presentazione progetto inbioalqua
presentazione progetto inbioalqua
Scuola e Lavoro

Università di Bari, una app per monitorare invasioni biologiche da organismi alieni

Presentato il progetto InBioAIQua del Dipartimento accademico di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti

Una app per monitorare la presenza e l'arrivo di organismi alieni, per tenere sotto stretta osservazione l'invasione biologica nei nostri territori. Questo è lo strumento al centro del progetto InBioAIQua, promosso dal Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti dell'Università di Bari.

I citizen scientists potranno scattare foto che saranno esaminate da esperti entomologi guidati dal professore Francesco Porcelli, ideatore del progetto, e ricevere informazioni utili per contrastare le invasioni biologiche. L'App sarà un utile strumento per promuovere la conoscenza, informare e accrescere la consapevolezza dei cittadini, degli agricoltori in particolare, per la difesa del verde e la salvaguardia della biodiversità.

«Si tratta di informare, coinvolgere e aiutare diversi strati di popolazione - dice il prof. Porcelli. La mira è all'imprenditore agricolo, affinché si focalizzi su questi organismi alieni, così chiamati perché provenienti da altra regione bio-geografica, oltre a quelli invasivi (che fanno danno) e quelli da quarantena (non regolati da leggi o norme). Qualsiasi organismo che possa diventare dannoso, se immediatamente percepito sul territorio, ne permette un controllo, una limitazione su un minor numero di individui, quindi più semplici da eseguire. Avere a che fare con un piccolo numero di questi organismi, perché prontamente percepiti, è più facile che affrontare grandi numeri».

Obiettivo è informare tempestivamente e qualitativamente gli operatori agricoli, prime sentinelle del territorio, sulle invasioni biologiche da organismi alieni, invasivi e da quarantena trasferendo informazioni tecniche e favorendo l'integrazione con esperti di fama internazionale. Le barriere naturali che limitavano lo sviluppo della flora e della fauna entro determinate regioni, infatti, sono ormai venute meno. Così varie specie si spostano a migliaia di chilometri dal loro habitat naturale (specie aliene). Il progetto InBioAIQua si occupa di alcune di queste specie aliene come ad esempio: Philaenus spumarius (vettore di Xylella fastidiosa) la Drosophila suzukii (moscerino della frutta), Aleurocanthus spiniferus (da cui deriva la fumaggine) Agaonidae (vespe dei fichi).

Il progetto InBioAIQua è realizzato nell'ambito della Misura 1 "Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione" grazie a quanto previsto dalla Sottomisura 1.2 "Sostegno ad attività dimostrative ed azioni di informazione" - Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014 - 2020 Puglia, Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambiente. La dottoressa Filomena Picca, responsabile della misura, ha sottolineato l'importanza «Della formazione e informazione in agricoltura rivolta ai giovani agricoltori. Con questa misura abbiamo già finanziato 23 progetti e grazie ad un ulteriore incremento della dotazione finanziaria riusciremo a far partire altre interessanti azioni formative già in graduatoria».

I prossimi appuntamenti

In programma due convegni, il primo mercoledì prossimo 17 aprile alle ore 16 (nell'aula magna dell'ex facoltà di Agraria in via Amendola 165/A) sul tema: GLI ORGANISMI ALIENI, INVASIVI O DA QUARANTENA: COME RICONOSCERLI.
Dal 25 aprile partiranno i workshop tematici itineranti "Cosa sono, come riconoscerli, cosa fare. Uso di strumenti SW, HW, IT, e lot al primo contatto con un Organismo Alieno, Invasivo o da Quarantena" in 45 comuni pugliesi.
Calendario appuntamenti:
25.04.19 - Otranto, Giurdignano, Uggiano La Chiesa, Minervino di Lecce;
26.04.19 - Castro, Andrano, Tricase, Casarano;
27.04.19 - Nardò, Taviano, Gallipoli, Leverano;
28.04.19 - Copertino, Monteroni di Lecce, Campi Salentina;
09.05.19 -San Pietro Vernotico, Mesagne, Ceglie Messapica, San Vito dei Normanni;
10.05.19 - Martina Franca, Grottaglie, Manduria, San Giorgio Ionico;
11.05.19 - Taranto, Massafra, Palagiano;
12.05.19 - Altamura, Cassano delle Murge, Grumo Appula, Palo del Colle;
23.05.19 - Bitonto, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Molfetta;
24.05.19 - Trani, Andria, Minervino Murge;
25.05.19 - Canosa, Cerignola;26.05.19 - Orta Nova, Trinitapoli;
31.05.19 - Vico del Gargano, Vieste;
01.06.19 - San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis.

Il professore Francesco Porcelli incontrerà i partecipanti nelle piazze dei comuni coinvolti ed illustrerà caratteristiche, presenza e diffusione sul territorio degli Organismi Alieni, Invasivi e da Quarantena e prime azioni di contrasto grazie all'ausilio di un furgoncino dotato di sistema audio-video digitale mobile.

Grazie a un'informazione capillare, precisa e documentata, sarà quindi possibile contrastare tempestivamente e concretamente le invasioni biologiche evitando i danni diretti all'agricoltura, alla silvicoltura, alla floricoltura, all'apicoltura, registrando un aumento sostenibile della produttività, della redditività ed efficienza delle risorse negli agro-sistemi.
  • Università
Altri contenuti a tema
Università di Bari, il rettore Uricchio passa ad Anvur. Il 25 giugno il saluto Università di Bari, il rettore Uricchio passa ad Anvur. Il 25 giugno il saluto In attesa dell'elezione del nuovo numero uno dell'ateneo, il congedo nell'aula magna Cossu
Università di Bari, in arrivo nuove agevolazioni sulle tasse. Tutte le info Università di Bari, in arrivo nuove agevolazioni sulle tasse. Tutte le info Approvato il testo unico. Bonus libri da 260 euro per chi ha la media del 28, riduzioni per iscritti con fratelli nelle scuole di specializzazione
Il prof. Pavan di Uniba e il suo studio sul dna della mandorla Il prof. Pavan di Uniba e il suo studio sul dna della mandorla Le ricerche effettuate da un team di studiosi coordinati dall'università di Copenaghen
L'Università di Bari apre Medicina a Taranto, opportunità per 60 studenti L'Università di Bari apre Medicina a Taranto, opportunità per 60 studenti L'attivazione risponde a una necessità vista l’emergenza sanitaria dell’area jonica
Bari, addio a Marialuisa Zuppetta. Insegnava diritto in UniSalento Bari, addio a Marialuisa Zuppetta. Insegnava diritto in UniSalento Lottava da oltre un anno con una malattia ma non aveva mai smesso di fare lezione ai suoi studenti
Università di Bari, altra fumata nera per il nuovo rettore. Si andrà al terzo turno Università di Bari, altra fumata nera per il nuovo rettore. Si andrà al terzo turno Bronzini finisce in testa ma senza maggioranza assoluta. Insegue Vacca, più staccati Bellotti e Logroscino
La classifica della Commissione europea premia l'Università di Bari. È settima in Italia La classifica della Commissione europea premia l'Università di Bari. È settima in Italia Pubblicato il ranking degli atenei U-Multirank 2019. L'ente pugliese è secondo fra quelli generalisti
Università di Bari, si elegge il nuovo rettore. Affluenza al 54 percento nella giornata di oggi Università di Bari, si elegge il nuovo rettore. Affluenza al 54 percento nella giornata di oggi Corsa a quattro nel secondo turno: Bronzini e Vacca sono usciti in vantaggio dal primo turno, Bellotti e Logroscino inseguono
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.