lucia azzolina
lucia azzolina
Politica

Scuole chiuse in Puglia, Azzolina attacca Emiliano: «Pochi contagi, riapra subito»

Il ministro dell'Istruzione: «Il problema è la sanità regionale». Il segretario Pd Lacarra: «Decisione per il bene comune»

Il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina attacca il governatore Michele Emiliano per l'ordinanza che da domani impone lo stop a tutte le attività didattiche in presenza, a esclusione dei laboratori e degli studenti con bisogni educativi speciali, che continueranno l'attività a scuola.

«La Regione Puglia ha sospeso le attività didattiche in presenza definendo "impressionante" il numero dei contagi. Eppure, secondo quanto ci ha comunicato, si tratta di 417 studenti risultati positivi (su una popolazione studentesca di 562 mila). La stessa Regione ha poi ammesso che il problema in realtà non è la diffusione del virus all'interno delle scuole ma l'organizzazione del lavoro della sanità regionale. Pensare di risolvere il problema chiudendo le scuole è una mera illusione. Perché i ragazzi escono, anzi usciranno di più e rischieranno di contagiarsi. A scuola invece, non solo ci sono misure di sicurezza, ma anche protocolli che permettono controllo e tracciamento».

Azzollina continua: «Si riaprano al più presto le scuole, evitando conseguenze gravi, presenti e future, per gli studenti e per le famiglie. Sono sommersa in queste ore da messaggi di sconforto, delusione e amarezza. La comunità scolastica pugliese nei mesi scorsi ha lavorato tantissimo, per preparare le scuole alla riapertura. Dimostrando spirito di sacrificio e responsabilità. La stessa che oggi è richiesta a tutti gli attori istituzionali per non togliere alle bambine e ai bambini momenti di socialità, studio, impegno e crescita. La scuola non è "un problema" come qualcuno ha scritto. La scuola è futuro e speranza».

In difesa dell'operato di Emiliano e Lopalco è intervenuto il deputato Marco Lacarra, segretario del Partito democratico Puglia: «Michele Emiliano e Pierluigi Lopalco sono chiamati ogni giorno a prendere decisioni difficili. Lo fanno con grande spirito di servizio, ma anche con la sensibilità di chi conosce la propria terra e sa quanto arduo sia per i cittadini dover riorganizzare la propria vita alla luce delle misure di contrasto alla pandemia. È questo quello che ha fatto ieri Michele Emiliano, con la sofferta decisione di chiudere tutte le scuole pugliesi. Il Presidente ha argomentato nel dettaglio la valutazione che è alla base di questo provvedimento. Nessuno nega il grande lavoro svolto dalla comunità scolastica per mettere in sicurezza le strutture e riprendere le attività didattiche in presenza. Ma al tempo stesso non si può negare che questo sforzo straordinario non basta: non basta perché è sufficiente una decina di contagi in una scuola, moltiplicati per più istituti, per mettere in crisi l'arma più potente che abbiamo contro il virus, ossia il tracciamento. È infatti sotto gli occhi di tutti come il sistema sanitario, già fortemente provato, stia affrontando da settimane l'ulteriore stress test di dover sottoporre a tampone una marea di casi sospetti per sintomi manifestati, ma soprattutto per contatti stretti con persone risultate positive».

Lacarra continua: «Sapevamo dall'inizio della pandemia che la strada che ci separa dalla fine dell'emergenza è costellata di ostacoli. Tutti devono fare sacrifici per il bene comune, quando c'è una crisi: anche questo si dovrebbe imparare a scuola. In questo momento, qualche settimana di didattica a distanza può fare la differenza, aiutando il sistema sanitario a salvare vite. La DaD non è, come molti affermano, una tragedia: è un modo di fare scuola che, se implementato correttamente, diventerà una risorsa straordinaria per il sistema educativo italiano entro pochi anni. Una risorsa che consentirà di avere una scuola senza muri: per tutti, ovunque, in qualunque momento. Nell'ottica però di distribuire i sacrifici da fare, è essenziale che il prima possibile si potenzi ulteriormente il ricorso allo smart working, che io vorrei vedere applicato in modo sistematico fino alla fine dell'emergenza per tutti quei lavoratori la cui prestazione può essere svolta interamente a distanza senza inficiarne la qualità. Serve altresì individuare subito ulteriori strumenti di welfare in favore dei genitori degli alunni più piccoli, affinché la chiusura delle scuole non metta a rischio la loro vita professionale».
  • Michele Emiliano
  • Scuola
  • Marco Lacarra
Altri contenuti a tema
È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar A proporlo di nuovo il Codacons Lecce dopo l'emanazione dell'ultima ordinanza Emiliano
1 Scuola in Puglia, ecco cosa prevede la nuova ordinanza firmata ieri notte Scuola in Puglia, ecco cosa prevede la nuova ordinanza firmata ieri notte Arriva a mezzanotte il nuovo testo, resta la DDI al 100% ma sparisce la percentuale del 50% di alunni in presenza per ragioni non diversamente affrontabili
Emiliano: «Nuova ordinanza per la scuola in Puglia, torna la possibilità di scelta» Emiliano: «Nuova ordinanza per la scuola in Puglia, torna la possibilità di scelta» Il presidente con un lungo post su Facebook interviene dopo la notizia della sospensione ordinata dal Tar
Scuole in Puglia, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Scuole in Puglia, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Si dovrebbe tornare in classe domani seguendo quanto stabilito dal Dpcm
Scuola in Puglia, Lopalco: «Didattica a distanza fino a primavera» Scuola in Puglia, Lopalco: «Didattica a distanza fino a primavera» La proposta dell'assessore alla sanità regionale ai microfoni di Radio Capital, dove sottolinea l'aumento dei casi tra i giovani
Scuole chiuse, genitori sul piede di guerra. Chiesto il commissariamento della Regione Puglia Scuole chiuse, genitori sul piede di guerra. Chiesto il commissariamento della Regione Puglia Due diverse manifestazioni in programma domani e mercoledì per chiedere la riapertura in sicurezza, e il Codacons Lecce annuncia il ricorso al Tar
Bari, strade affollate e scuole chiuse. Monta la protesta Bari, strade affollate e scuole chiuse. Monta la protesta Dopo la comunicazione della nuova ordinanza le immagini del sabato hanno creato malumori
Didattica a distanza per due settimane in Puglia, ecco l'ordinanza Didattica a distanza per due settimane in Puglia, ecco l'ordinanza Il presidente Michele Emiliano: "Punto di equilibrio tra i due diritti costituzionali alla salute e all’istruzione"
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.