Aula del tribunale
Aula del tribunale
Cronaca

Soffocò la figlia di 3 mesi, chiesto l'ergastolo per il padre 31enne

Il fatto nel 2016 ad Altamura. L'accusa è di omicidio volontario premeditato pluriaggravato

La Procura di Bari chiede l'ergastolo, con la misura dell'isolamento diurno, per Giuseppe Difonzo, 31enne di Altamura accusato di aver soffocato nel sonno la figlia di appena 3 mesi. Il fatto risale al 2016: l'uomo è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato e di due precedenti tentativi di omicidio. La piccola era nata nell'ottobre 2015, e prima della morte era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo l'accusa, sempre dal padre.

Al termine della requisitoria i pm Simona Filoni e Domenico Minardi hanno chiesto ai giudici della Corte di assise di inoltrare gli atti processuali alla Procura per «Valutare le condotte delle due assistenti sociali e della psicologa del consultorio familiare» di Altamura, i quali che avevano preso la bimba neonata. Le loro relazioni, emesse pochi giorni prima della morte della piccola, portarono infatti a escludere ipotesi di maltrattamenti convincendo i giudici minorili a revocare il provvedimento di affidamento in comunità già disposto per la piccola.

La ricostruzione dei Carabinieri porterebbe ed accusare Difonzo di aver soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. Difonzo, che era presente in aula, è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne, una 14enne, per la quale è stato condannato con rito abbreviato alla pena di 3 anni di reclusione.

In nome della mamma di Emanuela, l'avvocato di parte civile ha chiesto un risarcimento danni con provvisionale di 500mila euro. Nella prossima udienza, fissata per il 22 febbraio, la parola passerà alla difesa, rappresentata dall'avvocato Antonello Contaldi. La sentenza è prevista per l'11 marzo.
  • Omicidio
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Assenteismo all'ospedale di Monopoli, torna in libertà il primario di ginecologia Assenteismo all'ospedale di Monopoli, torna in libertà il primario di ginecologia Santamato è l'unico dei sette medici arrestati ad aver risposto ai giudici dopo l'arresto del 18 luglio
Omicidio Valente a Bisceglie, arrestato il boss Filippo Capriati Omicidio Valente a Bisceglie, arrestato il boss Filippo Capriati Il fatto venne consumato nell'agosto del 2017. Il capoclan barese avrebbe dato il proprio "benestare" al delitto
Polo della Giustizia a Bari, il ministro rinvia per la terza volta Polo della Giustizia a Bari, il ministro rinvia per la terza volta L'incontro slitta a data da destinarsi, la Camera Penale: «Pugnalata al cuore dei baresi»
Operazione Pandora a Bari, il pm chiede condanne per 91 imputati Operazione Pandora a Bari, il pm chiede condanne per 91 imputati Le richieste vanno dai 6 ai 14 anni e 8 mesi, le accuse tra le altre sono di tentato omicidio, rapina, sequestro di persona tutte aggravate dal metodo mafioso
Anziana uccisa a Bari nel 2016, il movente la vendetta dopo un licenziamento Anziana uccisa a Bari nel 2016, il movente la vendetta dopo un licenziamento Il killer, un 30enne di origini albanesi, è stato condannato alla pena dell'ergastolo nel marzo scorso
Gravina in Puglia, arrestato il presunto responsabile dell'omicidio Capone Gravina in Puglia, arrestato il presunto responsabile dell'omicidio Capone In manette finisce un 68enne. I fatti contestati risalgono al marzo del 2014; la vittima aveva un contenzioso aperto con il killer
Omicidio Amedeo, vanno a processo i quattro presunti responsabili Omicidio Amedeo, vanno a processo i quattro presunti responsabili A ottobre l'udienza per l'ex amante della vittima, il genero di lei e due pregiudicati
Abusò di minori, Corte d'Appello di Bari condanna a 20 anni ex prete Abusò di minori, Corte d'Appello di Bari condanna a 20 anni ex prete L'uomo, originario di Foggia, venne sospeso dal servizio sacerdotale già nel 2012
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.