Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Mascherine e dispositivi di protezione contraffatti, altro maxi sequestro in provincia di Bari

I commercianti che vendevano i prodotti non conformi rischiano una sanzione dal 25mila euro

Altro maxi sequestro di mascherine e dispositivi di protezione individuale in provincia di Bari, dopo quello dei giorni scorsi. In attuazione dell'indirizzo strategico fornito dal comando generale della Guardia di finanza ai reparti territoriali e delle direttive del comando regionale Puglia, il comando provinciale di Bari ha intensificato le attività di controllo economico del territorio e del web per contrastare le condotte di chi - approfittando dell'attuale situazione emergenziale correlata alla crescente diffusione del virus COVID-19 (Coronavirus) - pone in essere pratiche commerciali disoneste, truffe e frodi in danno della popolazione, con la vendita di prodotti sanitari a prezzi esorbitanti o non conformi alle norme.

In questo quadro il I Gruppo Bari e il Gruppo Barletta hanno eseguito un ulteriore rilevante sequestro amministrativo nelle province di Bari e BAT di oltre 5.300 articoli sanitari, tra mascherine di protezione individuale, detergenti e guanti in lattice, commercializzati in violazione delle disposizioni recate dal Codice del consumo e in materia di sicurezza prodotti. Le fiamme gialle del i gruppo di Bari e del gruppo Barletta hanno stretto il cerchio attorno ai commercianti truffaldini.

Infatti, i militari della Compagnia di Altamura hanno sottoposto a sequestro amministrativo presso una locale ferramenta nonché un commerciante di saponi e detersivi di Gravina in Puglia (BA) oltre 1.000 mascherine di protezione individuale non sicure per la salute dei consumatori, in quanto prive di marcatura e di indicazioni in lingua italiana.

La Compagnia di Monopoli ha, invece, sequestrato - sempre amministrativamente - presso due supermercati di Conversano (BA) e Polignano a Mare (BA) nonché presso una profumeria di Monopoli (BA) oltre 3.300 tra igienizzanti e guanti in lattice privi di etichettatura in lingua italiana, che non offrivano, quindi, alcuna garanzia sulla loro composizione nonché sulla loro sicurezza ed efficacia.

Anche la Compagnia di Trani e la Tenenza di Molfetta hanno effettuato presso due farmacie, rispettivamente, a Ruvo di Puglia (BA) e a Terlizzi (BA) un sequestro di circa 750 mascherine non conformi alla normativa in materia di sicurezza prodotti e prive del marchio .

Infine, la Compagnia di Andria e la Compagnia di Barletta - a seguito di specifiche segnalazioni giunte al numero di pubblica utilità 117 della Guardia di Finanza - hanno sequestrato presso due farmacie, rispettivamente, ad Andria (BAT) e a Barletta (BAT) altre 260 mascherine, anch'esse non in linea con le pertinenti prescrizioni in materia di sicurezza prodotti.

Al termine delle operazioni, i titolari delle attività economiche sono stati segnalati alle competenti Camere di Commercio e ora rischiano una sanzione amministrativa fino a oltre 25.000 euro, la cui misura sarà determinata, in ogni singolo caso, facendo riferimento al prezzo di listino di ciascun prodotto ed al numero delle unità poste in vendita.
  • Guardia di Finanza
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Mobilità fra regioni, obbligo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia Mobilità fra regioni, obbligo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia Firmata l'ordinanza del presidente Michele Emiliano valida dal 3 giugno. Necessario dichiarare anche il comune di soggiorno
Coronavirus, c'è un solo nuovo positivo in Puglia Coronavirus, c'è un solo nuovo positivo in Puglia Si tratta di un paziente della provincia di Bari. Due i decessi registrati oggi e i guariti sono quasi 3 mila
Bari, positivo al Coronavirus va al lavoro per non perdere il posto. Denunciato Bari, positivo al Coronavirus va al lavoro per non perdere il posto. Denunciato È successo in un ristorante del quartiere Libertà, indagini in corso. Sembra che nessun cliente si sia infettato
In Puglia parte la sperimentazione di "Immuni", la app disponibile per il download In Puglia parte la sperimentazione di "Immuni", la app disponibile per il download Lo strumento digitale sarà scaricabile su base volontaria. Emiliano: «Elemento in più per il contact tracing»
Crisi Covid, Emiliano e Capone incontrano le agenzie viaggi della Puglia: «In campo misure di rilancio» Crisi Covid, Emiliano e Capone incontrano le agenzie viaggi della Puglia: «In campo misure di rilancio» Il presidente della Regione e l'assessore al Turismo in video conferenza con gli addetti ai lavori: «Gli investimenti devono guardare avanti»
Ora è davvero 'liberi tutti' in Puglia si entra anche dalle altre regioni Ora è davvero 'liberi tutti' in Puglia si entra anche dalle altre regioni Per chi arriva da fuori territorio nessuna quarantena ma solo una registrazione per la tracciabiltà di un eventuale contagio
Crisi post Covid-19, Carrisiland in Puglia decide di non riaprire Crisi post Covid-19, Carrisiland in Puglia decide di non riaprire Appuntamento al 2021: «Intendiamo salvaguardare la salute dei nostri visitatori e collaboratori non potendo garantire il distanziamento sociale»
Coronavirus, in Puglia quattro nuovi casi, tre sono in provincia di Bari Coronavirus, in Puglia quattro nuovi casi, tre sono in provincia di Bari Restano stazionari anche i dati sui decessi, sono due, uno nel Barese e uno nel Foggiano
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.