Stanlio e Ollio
Stanlio e Ollio
Eventi e cultura

Stanlio&Ollio, una nuova pellicola svela lati inediti dei due comici

Il barese Gemma cura l'edizione italiana del libro che ispira il film

Il film 'Stan&Ollie' di Jon S. Baird, ripercorre un periodo della vita artistica e privata della coppia comica più conosciuta al mondo, Stan Laurel& Oliver Hardy. In crisi, ad un certo punto della loro carriera. Il film è liberamente ispirato al libro di A. J. Marriott, ''Laurel & Hardy, The British Tours'', che racconta le tournée di Stanlio e Ollio nei teatri dal '47 e al '53, spostandosi da una parte all'altra dell'Inghilterra e recitando i loro sketch inediti e scritti appositamente. Il libro 'Laurel & Hardy, The British Tours', è ispirato a sua volta ad un altro libro ''Mr Laurel & Mr Hardy'' che l'autore John McCabe, amico dei due comici, scrive durante l'ultima tournée del '53. La prima di questa pubblicazione, nel 1961, contribuisce in modo notevole alla riscoperta della coppia da parte della critica. A novembre 2017 è stata pubblicata la prima edizione Italiana del libro, che attualmente è quasi alla sua quarta edizione. La traduzione è stata curata dall'Associazione Culturale ''Noi Siamo le Colonne'' che con Benedetto Gemma, presidente dell'Associazione, appassionato di Stanlio e Ollio, fumettista ed autore barese, ha contribuito in modo sostanziale alla cura di questa edizione di critica e aggiornata.

Come nasce il film Stanlio&Ollio?
Gemma:«L'ultima edizione del libro di John McCabe ''Mr Laurel & Mr Hardy'' è uscita in America per l'ultima volta nel 1985. E così A. J. Marriott incuriosito dal libro di McCabe studia tutta la strada che hanno fatto, il percorso che hanno fatto in Inghilterra in tutti i tour dal '47 al '53. E pubblica questo libro che si chiama Laurel & Hardy, The British Tours di A. J. Marriott, utilizzando anche fotografie di McCabe, e molti stralci scritti dall'autore. Questo libro per caso finisce nelle mani dello sceneggiatore del film Jeff Pope, Premio Oscar con il film Philomena interpretato tra gli altri da Steve Coogan che amico di Pope, per caso gli fa scoprire che era in grado di interpretare Stanlio, non solo lo Stanlio personaggio ma anche lo Stanlio della vita reale».

Qual è la storia che si sono inventati?
Gemma:«Una nuova storia che per assurdo, forse per destino torna alla vera fine. L'unica cosa che hanno raccontato di più è questo rapporto di amicizia e di vita personale. E probabilmente se cambi le carte in tavola, ma i personaggi sono gli stessi, è interessante come tornino poi allo stesso punto, alla fine. Quindi tutto è raccontato in questo periodo legato alla tournée iniziata male ma che finì per rafforzare e consolidare un'amicizia che fino ad allora era stata data per scontata. Gli attori hanno fatto un lavoro impressionante. Se dobbiamo dirla tutta è veramente una prestazione da Oscar».

Una storia che si arricchisce di particolari inediti raccontati nel libro''Mr Laurel & Mr Hardy''. Puoi raccontarci uno di questi particolari usati nella storia del film?
Gemma:«Stan, nel libro , dice più volte di essersi pentito ad aver realizzato una serie di film per la 20thCentury Fox. Quando gli proposero di rinnovare il contratto, non lo fece. Rifiutò soldi certi e sicuri nel '45. Preferì andare a fare una tournée in teatro piuttosto che fare altri film con la FOX. E così lo sceneggiatore ha pensato a cosa sarebbe successo se questi film non fossero mai stati realizzati. Quindi ipotizza come se la carriera dei due comici finisse in un punto spartiacque cioè all'apice della carriera, dopo aver girato ''I Fanciulli del West''. Al momento del rinnovo del contratto di Stan, non lo rinnova e viene licenziato. Così Oliver Hardy è costretto a girare il film con un'altra persona, cosa che avviene davvero e il film si chiama ''Zenobia Ollio sposo mattacchione''. Però dopo che viene girato questo film, è un disastro. Loro tornano a fare coppia ma il film ipotizza che, da questo momento in poi la coppia ha un problema, che non viene raccontato e dopodiché si passa subito al '53 dove loro sono di nuovo in coppia a fare il tour in Inghilterra. Che cosa è successo nel frattempo viene spiegato vedendo il film e quindi diventa una cosa che vieni a scoprire. E poi l'altra grandissima differenza con la realtà è che Stanlio e Ollio quando fanno il loro tour, sullo spettacolo fanno pezzi tratti dai loro film. Non sono scene inedite come invece era».

Per la prima volta dunque un film quasi autobiografico che purtroppo non uscirà subito in Italia. Dopo l'anteprima di questi giorni, ci vorrà un po' prima che esca ufficialmente. ''Noi Siamo le Colonne'' si è occupata per Lucky Red e per il Festival del Cinema di Roma, anche della supervisione dei testi in italiano del film, per evitare inesattezze ed essere sicuri che tutto fosse corretto, sulla storia di Stanlio e Ollio. Una storia raccontata dal libro di McCabe,''Mr Laurel & Mr Hardy''. Dopo l'anteprima mondiale a Londra, in una delle prime interviste per la BBC, Steve Coogan e John C. Reilly fanno sapere agli appassionati che ''Stanlio e Ollio'' è un film per tutti ed è bello da vedere. «Questo film - spiegano - è un lavoro d'amore. Il pubblico è pronto ad apprezzare i personaggi che fanno divertire sia chi li conosce bene, sia chi li conosce meno».
Questa mattina alle 11:00 è stata presentata ai giornalisti l'anteprima italiana del Film al Festival del Cinema di Roma. Sono previste delle repliche nel corso del Festival aperte al pubblico e gli amanti: alle 20:00 di di questa sera all'auditorium di Roma e poi domani 25 ottobre altre 2 repliche per il pubblico e ancora il 27 un'altra replica per il pubblico verso le 22:30.
  • Cinema
Altri contenuti a tema
Bari, in vendita l'ex Arena Giardino, dalle luci dei riflettori all'abbandono Bari, in vendita l'ex Arena Giardino, dalle luci dei riflettori all'abbandono Il cinema all'aperto della Manifattura Tabacchi, chiuso da più di 30 anni, da tempo è al centro di diverse proposte
Carlo Verdone presenta a Bari il film "Si vive una volta sola": «Qui tanto rispetto per il cinema» Carlo Verdone presenta a Bari il film "Si vive una volta sola": «Qui tanto rispetto per il cinema» Nel cast anche Anna Foglietta, Max Tortora e Rocco Papaleo. Il regista: «Questa è una terra che sa esaltarsi»
Carlo Verdone torna a Bari per le riprese di "Si vive una volta sola". Le limitazioni al traffico Carlo Verdone torna a Bari per le riprese di "Si vive una volta sola". Le limitazioni al traffico Il famoso attore e regista romano di nuovo in città dall'8 luglio per girare altre scene del suo nuovo film
Medusa film presenta le sue uscite puntando sul fenomeno Zalone Medusa film presenta le sue uscite puntando sul fenomeno Zalone La casa di produzione e distribuzione cinematografica continua la sua politica che predilige la sala alle piattaforme
"Fellini e Rota - Vite da Set", a Monopoli una mostra fotografica dedicata a due maestri indiscussi fino a mercoledì 11 settembre "Fellini e Rota - Vite da Set", a Monopoli una mostra fotografica dedicata a due maestri indiscussi
John Turturro da ieri è cittadino di Puglia John Turturro da ieri è cittadino di Puglia L'attore ha ricevuto le chiavi della città di Giovinazzo che diede i natali al padre
John Turturro è sbarcato a Bari, stasera sarà a Giovinazzo John Turturro è sbarcato a Bari, stasera sarà a Giovinazzo L'attore riceverà la cittadinanza onoraria del paese di origine di suo padre Nicola
Da martedì a Bari le riprese del film "La vita davanti a sé" con Sophia Loren Da martedì a Bari le riprese del film "La vita davanti a sé" con Sophia Loren I Ciac andranno avanti dal 2 luglio al 3 agosto in diverse zone della città. Tutte le limitazioni al traffico
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.