Matrimonio in crisi
Matrimonio in crisi
Attualità

Matrimonio e quarantena, gli psicologi di Puglia spiegano come evitare che la coppia scoppi

«Venendo meno la possibilità di scelta emergono i conflitti», ecco cosa fare per superare indenni il lock down

Elezioni Regionali 2020
Il repentino mutamento delle abitudini giornaliere sta mettendo a dura prova intere famiglie, molte delle quali già in precedenza erano delle convivenze forzate. Uno degli aspetti da tenere maggiormente in considerazione riguarda gli spazi fisici da dover condividere, in alcuni casi molto stretti. Abitare in una casa piccola, magari con 2 o 3 persone, può amplificare lo stato di stress. Ad aggravare la situazione, in molti casi, vi è la difficoltà economica. Molte persone, infatti, stanno perdendo il lavoro ed altre stanno guadagnando molto meno. Oltre ad essere, quindi, un processo complesso dal punto di vista logistico lo è anche da quello emotivo.

Avere del tempo per sé e ritagliare spazi individuali determina una significativa azione per far sì che la coppia si mantenga viva. Questi aspetti però, in un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo, non sono più tanto semplici da mantenere bensì diventano vere e proprie utopie. Ritrovarsi da un giorno all'altro a trascorrere le lunghe giornate interamente in casa, rinunciando agli svaghi e vivendo una sensazione di isolamento, mina l'equilibrio interiore e, conseguentemente, quello di coppia.

«L'isolamento sopprime la libertà, o almeno l'idea che abbiamo di essa, agendo sulla nostra esperienza psicologica - afferma il presidente dell'Ordine degli Psicologi della regione Puglia Vincenzo Gesualdo - C'è una sostanziale differenza tra il rimanere in casa sapendo di poter uscire liberamente e il non poter uscire perché costretti a condividere tempo e spazi relativamente stretti. Venendo meno la possibilità di scelta emergono i conflitti».

Emozione comune in questo periodo è l'angoscia verso un qualcosa di ignoto, non visibile e che non sappiamo per quanto ancora durerà. Il timore verso un qualcosa che non si conosce genera la paura, un'emozione fondamentale per la nostra sopravvivenza ma che quando diventa incontrollabile può portare a reazioni esasperate nei confronti di chi abbiamo vicino, in questo caso del proprio partner, generando un forte stress.

Per far sì che la vita di coppia superi incolume la quarantena è essenziale porre l'attenzione sulla comunicazione fra partner, elemento imprescindibile per la sua utilità ed efficacia. Scoprire quanto le parole possano sostituire un bacio, quanto sia importante dare un nome a ciò che proviamo per condividerlo con chi ci sta accanto.

«Fondamentale è riuscire a comprendere il vero valore dell'esser coppia - continua Gesualdo - Il peso dell'angoscia, in questo momento ancor di più, è divisibile per due e non potenziato per uno. Il principio cardine è unità, non divisibilità».

Riuscire ad esprimere le proprie emozioni e a cogliere quelle dell'altro presuppongono un grande impegno interiore, oltrepassando la convinzione che il nostro modo di essere sia migliore di quello dell'altro.

«La quarantena sta mettendo tutti davanti ai propri limiti ma nello stesso tempo sta facendo maturare la parte più autentica in tutti noi, quella che ci farà apprezzare maggiormente i piccoli gesti che adesso ci sono vietati e che davamo per scontati, come il valore di un abbraccio - conclude - Ciò che è ideale, quindi, è rafforzare le strategie di convivenza e migliorare la vita di coppia, aspetti che aiuteranno a fortificare i legami anche dopo questa quarantena».

Al fine di aiutare a superare i momenti di crisi che molte coppie stanno vivendo in questo periodo di emergenza, l'intero Ordine invita tutti coloro che ne abbiano bisogno a contattare psicologi e psicoterapeuti di coppia.
  • Matrimonio
  • Psicologia
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Stretta sulle vacanze, obbligo di quarantena per chi rientra da Spagna, Malta e Grecia Stretta sulle vacanze, obbligo di quarantena per chi rientra da Spagna, Malta e Grecia Lo comunica il presidente della Regione dopo i diversi casi degli ultimi giorni legati ai ritorni dall'estero. Firmata ordinanza
Covid-19, quattro dei nuovi positivi registrati ad Acquaviva e Monopoli Covid-19, quattro dei nuovi positivi registrati ad Acquaviva e Monopoli Si tratta di due cittadini rientrati dall'estero e altrettanti visitatori arrivati nella nostra regione
Coronavirus, in Puglia si registrano altri venti casi Coronavirus, in Puglia si registrano altri venti casi Sono 9 in provincia di Bari. Sanguedolce: «Persone rientrate da Grecia, Malta e Lombardia»
Mola di Bari, negativi tamponi per chi era entrato in contatto con il 18enne positivo al Covid Mola di Bari, negativi tamponi per chi era entrato in contatto con il 18enne positivo al Covid Il sindaco Colonna: «Il giovane è in quarantena obbligatoria insieme al suo nucleo familiare
Coronavirus, nuova impennata di casi in Puglia: oggi sono 26 Coronavirus, nuova impennata di casi in Puglia: oggi sono 26 Sono 11 in provincia di Bari. Sanguedolce: «Sei vacanzieri tornati da Malta e cinque contatti stretti della donna incinta ricoverata al Di Venere»
Asl Bari, tamponi su base volontaria per chi arriva dall'estero o altre regioni Asl Bari, tamponi su base volontaria per chi arriva dall'estero o altre regioni Il test può essere eseguito su prenotazione nei punti individuati dall'azienda sanitaria. Ecco come
Coronavirus, ancora 9 contagi in Puglia Coronavirus, ancora 9 contagi in Puglia Sono 1 a Bari e Lecce e 6 a Foggia, non si registrano decessi
Positivi al Coronavirus in vacanza a Monopoli, scatta la quarantena Positivi al Coronavirus in vacanza a Monopoli, scatta la quarantena Il gruppo del Lussemburgo aveva fatto il tampone prima di partire, trasferiti a San Nicandro Garganico
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.