Giornata Mondiale delle Bambine e delle Ragazze
Giornata Mondiale delle Bambine e delle Ragazze
Scuola e Lavoro

La Giornata Mondiale delle Bambine e delle Ragazze anche a Bari

La voce delle studentesse e degli studenti per dire «no alla violenza di genere»

Ieri mattina presso l'atrio della Facoltà di Giurisprudenza in occasione della Giornata Mondiale delle Bambine e delle Ragazze, Terre des Hommes, un movimento di aiuto immediato e diretto all'infanzia, l'Associazione Kreattiva, l'Unione Italiana Sport Per tutti - UISP Nazionale - e UISP Bari, hanno organizzato una maratona radiofonica in diretta su Radio Uniba in collaborazione con Radio Kreattiva, una radio che si occupa di antimafia sociale, per promuovere la Campagna "indifesa" che garantisce alle bambine e le ragazze di tutto il mondo, istruzione, salute, protezione da violenza, discriminazioni e abusi.

Per l'occasione 600 ragazze e ragazzi delle scuole pugliesi, elementari, medie e superiori hanno partecipato alla maratona attraverso il racconto di storie, sensibilizzando insieme con le studentesse e gli studenti universitari sul tema dei diritti delle bambine e delle ragazze. Il risultato della giornata è stato pieno di consigli, speranze, desideri e sogni per eliminare gli stereotipi di sempre sulle Donne e dire «no alla violenza di genere!». Alla conduzione della maratona radiofonica Francesca e Sara di Radio Uniba, Fabiola e Fabio di Radio Kreattiva, studentesse e studenti dell'Università di Bari. Tanti interventi istituzionali a cominciare da un video messaggio del Sindaco Andonio Decaro in cui dichiara che «i bambini hanno diritto di essere felici e di crescere felici, perché sono bambini. E noi adulti abbiamo il dovere di proteggerli in questo percorso. Purtroppo ci sono bambini che abbandonano l'infanzia troppo presto, ragazze e bambine che vengono maltrattate. Ecco, attuiamo questa rivoluzione, perchè magari con questa giornata mondiale riusciremo a scuotere le coscienze e a proteggere l'infanzia delle nostre ragazze e delle nostre bambine».

Presente anche l'assessore al walfare Francesca Bottalico contenta ed emozionata di parlare a giovani adolescenti suggerisce loro di vivere le proprie emozioni ed i propri sentimenti ma anche di raccontare gli episodi di violenza ed ascoltare chi li subisce perché «spesso la violenza non è solo fisica. La violenza è presente anche quando non si riesce ad ascoltare, quando gli adulti non hanno gli strumenti ed il tempo o non capiscono il linguaggio dei ragazzi. Perciò vi invito - continua l'assessore - ad insegnare agli adulti ad ascoltare. Ad ascoltare anche i vostri amici, perché molto spesso gli amici di classe e di comitive portano una sofferenza che forse se raccontata può terminare».

Un messaggio importante che Francesca e Sara, studentesse, hanno voluto lasciarci: «Tutte le donne devono avere la propria libertà di uscire di vivere e quindi anche le istituzioni devono garantire più sicurezza. Non devono esistere maltrattamenti, spose bambine, mutilazioni e violenze. Ma soprattutto è importante denunciare situazioni difficili. Esistono associazioni e centri antiviolenza come sostegno e aiuto»
Per segnalazioni importati potete chiamare il 1522 per denunciare anche in forma anonima condizioni difficili.
  • Università
  • Donne
Altri contenuti a tema
Università di Bari, il rettore Uricchio passa ad Anvur. Il 25 giugno il saluto Università di Bari, il rettore Uricchio passa ad Anvur. Il 25 giugno il saluto In attesa dell'elezione del nuovo numero uno dell'ateneo, il congedo nell'aula magna Cossu
Università di Bari, in arrivo nuove agevolazioni sulle tasse. Tutte le info Università di Bari, in arrivo nuove agevolazioni sulle tasse. Tutte le info Approvato il testo unico. Bonus libri da 260 euro per chi ha la media del 28, riduzioni per iscritti con fratelli nelle scuole di specializzazione
Il prof. Pavan di Uniba e il suo studio sul dna della mandorla Il prof. Pavan di Uniba e il suo studio sul dna della mandorla Le ricerche effettuate da un team di studiosi coordinati dall'università di Copenaghen
L'Università di Bari apre Medicina a Taranto, opportunità per 60 studenti L'Università di Bari apre Medicina a Taranto, opportunità per 60 studenti L'attivazione risponde a una necessità vista l’emergenza sanitaria dell’area jonica
Bari, addio a Marialuisa Zuppetta. Insegnava diritto in UniSalento Bari, addio a Marialuisa Zuppetta. Insegnava diritto in UniSalento Lottava da oltre un anno con una malattia ma non aveva mai smesso di fare lezione ai suoi studenti
Università di Bari, altra fumata nera per il nuovo rettore. Si andrà al terzo turno Università di Bari, altra fumata nera per il nuovo rettore. Si andrà al terzo turno Bronzini finisce in testa ma senza maggioranza assoluta. Insegue Vacca, più staccati Bellotti e Logroscino
La classifica della Commissione europea premia l'Università di Bari. È settima in Italia La classifica della Commissione europea premia l'Università di Bari. È settima in Italia Pubblicato il ranking degli atenei U-Multirank 2019. L'ente pugliese è secondo fra quelli generalisti
Università di Bari, si elegge il nuovo rettore. Affluenza al 54 percento nella giornata di oggi Università di Bari, si elegge il nuovo rettore. Affluenza al 54 percento nella giornata di oggi Corsa a quattro nel secondo turno: Bronzini e Vacca sono usciti in vantaggio dal primo turno, Bellotti e Logroscino inseguono
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.