presentato il progetto Open test
presentato il progetto Open test
Attualità

Un camper per prevenire l'Aids. In piazza Ferrarese l'iniziativa di sensibilizzazione

Domani l'appuntamento con “Open-test, C’ha ditt u’ dottor? Te fa’ u’ test!”. Romano: «Amministrazione aderisce con entusiasmo»

A Bari crescono i numeri dei contagi da virus Hiv: sono stati 52 nell'ultimo anno, pari a uno a settimana, solo quelli registrati presso l'ospedale Policlinico. Per questo urge l'attività di prevenzione: si svolgerà domani sera, a Bari Vecchia, l'iniziativa "Open-test, C'ha ditt u' dottor? Te fa' u' test!": un camper attrezzato sosterà dalle ore 20 alle 3 in piazza del Ferrarese per intercettare soprattutto i più giovani. Il test, che utilizza un campione di saliva, è rapido e non invasivo e consente di fornire una risposta entro pochi minuti dal prelievo.

Obiettivo del progetto, giunto alla seconda edizione, è sensibilizzare l'opinione pubblica sulla cultura della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili attraverso un'attività di informazione tra giovanissimi e meno giovani, garantendo a tutti la possibilità di richiedere gratuitamente un test salivare HIV. L'iniziativa, patrocinata dal Comune di Bari e dalla Regione Puglia, è organizzata dall'associazione A.S.C. BARI - attività sportive confederate, Medici con l'Africa Cuamm Bari in collaborazione con ANLAIDS - Sezione Lombarda e il reparto di malattie infettive del Policlinico di Bari, con il cofinanziamento di M.A.C. AIDS Found.

All'incontro con la stampa questa mattina sono intervenuti, tra gli altri, l'assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano, il presidente di Medici con l'Africa Cuamm Bari e consigliere comunale Renato Laforgia, il vicepresidente di Cuamm e coordinatore dell'evento Francesco Di Gennaro, il vicepresidente del Municipio I Lorenzo Leonetti, il direttore generale ANLAIDS - Sezione Lombardia Donatella Mainieri, il responsabile del progetto Carmine Falanga, il direttore del reparto Malattie infettive del Policlinico di Bari Gioacchino Angarano, il professore associato dello stesso reparto Annalisa Saracino, il presidente SINIT - Società italiana malattie infettive e tropicali Puglia e Basilicata Sergio Lo Caputo, Saverio Petroni della Polizia Locale e la presidente A.S.C. - Attività sportive confederate Puglia Elena Cuccovillo.

Il progetto prevede, inoltre, domani mattina incontri condotti da un'equipe formata da medici e da volontari dell'Anlaids e del reparto di malattie infettive del Policlinico di Bari presso alcuni istituti scolastici di secondo grado e finalizzati a valutare il livello di conoscenza degli studenti sull'infezione da HIV/AIDS/IST e a fornire informazioni scientifiche. Sempre sabato mattina, in concomitanza con l'attività nelle scuole, si terrà un incontro del campionato provinciale di calcio ASC Bari: i giocatori scenderanno in campo indossando il fiocco rosso simbolo della lotta all'AIDS.

«È impossibile per l'amministrazione - ha sottolineato l'assessora Romano - non aderire con entusiasmo a questa importante campagna di sensibilizzazione e prevenzione rivolta ai cittadini, perché abbiamo il dovere istituzionale di impegnarci per informare correttamente la comunità, e soprattutto i più giovani, su un tema così delicato e tornato d'attualità, senza tabù e senza paure. Ovviamente in questa missione non siamo soli: il mio sentito ringraziamento va quindi a tutti gli attori coinvolti. Portare l'informazione e la prevenzione nelle nostre piazze e nelle scuole significa fornire a tutti una consapevolezza maggiore sulle conseguenze determinate dalla malattia. Io personalmente parteciperò all'iniziativa di domani perché ritengo giusto che l'amministrazione ci 'metta la faccia' e dia un appoggio concreto ai cittadini e perché, sulla questione Aids, non bisogna mai abbassare la guardia».

«Il progetto Open Test che presentiamo oggi - ha spiegato Elena Cuccovillo - ha la finalità di promuovere la cultura della prevenzione e dell'informazione sulle malattie sessualmente trasmissibili, anche utilizzando il linguaggio universale dello sport, che ha un forte impatto sociale e consente di veicolare messaggi positivi e di benessere all'intera collettività».

Nel portare il saluto del sindaco di Bari Antonio Decaro, il consigliere delegato alla salute cittadina Laforgia ha ricordato che «Open test rappresenta un'altra importante iniziativa intrapresa dall'amministrazione insieme all'Università di Bari e a diverse realtà del terzo settore, tra le quali ricordiamo, ad esempio, la recente campagna di prevenzione della maculopatia visiva, quella sull'ipertensione o un'altra sulla prevenzione del diabete. L'obiettivo è quello di offrire ai cittadini, in particolare ai più giovani, un servizio gratuito per cercare di individuare l'insorgenza di patologie talvolta difficili da scoprire. Domani, a partire dalle 20, in piazza Ferrarese sosterà un camper attrezzato dove si potranno fare i test necessari per scoprire la positività o meno al virus. Questa è una malattia che affievolisce le difese immunitarie dell'individuo, che però, oggi, si può contrastare con efficacia. L'Istituto di malattie infettive dell'Università ha calcolato, infatti, che in città circa un individuo a settimana, una cinquantina ogni anno negli ultimi 12 anni, risulta positivo al virus».

Carmine Falanga ha ricordato che il progetto unisce la cultura della prevenzione con il rispetto della persona. «Domani Bari sarà, anche se solo per una notte, la capitale italiana della prevenzione» ha detto invitando i ragazzi che si rivolgeranno a professionisti qualificati a non aver paura del test. Sergio Locaputo ha evidenziato anche come la conoscenza precoce dell'eventuale sieropositività e una cura altrettanto tempestiva consentano di evitare la progressione dell'infezione e di bloccare le possibilità di contagio. «Purtroppo - ha aggiunto - la sieropositività è talvolta ancora causa di discriminazione, motivo di pregiudizio ed emarginazione dovuti alla paura del contagio. Soltanto una corretta informazione può aiutare a superare questi preconcetti ancora radicati nella mentalità comune». Saverio Petrone ha, infine, ricordato che domani in piazza del Ferrarese ci sarà anche una pattuglia della Polizia locale per effettuare il controllo dell'alcol test e del drug test.
  • Medicina e prevenzione
  • Paola Romano
Altri contenuti a tema
Torre a Mare, montata la struttura prefabbricata della palestra nella scuola Montalcini Torre a Mare, montata la struttura prefabbricata della palestra nella scuola Montalcini I locali saranno a disposizione della comunità di quartiere anche al di fuori dell'orario curricolare
I medici contro l'autonomia delle regioni del Nord, manifesti shock a Bari I medici contro l'autonomia delle regioni del Nord, manifesti shock a Bari L'iniziativa dell'Ordine dei medici. Da marzo anche in altre città
"Incontriamoci al parco Lama Balice", tre appuntamenti alla scoperta dell'area naturale "Incontriamoci al parco Lama Balice", tre appuntamenti alla scoperta dell'area naturale Il presidente Muolo: «Rilanciare la struttura coinvolgendo le scuole e le famiglie»
Cantieri di cittadinanza 2.0, avviati i primi 36 tirocinii per gli iscritti al Rei Cantieri di cittadinanza 2.0, avviati i primi 36 tirocinii per gli iscritti al Rei Romano: «Puntiamo a dare occasione di inclusione lavorativa per uscire dalla povertà»
San Valentino periodo di prevenzione contro l'Aids. A Bari test salivari gratuiti San Valentino periodo di prevenzione contro l'Aids. A Bari test salivari gratuiti Oggi e giovedì 14 febbraio l'iniziativa di Cama Lila a contrasto della diffusione del virus Hiv
Tutti contro Bussetti, l'assessore Romano: «Basta con la propaganda, aspettiamo i fatti» Tutti contro Bussetti, l'assessore Romano: «Basta con la propaganda, aspettiamo i fatti» Il ministro in un video girato ad Afragola sostiene che al sud non servono fondi ma: «impegno, lavoro e sacrificio»
Bari, un caso di Hiv alla settimana. Sabato manifestazione per la prevenzione Bari, un caso di Hiv alla settimana. Sabato manifestazione per la prevenzione L'associazione Link: «Ancora troppo poche le campagne di sensibilizzazione e precauzione»
Pensa a chi resta, a Bari una campagna contro la guida sotto l'effetto di alcool e droghe Pensa a chi resta, a Bari una campagna contro la guida sotto l'effetto di alcool e droghe Un'iniziativa realizzata all'interno del progetto "No Alcool No Crash". Coinvolto anche il Comune di Bitonto
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.