Foto conferenza stampa
Foto conferenza stampa
Politica

Primarie PD. C-Entra il futuro presenta il programma di Amati

«‘Fuori il problema, dentro la soluzione’, non è uno slogan ma un metodo per aiutare le persone nelle loro sofferenze e nelle difficoltà»

«Alle primarie stiamo candidando una squadra, perché un uomo da solo è in cattiva compagnia, e un elenco di soluzioni. 'Fuori il problema, dentro la soluzione', non è uno slogan ma un metodo per aiutare le persone nelle loro sofferenze e nelle difficoltà. Assumere la responsabilità di una decisione, argomento per argomento, è stato il nostro metodo negli ultimi cinque anni, con iniziative anche vigorose. Noi abbiamo soluzioni perché non vogliamo essere una parte del problema e per questo siamo qui. Ci rendiamo conto, inoltre. che solo con la nostra vittoria c'è la possibilità di allargare la coalizione a quei partiti e movimenti politici che non stanno nelle primarie perché non vogliono sostenere Emiliano e il suo programma».

Lo ha detto il consigliere regionale Fabiano Amati, candidato alle Primarie 2020, in apertura della conferenza stampa di questa mattina promossa con i consiglieri Sergio Blasi, Ruggiero Mennea, Gianni Liviano e Donato Pentassuglia, fondatori insieme a lui dell'associazione C-Entra il futuro.

«Per il problema delle liste d'attesa, per esempio, come si fa a stare vicino alle persone? Uno dei rimedi, da noi già proposto in Consiglio regionale, è quello di sospendere l'attività a pagamento in caso di disallineamento tra i tempi di attesa tra attività istituzionale e a pagamento. Su xylella abbiamo combattuto una battaglia imponente: riteniamo che per provare a contenere il batterio sia necessario accordarsi con la prova scientifica perché per tanti anni non lo abbiamo fatto, alimentando di fatto il contagio fino alla Piana degli ulivi monumentali. Sui rifiuti, occorre creare impianti per togliere la monnezza dalle strade; per agricoltura e imprese, all'inizio della Legislatura, presentammo una proposta di legge per l'istituzione di un ente strumentale, Puglia Azioni Veloci, mai sostenuta, per liquidare rapidamente gli aiuti e non per mettersi nelle mani della burocrazia strozzina, che fa pagare il tempo con un alto tasso d'interessi. Sull'ex Ilva, prima la salute che si raggiunge con il Piano ambientale, con la tranquillità che la sua attuazione non porti guai giudiziari, e poi di riflesso sostenendo il lavoro e la produzione della fabbrica e del suo indotto. E mentre ciò sembra normale, il Consiglio regionale della Puglia - come sta accadendo in queste ore - non ha nemmeno il coraggio di dividersi nel voto sulle tre mozioni presentate, magari pure dividendosi, perché se la soluzione da proporre comporta i rischi del decidere si preferisce non dire e non fare. Su questa e altre soluzioni ritorneremo nei prossimi giorni con maggiore puntualità».

«Dobbiamo fornire alla Puglia e ai pugliesi l'opportunità di darsi delle risposte, di scegliere una candidatura alla guida della Regione, perché è la complessità dei tempi che lo chiede. Proponiamo la candidatura di Fabiano, una persona che sul campo ha dimostrato attenzione ai problemi della Puglia, di fare squadra, di avere una rete di rapporti tesi a risolvere i problemi – ha aggiunto il consigliere Donato Pentassuglia. Parla con il mondo che rappresenta la Puglia, con le persone e i loro problemi. Con lui abbiamo sperimentato questo gruppo che ha lavorato a viso aperto, garantendo il rispetto per le istituzioni. I numeri in termini di proposte, di proposte diventate leggi e soluzioni hanno determinato una certa attenzione su di noi e vogliamo che su questo la gente rifletta nei prossimi due mesi. Viste le emergenze della Puglia, il nostro progetto e le nostre soluzioni mettono nelle condizioni di risolvere e affrontare con serietà e passione i problemi: da qui l'idea di un lavoro non contro qualcuno, ma a favore della nostra regione».

«Le Primarie sono uno strumento da utilizzare pienamente. La proposta di Fabiano Amati non è la proposta di una persona, ma la proposta di un progetto. Noi proveremo a mobilitare le sensibilità, la testa e il cuore dei pugliesi intorno a soluzioni e non semplicemente con il racconto dei problemi che sono in campo – ha dichiarato il consigliere Sergio Blasi. Questo sarà l'impegno di chi come noi si è rapportato con la propria coalizione con lealtà e serietà producendo punti di vista alternativi necessari nell'interesse della nostra regione. È difficile trovare qualcuno che non riconosca le persone che sono qui per competenza e serietà; in un tempo in cui la superficialità sembra avere la meglio, non sembri controcorrente mettere al centro serietà, competenza e studio. Ecco perché mettiamo sul tavolo delle questioni cruciali per la crescita e lo sviluppo di questa regione le soluzioni più utili e necessarie, non per affrontare solo il presente, ma anche a sostegno degli anni che abbiamo davanti. Non ci rassegniamo al sud malato, vogliamo produrre soluzioni utili e necessarie per venirne fuori perché riconosciamo alla Puglia, alle sue donne e ai suoi uomini straordinarie capacità e forza».

«Questo è l'epilogo di un percorso che abbiamo fatto sin dall'inizio di questa Legislatura – ha concluso il consigliere Ruggiero Mennea. Abbiamo molto spesso cercato di offrire soluzioni a problemi ingigantiti negli anni, abbiamo cercato di dare una maggiore spinta. Il senso del nostro contributo è quello di colmare le carenze consacrate dai cittadini; abbiamo fatto spesso azioni isolate e incomprese da chi aveva il comando, ma sono state molto apprezzate da chi aveva la nostra stessa sensazione. Questa non è una dichiarazione di battaglia contro qualcuno, ma una presa di coscienza di farsi carico delle criticità che abbiamo riscontrato e rispetto alle quali vogliamo dare e dire che abbiamo soluzioni efficaci, ragionate e studiate, e che vogliamo mettere a disposizione di una coalizione sempre più ampia. Il coraggio di portare avanti le proprie idee ci ha spinto a proporre un'anteprima delle prossime regionali che penso siano apprezzate dai cittadini e da coloro i quali vedono ancora nel centrosinistra un punto di riferimento di questo governo regionale. Un'azione di grande responsabilità e impegno sempre nell'interesse della nostra comunità, anche per fare muro contro alcune derive a cui abbiamo assistito recentemente che non possono più appartenere a un progetto politico che deve mettere al centro chi ha la capacità di pensare e attuare soluzioni».
  • PD
  • regionali puglia 2020
  • fabiano amati
Altri contenuti a tema
Spaccatura nella Lega Puglia, interviene Salvini: «Chi fa polemica è fuori» Spaccatura nella Lega Puglia, interviene Salvini: «Chi fa polemica è fuori» Il leader del Carroccio mette un punto sulla vicenda Altieri e annuncia: «A breve tornerò». Caroppo insiste: «Non posso tacere, si faccia una vera sintesi»
Frattura nella Lega Puglia, in 108 scrivono a Salvini: «Altieri candidato non condiviso» Frattura nella Lega Puglia, in 108 scrivono a Salvini: «Altieri candidato non condiviso» Molti esponenti del Carroccio pugliese si rivolgono al leader. Tra loro anche il capogruppo al Comune di Bari Michele Picaro
Regionali Puglia, si va verso la data del 20 settembre per l'election day Regionali Puglia, si va verso la data del 20 settembre per l'election day Si voterà anche per il referendum costituzionale e per il rinnovo dei consigli comunali
Regionali Puglia, la Lega si spacca sul nome di Altieri. Caroppo: «Scelta non condivisa» Regionali Puglia, la Lega si spacca sul nome di Altieri. Caroppo: «Scelta non condivisa» L'eurodeputato del Carroccio: «Contrari all'atteggiamento del direttivo. Il rischio è favorire Emiliano»
Regionali Puglia, Nuccio Altieri è il candidato presidente della Lega Regionali Puglia, Nuccio Altieri è il candidato presidente della Lega Il segretario regionale D'Eramo: «La nostra proposta alla coalizione di centrodestra per vincere le elezioni»
Regionali Puglia, Salvini: «Prima si pensi all'emergenza» Regionali Puglia, Salvini: «Prima si pensi all'emergenza» Il leader della Lega: «Stiamo lavorando a un programma in cui si parli di turismo, cultura e agricoltura»
Regionali Puglia, Emiliano vuole il voto a luglio. Contrarie le opposizioni Regionali Puglia, Emiliano vuole il voto a luglio. Contrarie le opposizioni Il presidente in audizione alla VII commissione: «Con eventuale seconda ondata a novembre si dovrebbe ancora ritardare»
Emergenza Coronavirus, le regionali in Puglia slittano all'autunno Emergenza Coronavirus, le regionali in Puglia slittano all'autunno Il nuovo decreto del Governo stabilisce che le elezioni si svolgano fra ottobre e dicembre
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.