Il waterfront di San Girolamo
Il waterfront di San Girolamo
Vita di città

Niente inaugurazione per il Waterfront a Bari, Melini: «Brutta opera incompiuta»

Il 23 gennaio sarebbe dovuta essere la data di fine lavori e di consegna dell'opera, ma il cantiere è ancora in alto mare

Oggi è il 23 gennaio 2019, la data che l'amministrazione comunale aveva comunicato come giorno della consegna del Waterfront di San Girolamo. Ma ad oggi i lavori non sono finiti, e il cantiere sembra anche essere fermo o comunque non procedere celermente. Lo stesso comitato di quartiere circa dieci giorni fa aveva espresso i suoi dubbi sulla possibilità che si potesse rispettare la data comunicata.

«Non vogliamo denigrare la buona volontà di nessuno - scrivevano in una nota - ma non siamo ciechi e basta farsi un giro sul tutto il lungomare per rendersi conto che con l'attuale stato dei luoghi, solo un miracolo sarebbe in grado di completare le opere e renderle operative in meno di 10 giorni lavorativi e con un numero forza lavoro che nelle belle giornate, è inferiore a 10 operai. E a quanto sopra evidenziato, bisogna aggiungere la questione di dove e come reperire la sabbia per il completamento delle due spiagge, l'installazione dei prefabbricati ufficiali che fungeranno da WC e servizi aggiuntivi, la manutenzione del verde affidata ai "Vivai De Grecis" i quali si sono presentati solo per qualche foto di rito, dopodiché sono scomparsi».

E oggi sull'argomento è tornata la consigliera e candidato sindaco Irma Melini, da sempre interessata alla questione, al punto da far partire la sua campagna elettorale proprio da questo lungomare.

«Il waterfront di San Girolamo resta un'opera incompiuta - dichiara Melini - È questa la triste verità che Decaro dovrebbe raccontare ai baresi che oggi avrebbero dovuto assistere alla consegna dei lavori e che invece aspettano ancora di vedere completato il "lungomare più bello dell'Adriatico", rimasto un cantiere a cielo aperto. Oltre 11 milioni di euro spesi per i lavori il cui risultato finale è più che discutibile e che sta provocando più disagi che benefici all'intero quartiere, dai residenti ai commercianti. Errori di progettazione, ritardi accumulati, date di consegna mai rispettate e un'attesa infinita per vedere oggi che cosa?»

«Il lungomare che lascia questa Amministrazione è un lungomare dove la prima spiaggia, inaugurata due anni fa dal sindaco, oggi non esiste più - sottolinea - dove le barriere frangiflutti non assolvono alla loro funzione e le correnti marine distruggono quanto appena realizzato, dove il verde è inesistente e i pochi alberelli piantati sono inadeguati, piegati dal maestrale e nemmeno messi in sicurezza, e dove la zona destinata ai bagni pubblici, oggi assenti, è diventata un'area di degrado. Senza tener conto dell'ecomostro di cemento che campeggia sullo sfondo e che toglie dignità al quartiere».

«A questo si aggiunga che la viabilità di San Girolamo - conclude la consigliera - è completamente compromessa proprio per l'incapacità di questa amministrazione di programmare prima l'allargamento di strada San Girolamo, che è arteria principale, e di realizzare i marciapiedi, che per il 90 per cento sono inesistenti, e quindi di mettere in sicurezza i pedoni, e poi di fare il lungomare seppur con dei lavori infiniti».
  • Waterfront
  • irma melini
  • waterfront san girolamo
Altri contenuti a tema
Bari, chiude un altro negozio a San Girolamo. I commercianti: «Cantiere ci penalizza» Bari, chiude un altro negozio a San Girolamo. I commercianti: «Cantiere ci penalizza» Scoppia la protesta degli esercenti che operano nei pressi del complesso "Equatore"
Cara di Palese verso la chiusura, Melini: «Che fine faranno ospiti e lavoratori?» Cara di Palese verso la chiusura, Melini: «Che fine faranno ospiti e lavoratori?» Mentre si fa sempre più concreta la possibilità che il centro non continui la sua attività, la consigliera scrive al prefetto
Termosifoni ancora malfunzionamenti in alcune scuole baresi Termosifoni ancora malfunzionamenti in alcune scuole baresi Melini: "Alla Marco Polo e alla Mazzini Modugno bambini in classe con il giubbotto"
Cassa prestanza, l’opposizione: «Decaro porti carte in Procura e si dimetta». Il sindaco: «Comune non c’entra» Cassa prestanza, l’opposizione: «Decaro porti carte in Procura e si dimetta». Il sindaco: «Comune non c’entra» Centrodestra e M5S compatti per condannare l’audio della discordia. Il primo cittadino si difende: «Stanno alla frutta»
Decentramento amministrativo, Melini attacca: «Nessuna delega per un costo di oltre 1 milione» Decentramento amministrativo, Melini attacca: «Nessuna delega per un costo di oltre 1 milione» La seduta va deserta, la consigliera: «Solo promesse mai mantenute fino a questo momento»
Mareggiate sul waterfront di San Girolamo, il comitato: «Frangiflutti inutili. Si corra ai ripari» Mareggiate sul waterfront di San Girolamo, il comitato: «Frangiflutti inutili. Si corra ai ripari» Dura nota dei residenti del quartiere: «Tanti soldi e tanti sforzi per un'opera dai risultati mediocri»
Cassa Prestanza, Melini diffida il Comune di Bari Cassa Prestanza, Melini diffida il Comune di Bari La consigliera: «Annullare i provvedimenti illegittimamente adottati e gravemente lesivi dei diritti e degli interessi degli iscritti»
Piogge su Bari, allagamenti a Pane e Pomodoro. Melini: «Attendiamo ancora prolungamento condotta Matteotti» Piogge su Bari, allagamenti a Pane e Pomodoro. Melini: «Attendiamo ancora prolungamento condotta Matteotti» La consigliera d'opposizione attacca: «Unica spiaggia completamente pubblica della città inagibile»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.