Bari i rifiuti trovati
Bari i rifiuti trovati
Territorio

Plastica e non solo, i volontari ripuliscono il molto di Ponente di Santo Spirito a Bari

L'operazione di Greenpeace, in collaborazione con le associazioni MOH, VogliAMO Santo Spirito Pulita e Soposup

Il gruppo Greenpeace di Bari, in collaborazione con le associazioni MOH, VogliAMO Santo Spirito Pulita e Soposup, ha svolto oggi, presso il molo di Ponente a Santo Spirito, la pulizia del molo dai rifiuti. Volontari e volontarie hanno inoltre catalogato le diverse tipologie di materiali raccolti, con un occhio particolare per le bottiglie di plastica, uno degli oggetti in cui è più facile imbattersi tra quelli dispersi nell'ambiente.

«L'Italia è uno dei maggiori consumatori globali di bottiglie di plastica per le acque minerali e le bevande, e ogni anno fino a 7 miliardi di queste bottiglie rischiano di finire disperse nell'ambiente», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. «Nonostante questi numeri impietosi, le grandi aziende continuano a immettere sul mercato enormi quantitativi di bottiglie di plastica, non assumendosi alcuna responsabilità riguardo il corretto riciclo e il recupero. Se vogliamo ridurre l'inquinamento da plastica nei nostri mari e mettere da parte la dipendenza da petrolio e gas fossile, è necessario che le grandi aziende promuovano subito l'impiego di contenitori riutilizzabili e prendano le distanze dallo sfruttamento dei combustibili fossili», conclude Ungherese.

In base ai dati diffusi di recente nel rapporto di Greenpeace "L'insostenibile peso delle bottiglie di plastica", ogni anno finiscono sul mercato italiano più di 11 miliardi di bottiglie in plastica: più del 60 per cento non viene riciclato, rischiando così di essere disperso nell'ambiente e nei mari. Questi imballaggi generano inoltre 850 mila tonnellate di CO2 equivalenti, peggiorando la crisi climatica in atto. Le aziende che nel nostro Paese continuano a fare enormi profitti con questo business inquinante sono San Benedetto, Nestlé-San Pellegrino e Sant'Anna per le acque minerali e Coca Cola, San Benedetto e Nestlé-San Pellegrino per il mercato delle bibite.

Nelle scorse settimane Greenpeace ha lanciato una petizione per chiedere alle aziende leader del mercato italiano di ridurre drasticamente il ricorso a bottiglie in plastica monouso e adottare sistemi di vendita basati sull'impiego di contenitori riutilizzabili. Solo così si potrà ridurre l'inquinamento marino e la dipendenza da petrolio e gas fossile, materie prime da cui si ricava la plastica.

In queste settimane l'associazione ambientalista, in collaborazione con la Fondazione Exodus e i ricercatori e le ricercatrici dell'Università Politecnica delle Marche e del CNR-IAS di Genova, è impegnata nella spedizione di ricerca "Difendiamo il Mare". L'obiettivo è misurare l'impatto della contaminazione da plastica e microplastica e dei cambiamenti climatici in Adriatico, due fenomeni interconnessi e riconducibili a un'origine comune: lo sfruttamento dei combustibili fossili.
  • Rifiuti
  • Greenpeace
Altri contenuti a tema
Scarti edili accatastati in "discarica" improvvisata su un terreno dei genitori, denunciato Scarti edili accatastati in "discarica" improvvisata su un terreno dei genitori, denunciato L'uomo, quarantenne, ha dichiarato che avrebbe provveduto successivamente al corretto smaltimento
Area comunale adibita a discarica, denunciato settantenne Area comunale adibita a discarica, denunciato settantenne Sul terreno depositati rifiuti di diverso tipo, speciali pericolosi e non
Valenzano, il centro raccolta si farà. Arrivano i soldi dalla Regione Puglia Valenzano, il centro raccolta si farà. Arrivano i soldi dalla Regione Puglia «Finalmente doteremo la città di un'opera fin troppo attesa, che sarà realizzata in via Casamassima»
Bari, a Torre a Mare arriva un nuovo "pesce mangia plastica" Bari, a Torre a Mare arriva un nuovo "pesce mangia plastica" Getto, questi il nome, è stato installato sul piazzale antistante il porto grazie all'impegno di Progetto Bari
Interravano rifiuti nelle campagne: un arresto e 14 indagati Interravano rifiuti nelle campagne: un arresto e 14 indagati I rifiuti provenivano da quattro aziende che avrebbero risparmiato circa 100mila euro sui costi di smaltimento dei materiali
Bari, rifiuti di ogni tipo in una discarica abusiva a Poggiofranco Bari, rifiuti di ogni tipo in una discarica abusiva a Poggiofranco Sequestrata l'area di circa 450 metri quadrati, le indagini della polizia locale sono durate due mesi
Area di 10mila metri quadri adibita a discarica, scatta il sequestro in provincia di Bari Area di 10mila metri quadri adibita a discarica, scatta il sequestro in provincia di Bari Accertato anche che i rifiuti venivano spesso smaltiti bruciandoli in lodo distruggendo la vegetazione e l'habitat naturale presente
"ParkingDay" a Bari, Greenpeace trasforma un parcheggio in area gioco "ParkingDay" a Bari, Greenpeace trasforma un parcheggio in area gioco L'evento questa mattina in corso Mazzini al quartiere Libertà in occasione della Settimana Europea della Mobilità
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.