sicurezza sul lavoro scafati
sicurezza sul lavoro scafati
Attualità

Operaio morto ad Adelfia, Cgil: «Sicurezza argomento sconosciuto»

Mentre sono in corso indagini per comprendere l'effettiva dinamica dell'incidente i sindacati dicono la loro

«Una terribile notizia ci riporta alla cronaca più dura nel mondo del lavoro di fronte alla tragedia di Adelfia con la morte di un operaio 24enne precipitato dal tetto di un capannone. In attesa di conoscere l'effettiva dinamica, si consuma un'ennesima tragedia mentre il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro continua ad essere argomento sconosciuto per questo governo, mentre vengono svuotati di risorse, di mezzi e di personale gli organi preposti ai controlli».

Con queste parole ieri in serata Cgil Bari ha voluto esprimere il suo pensiero in merito all'incidente sul laviri cistato la vita ad un giovane 24enne di Capurso. «Il nostro pensiero va alla famiglia di un giovane operaio - proseguono - Mentre questo governo pensa alla riduzione del premio INAIL come misura per diminuire il cuneo fiscale e rendere meno pesante il costo del lavoro per le imprese, nel mondo reale i lavoratori continuano a morire per lo scarso interesse verso i temi della sicurezza sui luoghi di lavoro. Intendiamo aprire un tavolo con ispettorato del lavoro, Inail e Inps perché siano intensificati i controlli. Occorre finalmente mettere in atto tutti gli strumenti contrattuali e sensibilizzare le aziende tramite le associazioni di categoria perché questa strage abbia fine».

«È una vera strage quella che quotidianamente registriamo nei luoghi di lavoro ogni giorno in questo Paese - sottolinea Giuseppe Boccioni di Cisl Bari - in provincia di Bari, ad Adelfia un giovane operaio saldatore di appena 24 anni, originario di Capurso, ha trovato la morte sul luogo di lavoro. Siamo terribilmente scossi da questa notizia, che ci porta a denunciare con forza che nei luoghi di lavoro la mattanza degli infortuni mortali è la più atroce responsabilità omissiva di chi deve vigilare e vigila poco e di chi deve ottemperare e ottempera poco e niente. Esprimo il mio più profondo cordoglio e di tutta la Cisl di Bari nei confronti dei familiari della giovane vittima, augurandoci che la morte di Davide Di Gioia possa scuotere le coscienze di chi dovrebbe e potrebbe cambiare questa insicurezza diffusa sui luoghi di lavoro».

«Dove possiamo incidere, lo facciamo con determinazione, soprattutto dove abbiamo le nostre Rsa, Rsu e i nostri Rls - rimarca Boccuzzi - Come Cisl di Bari-Bat e insieme a Cgil e Uil abbiamo sottoscritto con alcuni comuni delle 2 province e con alcuni Enti pubblici, dei protocolli sui lavori pubblici che rafforzano gli interventi di prevenzione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Ma c'è tanto da fare, perché sono tante le imprese che pur di risparmiare, fanno operare i loro dipendenti in condizioni di estremo pericolo, approfittando dei scarsi controlli da parte delle istituzioni preposte».
  • Sindacati
  • incidente sul lavoro
Altri contenuti a tema
Fallimento Mercatone Uno, 27 e 28 maggio appuntamenti decisivi per le sorti dei dipendenti Fallimento Mercatone Uno, 27 e 28 maggio appuntamenti decisivi per le sorti dei dipendenti Dopo la notizia della mancata concessione del concordato preventivo e la chiusura di tutti i negozi si sono attivate le procedure per gli operai
Bari, tutti riders per un giorno con "Just Right" Bari, tutti riders per un giorno con "Just Right" L'evento, organizzato da Cgil, Cisl e Uil punta a porre l'attenzione sui diritti dei lavoratori
Bosch Bari, Uilm: «Faremo sentire la voce dei lavoratori» Bosch Bari, Uilm: «Faremo sentire la voce dei lavoratori» Si discute del futuro durante le assemblee dei lavoratori promosse dalle rappresentanze sindacali
Metro, sciopero a Bari e in tutta Italia Metro, sciopero a Bari e in tutta Italia Sindacati e lavoratori contro il nuovo regolamento interno applicato unilateralmente dall'azienda
Mercatone Uno, Shernon chiede il concordato in continuità. Tremano 256 famiglie Mercatone Uno, Shernon chiede il concordato in continuità. Tremano 256 famiglie Dopo soli otto mesi dal passaggio alla nuova proprietà problemi per l'azienda. A Bari coinvolti in 47, il 18 aprile sciopero a Roma
Ex Om, dopo sedici mesi si sblocca la cassa integrazione Ex Om, dopo sedici mesi si sblocca la cassa integrazione La curatela finalmente sigla il verbale, si procede dal dicembre 2017 per tutti gli operai
Bosch Bari, preoccupazione per il 50% dei dipendenti Bosch Bari, preoccupazione per il 50% dei dipendenti La situazione del sito barese sembra sempre più drammatica dopo le dichiarazioni dell'AD di Bosch Italia, Gerhard Dambach
«Niente salario per i dipendenti Agenzia delle entrate», sciopero il 2 aprile in Puglia «Niente salario per i dipendenti Agenzia delle entrate», sciopero il 2 aprile in Puglia L'agitazione è stata proclamata da Cgil, Cisl, Uil, Unsa e Flp. Michele Giuliano: «Un atto contro natura»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.