Manifestazione Trony
Manifestazione Trony
Scuola e Lavoro

Trony, lavoratori avvisati della chiusura via whatsapp

Sit-in nel pomeriggio di fronte alle saracinesche chiuse di corso Vittorio Emauele, i sindacati: «Ci sono clienti che chiedono merce già pagata»

Saracinesca chiusa e dipendenti in presidio. Succede a Bari oggi pomeriggio, in corso Vittorio Emanuele davanti ad uno dei negozi Trony che da oggi sono chiusi, in seguito alla notizia del fallimento dell'azienda giunta ieri sera. Dipendenti che da tempo erano consapevoli di una situazione difficile, ma che all'improvviso si trovano senza lavoro e con alcuna sicurezza del proprio futuro. Soprattutto se consideriamo il modo in cui sono stati avvisati della situazione. Prima i sindacati comunicano loro del fallimento della DPS, azienda che gestisce la catena, e poi uno scarno messaggio whatsapp dice loro che da oggi i negozi sarebbero stati chiusi.

«C'era già crisi – ci racconta una delle dipendenti presente al sit-in – il mese di gennaio ci hanno pagato il 20% della retribuzione, ma in questi giorni ci avevano liquidato la restante parte della mensilità. Ora aspettiamo febbraio, il TFR, ecc… La cosa più brutta è stata che ieri sera i sindacati ci hanno dato la notizia del fallimento e solo tramite whatsapp un dirigente ci ha avvisati che oggi non avremmo dovuto lavorare e che i negozi sarebbero stati chiusi».

«Il modo in cui i dipendenti sono stati avvisati - ci dice Barbara Neglia di Filcams Cgil Bari – è il motivo principale per cui nei prossimi giorni scriveremo una mail al curatore fallimentare, dando la disponibilità dei lavoratori sottolineando che in questi giorni non sono al lavoro, perché hanno ricevuto a mezzo whatsapp la decisione di non aprire il negozio, a differenza dei negozi del nord in cui le saracinesche sono chiuse, ma i lavoratori sono all'interno».

«Il problema vero – sottolinea – oltre a quello occupazionale, è che nel frattempo che noi siamo qui in presidio è anche arrivata gente che reclamava la merce, hanno liste nozze da gestire, cose in sospeso di persone che avrebbero dovuto ritirare in quanto già pagate. Oltre al danno c'è anche la beffa per i clienti».

«Noi ora cercheremo di lavorare sul doppio binario – prosegue Neglia – quello regionale, provando a chiedere un focus sul terziario, essendo la grande distribuzione in crisi, e parallelamente chiederemo un incontro al Mise essendo una vertenza nazionale, chiedendo soluzioni alternative. Un danno reale è che nel momento in cui i dipendenti non hanno più la cassa integrazione per cessazione attività, non hanno più neanche la facoltà di poter temporeggiare e cercare soluzioni alternative».

«La situazione attuale è che i 26 dipendenti di Bari – conclude – stanno comunque maturando la retribuzione, non essendo intercorsa la lettera di licenziamento. In seguito, nella procedura fallimentare loro si dovranno insinuare come creditori privilegiati per recuperare da DPS il TFR, invece dall'altra società, con cui sono stati finora, le retribuzioni mancanti».
8 fotoManifestazione Trony
WhatsApp Image at
  • manifestazione
  • Trony
Altri contenuti a tema
Il Libertà in piazza per l'integrazione, Bucci: «Intervenire sull'illegalità» Il Libertà in piazza per l'integrazione, Bucci: «Intervenire sull'illegalità» Diverse associazioni ieri sera si sono confrontate sui problemi del quartiere, evento nato dalla petizione anti-migranti
Striscioni a Bari pro apertura delle frontiere Striscioni a Bari pro apertura delle frontiere A metterli NonUnaDiMeno che ha sostenuto la manifestazione a Ventimiglia per un permesso di soggiorno europeo
No all'inceneritore, comitato in sit-in sul sito interessato No all'inceneritore, comitato in sit-in sul sito interessato Continuano le manifestazioni di protesta contro la costruzione dell'impianto di ossido-combustione nella zona industriale
A.A.A. Cercasi lavoro - Il messaggio degli ex dipendenti Trony a Bari A.A.A. Cercasi lavoro - Il messaggio degli ex dipendenti Trony a Bari Il volantino è comparso in corso Vittorio Emanuele: «Estremo tentativo per poter tornare a lavorare»
Ex Om, sul lungomare di Bari sfila la dignità di 170 famiglie Ex Om, sul lungomare di Bari sfila la dignità di 170 famiglie Un corteo pacifico per ribadire la volontà di lavorare e di avere risposte dopo oltre 7 anni
Ferri lavati con acqua e mancanza di personale, protesta al Di Venere Ferri lavati con acqua e mancanza di personale, protesta al Di Venere Trecento tra medici e operatori sanitari si sono incatenati davanti all'ospedale per far sentire la loro voce
A Bari Nessuno è Straniero, presidio al Molo San Nicola A Bari Nessuno è Straniero, presidio al Molo San Nicola Diverse le associazioni e i cittadini presenti, Decaro: «Bari è una città accogliente, ricordate la Vlora»
Xylella, manifestazione a Bari contro il decreto Martina Xylella, manifestazione a Bari contro il decreto Martina Coldiretti però attacca: «Bugie e falsità grazie alla democrazia low cost dei social media»
© 2001-2018 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.