Aula del tribunale
Aula del tribunale
Cronaca

Soffocò la figlia di 3 mesi, chiesto l'ergastolo per il padre 31enne

Il fatto nel 2016 ad Altamura. L'accusa è di omicidio volontario premeditato pluriaggravato

La Procura di Bari chiede l'ergastolo, con la misura dell'isolamento diurno, per Giuseppe Difonzo, 31enne di Altamura accusato di aver soffocato nel sonno la figlia di appena 3 mesi. Il fatto risale al 2016: l'uomo è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato e di due precedenti tentativi di omicidio. La piccola era nata nell'ottobre 2015, e prima della morte era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo l'accusa, sempre dal padre.

Al termine della requisitoria i pm Simona Filoni e Domenico Minardi hanno chiesto ai giudici della Corte di assise di inoltrare gli atti processuali alla Procura per «Valutare le condotte delle due assistenti sociali e della psicologa del consultorio familiare» di Altamura, i quali che avevano preso la bimba neonata. Le loro relazioni, emesse pochi giorni prima della morte della piccola, portarono infatti a escludere ipotesi di maltrattamenti convincendo i giudici minorili a revocare il provvedimento di affidamento in comunità già disposto per la piccola.

La ricostruzione dei Carabinieri porterebbe ed accusare Difonzo di aver soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. Difonzo, che era presente in aula, è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne, una 14enne, per la quale è stato condannato con rito abbreviato alla pena di 3 anni di reclusione.

In nome della mamma di Emanuela, l'avvocato di parte civile ha chiesto un risarcimento danni con provvisionale di 500mila euro. Nella prossima udienza, fissata per il 22 febbraio, la parola passerà alla difesa, rappresentata dall'avvocato Antonello Contaldi. La sentenza è prevista per l'11 marzo.
  • Omicidio
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Omicidio Lorusso, pena ridotta al boss Leonardo Campanale. Assolto l'altro imputato Omicidio Lorusso, pena ridotta al boss Leonardo Campanale. Assolto l'altro imputato Il capoclan di San Girolamo era stato condannato in primo grado all'ergastolo per la sparatoria avvenuta nel 2015
Caso Punta Perotti, Mabar chiede risarcimento di 30 milioni al Comune di Bari Caso Punta Perotti, Mabar chiede risarcimento di 30 milioni al Comune di Bari La Corte d'Appello si è riservata di decidere sulla pretesa avanzata dalla società della famiglia Andidero
Fu uccisa e chiusa nell'armadio, chiesti 23 anni per il compagno Fu uccisa e chiusa nell'armadio, chiesti 23 anni per il compagno Secondo la difesa sarebbe stata la donna a impugnare il coltello, arma del delitto
Bari, la casa di cura fantasma e i misteri intorno alla figura di "Cicci" Cavallari Bari, la casa di cura fantasma e i misteri intorno alla figura di "Cicci" Cavallari La "Santa Lucia" in via Fanelli è uno dei tanti immobili mai nati davvero, e dietro il suo scheletro se ne nascondono molti altri
Tentò di soffocare la figlia nel sonno, condannato a 16 anni Tentò di soffocare la figlia nel sonno, condannato a 16 anni Il 31enne di Altamura aveva procurato lui stesso crisi respiratorie alla piccola di appena tre mesi
Capurso, alla guida sotto l'effetto di droghe investe 91enne. Arrestato per omicidio stradale Capurso, alla guida sotto l'effetto di droghe investe 91enne. Arrestato per omicidio stradale Il fatto ieri sera, le manette sono scattate ai polsi di un 22enne del luogo. Per l'anziano inutile la corsa in ospedale
Niente rinnovo del contratto di concessione, Baldassarre Motors fa causa a BMW Italia Niente rinnovo del contratto di concessione, Baldassarre Motors fa causa a BMW Italia Lo storico venditore d'auto barese trascina in tribunale il marchio tedesco, che l'avrebbe volontariamente estromesso dal mercato
Riaperto il caso Straccia, il giovane trovato morto nel mare di Bari Riaperto il caso Straccia, il giovane trovato morto nel mare di Bari Il giudice ha accolto l'istanza del legale della famiglia, il papà: «So che la verità verrà alla luce»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.