laboratorio di ricerca
laboratorio di ricerca
Associazioni

Bari, un caso di Hiv alla settimana. Sabato manifestazione per la prevenzione

L'associazione Link: «Ancora troppo poche le campagne di sensibilizzazione e precauzione»

A Bari riesplode il fenomeno del contagio da Hiv, il virus dell'Aids. In un anno, nel solo ospedale Policlinico di Bari, si sono registrati 52 casi, vale a dire uno a settimana. A diffondere la notizia l'associazione studentesca Link, che parla di «Dati allarmanti» che «Possono essere arginati solo e unicamente con una profonda cultura della conoscenza e l'abbattimento di qualsiasi muro, economico e non, al reperimento di protezioni, soprattutto in scuole e università, contesto in cui vivono quotidianamente ragazz* che per le prime volte si approcciano al sesso».

Per questo motivo il prossimo sabato 9 febbraio, alle 20, in piazza del Ferrarese a Bari, è stata organizzatala manifestazione "C'HA DITT U' DOTTOR? TE FA'U'TEST!", una serata all'insegna della prevenzione dalle infezioni sessualmente trasmissibili che offre la possibilità di effettuare gratuitamente il test salivare rapido HIV. Il progetto OPEN-TEST - creato da Anlaids (Associazione Nazionale per la lotta contro l'Aids) Sezione Lombarda e cofinanziato da M∙A∙C AIDS Fund – sta affrontando con ogni mezzo la questione della prevenzione dell'HIV rendendo le persone consapevoli del loro status: con un focus particolare sulle categorie maggiormente esposte al rischio di infezione e attraverso la promozione dell'esame, considerato come la chiave per espandere la prevenzione, il trattamento e la cura, OPEN-TEST punta a diffondere la cultura del test HIV e ad aumentare la consapevolezza e la conoscenza delle persone a rischio infezione, portandole così a controllarsi regolarmente.

«La promozione di eventi di questo tipo, che mirano a diffondere l'idea della gratuità dell'accesso alla diagnosi e alle cure, nonché a diffondere l'informazione in maniera sempre più allargata - continua Link. Quando si parla di HIV e AIDS, ci sono tantissimi aspetti da affrontare e tematiche che si intersecano tra loro. Tra gli elementi che ancora ostacolano il raggiungimento di un traguardo deciso e definitivo nella direzione della conoscenza e della cura della malattia, rientrano tutt'oggi i rischi della stigmatizzazione e della marginalizzazione sociale, di cui si rendono vittime le persone affette a causa della scarsa informazione e prevenzione. Sono ancora troppo poche, infatti, le campagne di sensibilizzazione alla precauzione, dovute a politiche che trattano tanto la dimensione della sessualità quanto quella delle malattie sessualmente trasmissibili come un taboo e che pertanto si oppongono alla promozione di iniziative come la diffusione gratuita di preservativi, dental dam, ecc».
  • Medicina e prevenzione
Altri contenuti a tema
L'Università di Bari apre Medicina a Taranto, opportunità per 60 studenti L'Università di Bari apre Medicina a Taranto, opportunità per 60 studenti L'attivazione risponde a una necessità vista l’emergenza sanitaria dell’area jonica
"Laureato a Bari, anestesista a Parigi": la campagna contro la fuga di medici all'estero "Laureato a Bari, anestesista a Parigi": la campagna contro la fuga di medici all'estero L'Ordine chiede al governo di investire nelle scuole di specializzazione con borse di studio specifiche
Bari, Francesco Giorgino nominato presidente della Società Italiana di Endocrinologia Bari, Francesco Giorgino nominato presidente della Società Italiana di Endocrinologia Succede a Paolo Vitti, la cerimonia si è tenuta durante il quarantesimo congresso nazionale del SIE a Roma
Bari, morto il professor Ottavio Albano luminare di medicina interna Bari, morto il professor Ottavio Albano luminare di medicina interna Il ricordo del collega Moschetta: "È stato capo Scuola di tantissimi primari"
Malattie croniche, come migliorare cura e assistenza: il progetto barese "DediCare" Malattie croniche, come migliorare cura e assistenza: il progetto barese "DediCare" A presentare i dati il professore associato di Reumatologia dell'Università di Bari Florenzo Iannone
Diagnosticare tumori con un respiro, in Puglia apre il primo centro pubblico di Breath Analysis Diagnosticare tumori con un respiro, in Puglia apre il primo centro pubblico di Breath Analysis Il direttore generale IRCCS "Giovanni Paolo II": «Si tratta di qualcosa che funziona e quindi va immediatamente messo a disposizione di tutti»
Aifa ritira alcuni antibiotici anche in Puglia Aifa ritira alcuni antibiotici anche in Puglia Rischio di reazioni avverse e invalidanti
Tumori, nuove speranze di cura grazie ad un fisico barese Tumori, nuove speranze di cura grazie ad un fisico barese Gabriele Grittani ha brevettato un macchinario che rivoluzionerebbe la radioterapia
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.