Scuola
Scuola
Scuola e Lavoro

Scioperano gli addetti delle pulizie nelle scuole a Bari, probabili disagi

Domani sit-in di protesta davanti alla sedi dei Provveditorati agli studi

Giornata a rischio scipero per le scuole baresi domani. A protestare sono i dipendenti delle pulizie aderenti alle sigle Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UilTrasporti.

"Si tratta di un quadro inaccettabile che riguarda 2.500 addetti - spiegano i segretari generali regionali della Filcams Cgil, Fisascat Cisl, (Barbara Neglia, Antonio Arcadio) e il responsabile multiservizi UilTrasporti (Vincenzo Andriani) i sindacati - domani terremo diversi sit- in sotto tutte le sedi provinciali dei Provveditorati agli studi, dalle 10 alle 13, per chiedere come si intende affrontare la partita dei lavoratori degli appalti delle pulizie delle scuole. Siamo preoccupati per la sorte di chi sarà escluso così come per i contratti part-time già annunciati". La vicenda riguarda in Puglia circa 2.500 lavoratori che fino al 29 febbraio 2020 sono impegnati negli appalti delle pulizie delle scuole. "Per certi versi – osservano Neglia, Arcadio e Andriani – è paradossale che nelle nuove liste per la stabilizzazione di lavoratrici e lavoratori si contino solo 1.611 posti regionali accantonati (che nella scuola si riferiscono a 36 ore settimanali) disponibili per la figura professionale di collaboratore scolastico a seguito di quanto stabilito dal Miur. Ma è altrettanto inaccettabile che la proposta per inquadrare tutti i 2.500 lavoratori si riduca a 1.009 unità full-time e 1.204 unità a 18 ore settimanali. In pratica non solo ci saranno dei licenziamenti rispetto all'organico attuale (circa 300) ma senza gli interventi che le organizzazioni sindacali stanno chiedendo da mesi, la realizzazione del processo di internalizzazione porterà alla stabilizzazione di una parte di lavoratrici e lavoratori e al ricorso al part-time di un'altra parte con il conseguente dimezzamento del salario. "Si defila un quadro assolutamente inaccettabile – aggiungono i sindacalisti – per il quale qualcuno sarà lasciato a casa, qualcun altro si vedrà dimezzate le ore di lavoro e solo i più fortunati saranno regolarmente assunto".
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Coronavirus, presto le lezioni online per le scuole di Bari Coronavirus, presto le lezioni online per le scuole di Bari La possibilità arriva dall'accordo di Microsoft e Politecnico con il Comune
Italia "zona rossa", scuole chiuse fino al 3 aprile anche a Bari Italia "zona rossa", scuole chiuse fino al 3 aprile anche a Bari Il ministro Azzolina: «Andremo avanti affrontando insieme questa emergenza»
Scuole chiuse e niente sostegno, il ministro Azzolina punta all'assistenza a casa Scuole chiuse e niente sostegno, il ministro Azzolina punta all'assistenza a casa I tutor potranno essere chiamati per assistere a domicilio le famiglie che hanno figli con disabilità durante le attività didattiche a distanza
Il premier Conte conferma, scuole chiuse da domani in Italia Il premier Conte conferma, scuole chiuse da domani in Italia La misura decisa per garantire sicurezza a tutta la popolazione, ritardo nella comunicazione per consentire gli approfondimenti necessari
Coronavirus, probabile chiusura delle scuole in tutta Italia. Azzolina frena Coronavirus, probabile chiusura delle scuole in tutta Italia. Azzolina frena Si valuta la sospensione delle attività didattiche fino a metà marzo, il ministro invita alla cautela. In serata si decide
Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro Fuori dalla stabilizzazione in tutta Italia 4 mila dipendenti, sindacati sul piede di guerra: «Scelta precisa del Miur e del Governo»
Duca d'Aosta a Bari, da domani bambini di nuovo a scuola Duca d'Aosta a Bari, da domani bambini di nuovo a scuola Due sopralluoghi tenutisi oggi hanno permesso di dare l'autorizzazione alla riapertura del plesso a Palese
Alla Duca d'Aosta di Palese ancora niente lezioni Alla Duca d'Aosta di Palese ancora niente lezioni L'edificio è chiiso dal 7 febbraio per ristrutturazione e non si sa quando riaprirà
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.