milioni di piante sotto controllo con i "tamponi"
Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio I fondi provengono dal piano rigenerazione olivicola. Solo nell'area infetta risultano contaminati 183mila ettari di terreno
Xylella, abbattuti i cinque ulivi infetti in provincia di Bari Xylella, abbattuti i cinque ulivi infetti in provincia di Bari Le ruspe di Arif Puglia in azione a Locorotondo, sulla provinciale che collega a Cisternino
Ulivi affetti da Xylella nel Barese saranno subito eliminati Ulivi affetti da Xylella nel Barese saranno subito eliminati Arif: "Nessun allarmismo, la malattia non ha superato la zona di contenimento ed il monitoraggio prosegue"
La Xylella arriva in provincia di Bari, cinque ulivi infetti a Locorotondo La Xylella arriva in provincia di Bari, cinque ulivi infetti a Locorotondo L'allarme di Coldiretti Puglia: «Lo scenario si aggrava, ma manca una strategia condivisa»
Addio al professor Martelli uno degli scopritori della Xylella Addio al professor Martelli uno degli scopritori della Xylella Il virologo di fama internazionale era docente emerito all'Università di Bari
Xylella, ricercatori di Bari progettano una macchina per distruggere le uova dell'insetto Xylella, ricercatori di Bari progettano una macchina per distruggere le uova dell'insetto Il progetto è stato condotto dall'equipe del professor Porcelli in collaborazione con un laboratorio di Conversano
Xylella, per l'Ue non esiste una cura ma solo tagli Xylella, per l'Ue non esiste una cura ma solo tagli Consegnati due pareri scientifici dell' Autorità per la sicurezza alimentare
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.