Il nuovo Maugeri a Bari
Il nuovo Maugeri a Bari
Scuola e Lavoro

Lavoratori delle pulizie del Maugeri a rischio, sit-in il giorno dell'inaugurazione a Bari

La società subentrante dell'appalto non garantisce l'occupazione, i sindacati ribadiscono la necessità di un confronto

La Fondazione Maugeri inaugura a Bari la nuova sede, e contemporaneamente Filcams Cgil Bari, Fisascat Cisl Bari e Uiltucs Bari proclamano un sit-in dei lavoratori addetti alle pulizia davanti alla nuova struttura a Santa Fara.

«La stazione Appaltante Fondazione Maugeri ha avviato l'affidamento per il servizio di pulimento per la nuova struttura in Bari a far data dal 1 novembre 2019 a nuova società - scrivono i sindacati in una nota - senza aver considerato la continuità lavorativa del servizio di pulizie del personale storico da oltre un quindicennio impiegato in Fondazione Maugeri a Cassano delle Murge per un totale di 23 unità. Lavoratori che ora sono caduti nel baratro della disperazione sociale pur avendo fatto intendere una timida apertura durante il confronto sindacale del 13 novembre 2019 tenutosi proprio Cassano delle Murge alla presenza del dottor Zanchi, direttore amministrativo, il quale ha rassicurato, oltremodo dal fatto che la Società ha richiesto una consultazione dei cedolini paga ultimi, prontamente osservato dalle OO.SS».

«Ci pare assurdo che la società - proseguono - come dapprima abbia voluto consultare i cedolini paga lasciando piccoli barlume di speranza di stabilizzazione occupazionale e successivamente con nota del 25 novembre, ribadendo la necessità di non voler trattare con le OO.SS. e le rispettive rappresentanze sindacali, a seguito di formale richiesta di confronto, come fossero gli ultimi soggetti non più utilizzabili "lasciati morire al proprio destino". Questo progetto redatto dietro le quinte è inaccettabile».

«Le scriventi OO.SS. - concludono - sono a protestare nei confronti della committente Fondazione Maugeri, al fine di ricevere chiarimenti ed avviare discussione di merito per tutti i buoni motivi afferenti la salvaguardia dei livelli occupazionali tutti, in quanto ad oggi alcuno riscontro positivo è pervenuto, intrinseco è l'invito ad esercitare il diritto di ripensamento, a voler riesumare dalle vostre coscienze la clausola sociale, inspiegabilmente accantonata, durante gli atti di gara, quale salvagente vitale per codeste famiglie. Si protesta, quindi, per la chiusura definitiva di Cassano delle Murge e per le conseguenze occupazionali negative che si determinano e per il disastro sociale per la cittadinanza cassanese in termini di occupazione. Si chiede la riapertura di un tavolo urgente di confronto con tutti gli attori in indirizzo nell'interesse dei 23 lavoratori e delle loro famiglie con problematiche serie da affrontare prima di veder " santificato " il licenziamento dall'attuale società che gestisce il servizio di pulizia in Fondazione Maugeri in Cassano delle Murge al 31 dicembre».
  • Sindacati
  • Sciopero
  • sit-in
Altri contenuti a tema
Conad mette in cassa integrazione 9 mila dipendenti, futuro nero anche in Puglia Conad mette in cassa integrazione 9 mila dipendenti, futuro nero anche in Puglia La comunicazione ai sindacati da Margherita Distribuzione, domani incontro a Roma per la procedura di mobilità delle sedi precedentemente aperta dall'impresa
Popolare di Bari, First Cisl vuole rimuovere i manager ma Fisac Cgil non ci sta Popolare di Bari, First Cisl vuole rimuovere i manager ma Fisac Cgil non ci sta Scontro anche tra i sindacati sulla vicenda che coinvolge l'istituto barese, entro fine marzo il piano dei commissari su esuberi e assetto delle filiali
Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Firmato l'accordo dopo una trattativa durata tre mesi, Uilm: «Necessario mantenere alta l'attenzione sulla vertenza»
Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto Fumata nera dall'incontro tra sindacati e azienda, Filcams Cgil: «Mai firmeremo un accordo che tuteli solo parte dell'occupazione»
EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" Garantita la retribuzione solo per il mese corrente, i sindacati: «Pronti alla mobilitazione se non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere»
Auchan chiude per diventare Conad a Casamassima e (forse) arriva Primark Auchan chiude per diventare Conad a Casamassima e (forse) arriva Primark Cinque giorni per il cambio di insegna. Voci sempre più insistenti parlano dell'arrivo del colosso inglese in parte dell'ipermercato
Stabilizzazione dei dipendenti Arif, revocato lo sciopero del 31 gennaio a Bari Stabilizzazione dei dipendenti Arif, revocato lo sciopero del 31 gennaio a Bari Sindacati soddisfatti dopo l'incontro nella sede della Regione Puglia: «Continueremo a lavorare per abolizione del precariato»
Amtab a Bari, dopo l'aggressione a un autista proclamato lo stato di agitazione Amtab a Bari, dopo l'aggressione a un autista proclamato lo stato di agitazione Filt Cgil: "Vogliamo sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica, nell'interesse dei lavoratori e degli stessi cittadini"
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.