Aula del tribunale
Aula del tribunale
Cronaca

Soffocò la figlia di 3 mesi, chiesto l'ergastolo per il padre 31enne

Il fatto nel 2016 ad Altamura. L'accusa è di omicidio volontario premeditato pluriaggravato

La Procura di Bari chiede l'ergastolo, con la misura dell'isolamento diurno, per Giuseppe Difonzo, 31enne di Altamura accusato di aver soffocato nel sonno la figlia di appena 3 mesi. Il fatto risale al 2016: l'uomo è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato e di due precedenti tentativi di omicidio. La piccola era nata nell'ottobre 2015, e prima della morte era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo l'accusa, sempre dal padre.

Al termine della requisitoria i pm Simona Filoni e Domenico Minardi hanno chiesto ai giudici della Corte di assise di inoltrare gli atti processuali alla Procura per «Valutare le condotte delle due assistenti sociali e della psicologa del consultorio familiare» di Altamura, i quali che avevano preso la bimba neonata. Le loro relazioni, emesse pochi giorni prima della morte della piccola, portarono infatti a escludere ipotesi di maltrattamenti convincendo i giudici minorili a revocare il provvedimento di affidamento in comunità già disposto per la piccola.

La ricostruzione dei Carabinieri porterebbe ed accusare Difonzo di aver soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. Difonzo, che era presente in aula, è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne, una 14enne, per la quale è stato condannato con rito abbreviato alla pena di 3 anni di reclusione.

In nome della mamma di Emanuela, l'avvocato di parte civile ha chiesto un risarcimento danni con provvisionale di 500mila euro. Nella prossima udienza, fissata per il 22 febbraio, la parola passerà alla difesa, rappresentata dall'avvocato Antonello Contaldi. La sentenza è prevista per l'11 marzo.
  • Omicidio
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Arrestati i 4 autori dell'omicidio Amedeo. Movente una relazione finita male, i nomi Arrestati i 4 autori dell'omicidio Amedeo. Movente una relazione finita male, i nomi Il fatto avvenne il 25 aprile 2017 all'ingresso della sede Amiu, dove lavorava la vittima
Bari, omicidio Amedeo arrestati i responsabili Bari, omicidio Amedeo arrestati i responsabili I soggetti sono accusati di concorso in omicidio doloso aggravato, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, furto e ricettazione.
Processo Ferrotramviaria, la prima udienza slitta 14 giorni Processo Ferrotramviaria, la prima udienza slitta 14 giorni La data fissata non può essere rispettata per problemi nella composizione del collegio
Scommesse clandestine, droga e omicidi per strada o in pieno centro, un anno da dimenticare Scommesse clandestine, droga e omicidi per strada o in pieno centro, un anno da dimenticare Due le operazioni principali: Pandora con 104 arresti e Galassia con altri 68 arresti. In manette Capriati, Diomede, Mercante, Strisciuglio e Parisi
Nuovi parcheggi e navette potenziate: c'è il piano sosta per il tribunale di Bari a Poggiofranco Nuovi parcheggi e navette potenziate: c'è il piano sosta per il tribunale di Bari a Poggiofranco Si attrezza l'area del palazzo ex Telecom, pronto a ospitare gli uffici giudiziari. 220 posti auto in più e bus D ogni 20 minuti
Abbandonò la figlia appena nata sulla spiaggia, condannata a 14 anni Abbandonò la figlia appena nata sulla spiaggia, condannata a 14 anni La piccola, nata viva, era morta un paio d'ore dopo a causa del freddo, riconosciuta la seminfermità
Bari, sparatoria a Japigia. È morto Domenico Capriati Bari, sparatoria a Japigia. È morto Domenico Capriati Il 49enne è deceduto dopo 24 ore in rianimazione
Omicidio Labriola, il processo alla Asl riparte da zero Omicidio Labriola, il processo alla Asl riparte da zero Dopo la sospensione della giustizia barese è cambiato il collegio dei giudici
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.