Consegna borracce
Consegna borracce
Speciale

NO CAP seleziona 50 braccianti extracomunitari da inserire nella filiera bio-etica contro il caporalato

Il raccolto sarà trasformato in conserve di pomodoro bio a marchio “IAMME” distribuite nei supermercati del Gruppo Megamark

È iniziata la selezione di 50 braccianti extracomunitari provenienti dai diversi ghetti della Capitanata che verranno assunti dall'azienda agricola Prima Bio, con regolare contratto di lavoro stagionale, nella raccolta dei pomodori per la campagna 2021/2022.

L'iniziativa è inserita nell'ambito dell'intesa, avviata nel 2019, tra il Gruppo Megamark di Trani, leader della distribuzione moderna nel Mezzogiorno con oltre 500 supermercati) e l'associazione internazionale anticaporalato NO CAP (impegnata nel promuovere e valorizzare le aziende agricole che rispettano la legalità e i diritti dei lavoratori) che hanno dato vita alla prima filiera bio-etica contro il caporalato.

Oltre al regolare contratto di lavoro – che prevede 6,5 ore di lavoro e una paga giornaliera di 70 euro lordo (contro le 10 ore lavorative imposte dai caporali per una paga di 30 euro, oltre al costo del trasporto su mezzi pericolosi) - i cinquanta braccianti potranno alloggiare nel Villaggio Don Bosco gestito dalla Comunità Emmaus e raggiungere i campi di pomodori nel Gargano con un mezzo di trasporto messo gratuitamente a loro disposizione.

Il raccolto sarà poi trasformato dall'azienda Prima Bio di Rignano Garganico in passate di pomodoro biologico con marchio di qualità etico "IAMME' e distribuite nei supermercati del Gruppo Megamark a insegna A&O, Dok, Famila, Iperfamila e Sole365 presenti nel Mezzogiorno.

In questo periodo caratterizzato da temperature particolarmente elevate, l'associazione internazionale NO CAP sta distribuendo ai lavoratori impegnati nei campi della sua rete di aziende in Puglia, Basilicata, Sicilia, Calabria e Campania 500 borracce termiche donate dalla Fondazione Megamark per mantenere l'acqua fresca.

«Lo sfruttamento lavorativo – dichiara Yvan Sagnet, presidente dell'associazione NOCAP – è agevolato dalla condizione di disagio e vulnerabilità del lavoratore, spesso, ma non esclusivamente, migrante o preveniente da contesti difficili. Non solo le associazioni, il mondo istituzionale e quello imprenditoriale possono fare qualcosa per contrastare questo fenomeno ma anche i cittadini possono fare la loro parte scegliendo di comprare prodotti etici e permettendo quindi a modelli virtuosi come questo di crescere nel tempo».
.
«"IAMME" – spiega Francesco Pomarico, direttore operativo del Gruppo Megamark – è il nostro contributo per una società migliore in cui chi lavora nel settore agroalimentare, impresa o bracciante di qualsiasi razza o provenienza, deve farlo nel solco delle leggi. Anche il consumatore ha tra le mani un'arma potentissima per combattere la piaga del caporalato: informato su cosa porta in tavola, può scegliere consapevolmente cosa mettere nel carrello».
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Conte Spagnoletti Zeuli: «Agricoltura prima industria in Puglia. Siccità? Bisogna tesorizzare l'acqua» Conte Spagnoletti Zeuli: «Agricoltura prima industria in Puglia. Siccità? Bisogna tesorizzare l'acqua» La seconda parte dell'intervista al Presidente emerito di Confagricoltura e leader dell'associazione RESTART
Agricoltura, il Conte Spagnoletti Zeuli: «Nei prossimi due anni ci giochiamo il futuro di questo settore» Agricoltura, il Conte Spagnoletti Zeuli: «Nei prossimi due anni ci giochiamo il futuro di questo settore» La prima parte dell'intervista al Presidente emerito di Confagricoltura e leader dell'associazione RESTART curata dalla nostra redazione
Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Secondo le stime di Coldiretti Puglia, sono 250mila gli animali selvatici in Puglia, 15% in più rispetto al 2020.
Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Le mucche a causa delle alte temperature stanno producendo fino al 15% circa di latte in meno rispetto ai periodi normali
Troppo caldo in Puglia, stop al lavoro nei campi dalle 12.30 alle 16 Troppo caldo in Puglia, stop al lavoro nei campi dalle 12.30 alle 16 Il presidente Emiliano ha firmato oggi una ordinanza apposita, dopo le tragiche notizie dei giorni scorsi
Puglia, per valorizzare coltura del carrubo nasce il progetto CE.SI.R.A. - CEratonia SIliqua Puglia, per valorizzare coltura del carrubo nasce il progetto CE.SI.R.A. - CEratonia SIliqua Sono otto i partner del territorio afferente ai comuni di Ostuni, Fasano e Monopoli, coordinati dall’Azienda Agricola Olère
Prezzi troppo bassi per le ciliegie, agricoltori protestano gettandole in strada Prezzi troppo bassi per le ciliegie, agricoltori protestano gettandole in strada Succede a Casamassima, il sindaco Giuseppe Nitti: «Siamo disponibili ad un incontro finalizzato a guardare al futuro»
Crimini contro il comparto agricolo a Bari, troppo poche le denunce Crimini contro il comparto agricolo a Bari, troppo poche le denunce È quanto emerso da un incontro tenutosi ieri in Prefettura
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.