Un' aula scolastica
Un' aula scolastica
Scuola e Lavoro

Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro

Fuori dalla stabilizzazione in tutta Italia 4 mila dipendenti, sindacati sul piede di guerra: «Scelta precisa del Miur e del Governo»

Sono 4 mila in tutta Italia (circa 200 in Puglia) i lavoratori e le lavoratrici che dal primo marzo non avranno un lavoro a seguito dell'esclusione dal processo di internalizzazione dei servizi di pulizia, ausiliariato e decoro nelle scuole italiane.

È questo il drammatico epilogo della due giorni di trattativa al Ministero del Lavoro per esaminare e ricercare soluzioni alternative ai licenziamento, una conclusione drammatica per un intero paese che riscontra il fallimento di una vertenza tra le più gravi, per numero di famiglie coinvolte, vissute negli ultimi anni. Per i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti: «Non è stata una situazione di crisi o la mancanza di lavoro a determinare i licenziamenti ma una scelta precisa del Miur e del Governo».

«Di fatto - sottolineano i sindacati - non è stato avviato alcun confronto di merito per una precisa volontà del Governo, sordo alla richiesta di farsi carico complessivamente della vertenza come le Organizzazioni Sindacali chiedono da mesi; del Miur che non si è interessato concretamente a trovare soluzioni anche per i 4 mila lavoratori che da anni lavorano nelle scuole e ieri sera ha abbandonato la riunione; delle imprese che da irresponsabili hanno interrotto un confronto volto a ricercare ogni possibile soluzione per tutti i soggetti coinvolti che andassero oltre il proprio esclusivo interesse economico; dal Ministero del Lavoro che ha dichiarato di non avere soluzioni immediate e concrete da proporre».

«Si è scritta un'altra brutta pagina per il mondo del lavoro - ribadiscono - dove sempre più spesso, per la mancanza di assunzione di responsabilità della politica e delle imprese, si sacrificano la dignità e il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori. A questa condizione le organizzazioni sindacali rispondono che nessuno può sottrarsi dalla responsabilità e metteranno in campo le iniziative necessarie fino a quando non saranno trovate le soluzioni per dare continuità occupazionale e di reddito a tutti».

Con una nota successiva all'incontro, inoltre i sindacati comunicano: «La messa a disposizione delle lavoratrici e lavoratori, vostri dipendenti, a prestare l'attività lavorativa a far data dal 1 marzo 2020». Inoltre, sottolineano che le sigle sindacali: «Nell'ipotesi di perdita di salario arrecata ai dipendenti, contesteranno per via giudiziale tale provvedimento, anche dando assistenza legale alle lavoratrici e lavoratori per eventuali danni procurati».
  • Scuola
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
Scuola, ecco cosa accade nel Barese dal 24 settembre tra partenze posticipate e cantieri quasi conclusi Scuola, ecco cosa accade nel Barese dal 24 settembre tra partenze posticipate e cantieri quasi conclusi A Bari confermata la data del 24 ma non è così in molti altri comuni come Polignano, Modugno, Adelfia, Bitonto, Cassano
Ritorno a scuola in sicurezza, a Valenzano via al rifacimento delle strade Ritorno a scuola in sicurezza, a Valenzano via al rifacimento delle strade Il sindaco Romanazzi: «Doveroso dare massima priorità alle strisce pedonali in prossimità degli istituti»
Inizia l'anno scolastico all'Euclide-Caracciolo di Bari, oggi l'accoglienza delle prime Inizia l'anno scolastico all'Euclide-Caracciolo di Bari, oggi l'accoglienza delle prime Ingressi scaglionati e misurazione della temperatura. Si proseguirà con la didattica a distanza fino al 24 settembre
Scuola, Usb, Cobas e Cub proclamano sciopero il 24 e 25 settembre Scuola, Usb, Cobas e Cub proclamano sciopero il 24 e 25 settembre Orario e svolgimento delle lezioni potrebbero subire variazioni in base all'adesione
Ritorno a scuola, Lopalco: «Non serve mettere fogli e quaderni in quarantena» Ritorno a scuola, Lopalco: «Non serve mettere fogli e quaderni in quarantena» L'epidemiologo a capo della task force Covid regionale pubblica il primo video con consigli per studenti e famiglie
Apertura scuole, una nota di Peppino Longo Apertura scuole, una nota di Peppino Longo «La riapertura, doverosa, delle scuole è una faccenda troppo delicata per essere strumentalizzata politicamente»
Ritorno a scuola, il premier Conte: «Ci saranno difficoltà e contagi» Ritorno a scuola, il premier Conte: «Ci saranno difficoltà e contagi» Il presidente del Consiglio in conferenza annuncia le novità e le linee guida per il rientro in presenza
Ex Auchan di Bari-Modugno, il grido disperato dei 35 dipendenti rimasti fuori Ex Auchan di Bari-Modugno, il grido disperato dei 35 dipendenti rimasti fuori La Fisascat Cisl sottolinea la volontà di porre rimedio alla situazione pretendendo che si cerchino altri criteri di scelta
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.