Un momento della conferenza di presentazione
Un momento della conferenza di presentazione
Scuola e Lavoro

Regione Puglia per le idee di impresa, ecco Estrazione dei Talenti

Presentato stamattina il bando da dieci milioni di euro che servirà ai giovani che vogliono diventare imprenditori grazie a percorsi di accompagnamento

"Queste 25 Factory sono i luoghi dove avverrà la trasmissione della cultura dell'Innovazione. Non bisogna avere paura del futuro e noi ci stiamo preparando al meglio per accoglierlo. I nostri successi, così come gli insuccessi, dipenderanno da noi, per questo la Regione Puglia sostiene fortemente i giovani che hanno idee innovative. A loro auguro un grande in bocca al lupo"
Lo ha detto oggi il presidente Michele Emiliano durante la conferenza stampa di presentazione di Estrazione dei Talenti la misura di Regione Puglia per le nuove imprese.
estrazione dei talentiestrazione dei talentiestrazione dei talentiestrazione dei talenti
Alla presentazione hanno partecipato anche gli assessori regionali Cosimo Borraccino (Sviluppo economico) e Sebastiano Leo (Formazione e Lavoro), il direttore del Dipartimento dello Sviluppo economico della Regione Puglia Domenico Laforgia, il presidente di ARTI Vito Albino, Crescenzo Antonio Marino dirigente della Sezione Ricerca, innovazione e capacità istituzionale della Regione Puglia e la dirigente della Sezione Competitività e ricerca dei sistemi produttivi della Regione Puglia Gianna Elisa Berlingerio.
Un investimento di 10 milioni di euro che la Regione Puglia, attraverso l'ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione, ha destinato alla realizzazione di circa 400 percorsi di accompagnamento personalizzati che hanno l'obiettivo di valorizzare le idee imprenditoriali innovative e aiutare a trasformarle in nuove imprese.
Tali percorsi saranno forniti da 25 Factory selezionate con avviso pubblico, che sono raggruppamenti di 255 soggetti pubblici e privati, tra cui Università, Enti Pubblici di Ricerca, incubatori, acceleratori d'impresa, investitori, distretti produttivi e tecnologici, organismi formativi accreditati e Its. Di questi soggetti, 7 sono stranieri e 248 italiani di cui 124 pugliesi.

Tra le tipologie scelte 111 appartengono al sistema di impresa; 40 a quello della ricerca; 38 a quello dell'istruzione e della formazione; 40 sono acceleratori o incubatori e 26 gli investitori; per un totale di ben 811 esperti pronti ad accompagnare e valorizzare le idee dei team pugliesi.
"L'investimento sul capitale umano - ha commentato l'assessore regionale a Formazione e Lavoro Sebastiano Leo - è fondamentale. In Italia dobbiamo investire di più in istruzione e ricerca. La Regione Puglia al contrario sta investendo tanto. Ora però occorre fare sistema, percorrere strade diverse con gli stessi obiettivi. Occorre fornire ai nostri giovani tutti quegli strumenti, quelle competenze, necessari a competere anche a livello internazionale per affrontare la globalizzazione".
"Con questa misura contrastiamo la fuga di giovani dalla Puglia, una delle più grandi urgenze che abbiamo – ha detto l'assessore regionale allo Sviluppo Economico Cosimo Borraccino. -. Estrazione dei Talenti nella nostra strategia si integra perfettamente con altre misure, come Nidi e Tecno Nidi, con cui già finanziamo iniziative di impresa. Oggi qui presentiamo le Factory, ma ora lo sforzo si deve rivolgere ai team di talenti per far sì che le loro idee sì trasformino in progetti concreti e duraturi".
"Tornare a fare impresa è la chiave per lo sviluppo del nostro territorio - ha spiegato il presidente di ARTI Vito Albino -. Dobbiamo tornare ad investire nella ricerca come accade nei Paesi asiatici da cui proviene il 66% dei 3,3 milioni di brevetti registrati nel mondo. Le Factory saranno gli snodi tra il nostro territorio e il resto del mondo".
"La possibilità per molti auto-imprenditori di avere una spalla per iniziare a crescere e realizzare una attività imprenditoriale senza il rischio che la valle della morte delle imprese li catturi e li blocchi definitivamente" - ha spiegato il direttore del Dipartimento dello Sviluppo economico della Regione Puglia Domenico Laforgia.
Nel pomeriggio, per i Team si sono svolti i colloqui individuali per incontrare direttamente le singole Factory - suddivise in 3 aree tematiche d'interesse "Salute dell'uomo e dell'ambiente", "Comunità digitali creative e inclusive" e "Manifattura sostenibile" - e ricevere informazioni sui percorsi di accompagnamento.

Possono candidarsi per accedere ai programmi proposti dalle Factory gruppi informali di aspiranti imprenditori e/o potenziali startupper (minimo tre persone) che condividono un'idea imprenditoriale ad alta intensità di conoscenza. L'avviso "Selezione Team" è attivo ed è organizzato a sportello: le candidature che pervengono sono valutate con cadenza bimestrale, fino all'esaurimento delle risorse disponibili.
Per partecipare alla selezione, i Team che intendono ricevere i servizi di accompagnamento e tutorship forniti dalle Factory devono presentare un progetto imprenditoriale nell'ambito di una delle tre aree prioritarie di innovazione indicate dalla Strategia regionale per la Ricerca e l'Innovazione (Manifattura sostenibile; Salute dell'uomo e dell'ambiente; Comunità digitali, creative e inclusive) e impegnarsi a costituire in Puglia la propria impresa. Gli esiti delle valutazioni di ammissibilità e merito sono pubblicati sul sito estrazionedeitalenti.arti.puglia.it e sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia.
Ciascun Team, selezionato dal nucleo di valutazione, sceglierà la Factory più adatta alle proprie esigenze e coerente con l'area prioritaria di innovazione individuata per il proprio progetto imprenditoriale. Il percorso di accompagnamento alla creazione e accelerazione di impresa innovativa e al relativo business development durerà 300 ore.
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi Tanti i cittadini che in seguito alle chiusure per contenere l'epidemia sono senza lavoro e senza reddito, e le misure del Governo per ora non bastano
Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Firmato l'accordo dopo una trattativa durata tre mesi, Uilm: «Necessario mantenere alta l'attenzione sulla vertenza»
EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" Garantita la retribuzione solo per il mese corrente, i sindacati: «Pronti alla mobilitazione se non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere»
La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno Dall'aerospazio all'informatica tanti gli ingegneri che servono tra Bari, Mola, Bisceglie e Molfetta
Licenziamenti alla Saicaf di Bari, domani incontro al Ministero Licenziamenti alla Saicaf di Bari, domani incontro al Ministero I sindacati convocati per il discorso cassa integrazione straordinaria, i dipendenti fuori per la dismissione del reparto produttivo e magazzino
Asl Bari, il 2020 si apre con quasi 500 assunzioni Asl Bari, il 2020 si apre con quasi 500 assunzioni Sanguedolce: «Inseriamo in azienda risorse fondamentali per dare corpo e contenuti all'assistenza sanitaria territoriale»
Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto Emiliano: «La squadra è un elemento essenziale per far crescere la comunità, il gesto di oggi è coerente con una strategia più ampia che stiamo attuando»
Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» I tre punti vendita in città chiusero dall'oggi al domani lasciando 31 famiglie in mezzo ad una strada
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.