Paola Labriola
Paola Labriola
Cronaca

Psichiatra uccisa a Bari, i giudici sulla condanna dell'ex dg Asl: "Funzioni sanità piegate al budget"

Secondo il tribunale di Bari "vi è stata una sottovalutazione del rischio di aggressioni al personale"

"Una sottovalutazione del rischio di aggressioni al personale" legata anche a una "impostazione economicistica delle funzioni della sanità piegate alle esigenze del budget". Così i giudici del Tribunale di Bari hanno motivato la sentenza con la quale, nell'aprile scorso, è stato condannato l'ex dg della Asl di Bari Domenico Colasanto alla pena di 3 anni e 6 mesi di reclusione. Lo riporta l'Ansa.

Secondo i giudici, non avrebbe garantito la sicurezza nel Centro di salute mentale di via Tenente Casale, nel quartiere Libertà di Bari, dove, il 4 settembre 2013, la psichiatra barese Paola Labriola è stata uccisa da un paziente con 57 coltellate. "La sottovalutazione del tema della sicurezza sul lavoro e la visione del criterio economico come guida principale dell'azione dei vertici dell'Asl - si legge nelle motivazioni della sentenza - ha determinato le scelte di Colasanto di non redigere il documento di valutazione dei rischi dei Centri di salute mentale e di non adottare adeguate misure prevenzionali, così creando le premesse per lasciare privo di adeguati presidi di sicurezza il Csm di via Casale, dove si è verificato il barbaro omicidio della dottoressa Labriola, che esercitava le sue funzioni con abnegazione in un Csm ad alto rischio di sicurezza".
Secondo i giudici, "vi è stata una sottovalutazione del rischio di aggressioni al personale, sia per l'adesione alle teorie basagliane contrarie alla militarizzazione dei Csm, sia per l'impostazione economicistica delle funzioni della sanità, piegate alle esigenze del budget, che denota la principale preoccupazione di molti manager pubblici della sanità, ossia l'equilibrio di bilancio, piuttosto che la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori"
  • tribunale di bari
  • Paola Labriola
Altri contenuti a tema
Palagiustizia di Bari, firmato l'accordo per il trasferimento degli uffici nella sede ex Telecom Palagiustizia di Bari, firmato l'accordo per il trasferimento degli uffici nella sede ex Telecom La presidente dell'ordine degli avvocati: «Soddisfatti, ma auspichiamo che si tratti di una soluzione ponte»
Soldi e sesso per superare l'esame, assolto ex funzionario della Corte d'appello di Bari Soldi e sesso per superare l'esame, assolto ex funzionario della Corte d'appello di Bari La studentessa che lo accusava è stata condannata al pagamento delle spese processuali
Crac Fse, in 19 andranno a processo a Bari per bancarotta Crac Fse, in 19 andranno a processo a Bari per bancarotta C'è anche l'ex amministratore unico Fiorillo e l'ex ad di Bnl Gallia
Arresto ex Gip di Bari, il Riesame: De Benedictis resta in carcere Arresto ex Gip di Bari, il Riesame: De Benedictis resta in carcere Rigettata la richiesta di annullamento della custodia e sostituzione con i domiciliari
Ex GIP di Bari De Benedictis, concluse le indagini Ex GIP di Bari De Benedictis, concluse le indagini Contestati a vario titolo i reati in concorso di corruzione in atti giudiziari, corruzione per atto contrario al dovere d'ufficio e rivelazione del segreto d'ufficio
Corruzione, arrestato il GIP di Bari De Benedictis. Mazzette per far liberare imputati Corruzione, arrestato il GIP di Bari De Benedictis. Mazzette per far liberare imputati In carcere anche l'avvocato Giancarlo Chiariello, il denaro consegnato anche nel bar nei pressi del tribunale
Bari, soda caustica al posto dell'acqua per la piccola Anna Maria. Il PM: «Lesioni gravissime» Bari, soda caustica al posto dell'acqua per la piccola Anna Maria. Il PM: «Lesioni gravissime» Nell'udienza dello scorso 29 gennaio sono stati modificati i capi di imputazione nel processo che vede alla sbarra i dipendenti della sala di Turi
Processo a Casapound, presidio antifascista fuori dal Tribunale di Bari Processo a Casapound, presidio antifascista fuori dal Tribunale di Bari Partita la prima udienza relativa ai fatti di violenza accaduti il 21 settembre 2018
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.