IMG
IMG
Cronaca

Ricoverati a Bari dopo il terremoto in Albania, ritornano a casa i due pazienti

Le cure sono durate tre mesi, in seguito al ritrovamento sotto le macerie: «Siamo rinati»

Dopo tre mesi di cure, possono finalmente tornare a vivere. Sono stati soccorsi sotto le macerie del terremoto dello scorso 26 novembre in Albania e trasportati con un ponte aereo a Bari, dove sono rimasti in gravissime condizioni in rianimazione per quasi tre settimane. I due pazienti hanno subito più di un intervento chirurgico, sono stati sottoposti a dialisi e seguiti h24 dagli psicologi. Adesso stanno bene e possono tornare a casa. «Siamo rinati», dicono Albert Cara, 55 anni, e Marlin Skodra, 30 anni, che hanno ringraziato così, prima di essere dimessi dalla clinica di Unità spinale, i medici del Policlinico di Bari che li hanno avuti in cura.

I due albanesi rimasti gravemente feriti durante il terremoto di magnitudo 6.4 che tre mesi fa ha colpito con violenza l'Albania sono atterrati ieri a Tirana, accompagnati dal direttore del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore, dal professor Pietro Fiore, direttore dell'Unità spinale unipolare del Policlinico di Bari, e dal professor Salvatore Grasso, direttore dell'Unità operativa complessa di Anestesia e Rianimazione 2 del Policlinico di Bari. Con loro anche il console generale di Albania a Bari, Adrian Haskaj. Ad accoglierli all'aeroporto di Tirana la ministra della Salute, Ogerta Manastirliu.

Il percorso clinico


Cara, 55 anni, venditore ambulante di Tirana, è rimasto a lungo sepolto sotto le macerie di casa prima di essere salvato e trasportato d'urgenza al Policlinico di Bari con sindrome da schiacciamento, insufficienza renale acuta, frattura al braccio destro e trauma vertebro-midollare. Il paziente è stato in Rianimazione, nella clinica del prof. Salvatore Grasso, fino al 10 dicembre, è stato sottoposto a emodialisi ha subito successivamente un intervento di neurochirurgia. Ricoverato in unità sub intensiva della UOC di Medicina Fisica e Riabilitazione-Unità Spinale Unipolare del dott. Pietro Fiore è stato sorvegliato h24 e assistito dagli psicologi per la sindrome da stress post traumatico: l'uomo, purtroppo, ha perso nel terremoto la sua famiglia. «Ringrazio i medici per l'incredibile disponibilità e la dedizione che hanno avuto, sono stati straordinari – ha detto Cara – adesso inizia per me una nuova vita».

Skodra, 30 anni, pizzaiolo di Durazzo, è arrivato al Policlinico di Bari il 27 novembre in coma con trauma cranico, fratture craniche, trauma toracico, frattura delle costole e pneumotorace. È stato ricoverato nel reparto di Rianimazione del prof. Nicola Brienza fino al 16 dicembre e ha subito un intervento chirurgico otorino. Per lui è stato necessario l'intervento del logopedista.

Il rientro in Albania


«I due pazienti erano arrivati in condizioni drammatiche, erano in pericolo di vita e ora stanno bene, siamo contenti di averli restituiti a una vita normale, qualcuno lo chiama miracolo, io dico che si è trattato dell'eccellente lavoro di un team multidisciplinare di professionisti che si è dedicato con passione alle cure e al recupero dei due» ha dichiarato il direttore generale Giovanni Migliore.

All'aeroporto di Tirana i due pazienti sono stati accolti dal ministro della Salute della Repubblica di Albania e dai loro parenti sopravvissuti al sisma. «I due cittadini albanesi hanno trovato a Bari tutta la cura disponibile e la massima assistenza anche sotto il profilo umano - ha detto il ministro della Salute albanese, Ogerta Manastirliu - abbiamo ricevuto la solidarietà della Regione Puglia e del Governo italiano che ci ha supportato dall'inizio nella tragedia del terremoto in cui hanno perso la vita 51 persone. Il rientro dei due nostri cittadini in piena salute è un segnale di speranza per tutti noi. Grazie all'Italia, alla Puglia e a Bari. Il rapporto di amicizia e di fraternità che ci lega si sta rafforzando giorno dopo giorno».
  • Policlinico
Altri contenuti a tema
Policlinico di Bari, arrivano due robot per consulti nei reparti Covid Policlinico di Bari, arrivano due robot per consulti nei reparti Covid Saranno sistemati nel Pronto soccorso e nell'area di Malattie infettive per garantire l'accesso virtuale degli specialisti
Coronavirus, due pazienti lombardi ricoverati al Policlinico di Bari Coronavirus, due pazienti lombardi ricoverati al Policlinico di Bari Sono arrivati questo pomeriggio da Milano e Bergamo con un aereo dell'aeronautica militare
Coronavirus, al Policlinico di Bari si sperimentano i test sierologici sui dipendenti Coronavirus, al Policlinico di Bari si sperimentano i test sierologici sui dipendenti Lopalco: «Esami utilissimi in questa fase dell’epidemia per acquisire informazioni sulla circolazione del virus in particolari ambienti ad alto rischio come le strutture assistenziali»
Emergenza Coronavirus, la Puglia si prepara ad affrontare 3500 contagi Emergenza Coronavirus, la Puglia si prepara ad affrontare 3500 contagi Emiliano: «Speriamo non si verifichi una tale situazione, ma ci faremo trovare pronti»
Assistenza medica fra Italia e Albania, firmata un'intesa col Policlinico di Bari Assistenza medica fra Italia e Albania, firmata un'intesa col Policlinico di Bari Operativo il nuovo protocollo: ogni anno dieci pazienti albanesi potranno essere curati nell'ospedale cittadino
Mancano camici e mascherine, è allarme al Policlinico di Bari Mancano camici e mascherine, è allarme al Policlinico di Bari Fiaso e Migliore: «Ci troviamo a dover combattere contro il Covid con le armi spuntate»
Il Policlinico di Bari oltre l'emergenza Coronavirus, eseguito doppio trapianto di reni Il Policlinico di Bari oltre l'emergenza Coronavirus, eseguito doppio trapianto di reni Il fegato del donatore è stato mandato a Palermo per un altro intervento. Eseguite tutte le procedure di sicurezza anti Covid-19
Coronavirus, l'omaggio dei vigili del fuoco ai medici del Policlinico di Bari Coronavirus, l'omaggio dei vigili del fuoco ai medici del Policlinico di Bari Stamattina la parata per omaggiare il personale sanitario impegnato nella lotta al Covid-19
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.