Il gruppo di ricerca sulla dieta mediterranea del de Bellis
Il gruppo di ricerca sulla dieta mediterranea del de Bellis
Enti locali

La dieta mediterranea allunga la vita di 9 anni, la ricerca dell’Irccs de Bellis sulla popolazione della Puglia

L'indagine è stata avviata 35 anni fa e condotta su 5mila cittadini. Ricerca pubblicata sul prestigioso International Journal of Epidemiology

Che la dieta mediterranea facesse bene, è ormai arcinoto. Ma per la prima volta si può quantificare quanto incida sull'aspettativa di vita. E il risultato è sorprendente: fino a 9 anni in più, se l'aderenza è piena e costante. Le basi sono scientifiche: lo dimostra una ricerca avviata nel lontano 1985 – la prima mai condotta in quest'ottica – dall'Irccs de Bellis di Castellana Grotte, e ora approdata sulla prestigiosa rivista International Journal of Epidemiology (qui il link).

Descritta per la prima volta negli studi di Ancel Keys nei primi anni '50, la dieta mediterranea è oggi riconosciuta come un corretto stile di vita, coniugato con un mangiare sano e un'adeguata attività fisica. Più che un semplice elenco di alimenti, rappresenta un vero e proprio stile alimentare ricco di cibi freschi e stagionali di cui sono ampiamente documentati e noti i benefici, tanto da essere oggi associata a un buono stato di salute.

Finora gran parte della ricerca sul tema si è concentrata sullo studio della maggiore o minore probabilità del verificarsi di alcuni eventi avversi per la salute, dalla mortalità generica alle malattie cardiovascolari, dalla probabilità di ammalarsi di tumori alle malattie neurodegenerative.

Partendo da queste evidenze scientifiche, il gruppo di ricerca del de Bellis - capogruppo Alberto Ruben Osella, primo autore Angelo Campanella - si è posto però un'altra domanda: accertato ormai che la dieta mediterranea ha effetti positivi sulla salute, ma di quanto allunga la vita? Così è nato il progetto di ricerca recentemente pubblicato. «Il nostro lavoro – spiega il direttore scientifico dell'Irccs castellanese, Gianluigi Giannelli - ha coinvolto ben 5.152 partecipanti a due studi di popolazione condotti dal laboratorio di epidemiologia e biostatistica, formati da partecipanti di Castellana Grotte, coinvolti nel 1985, e poi di Putignano, a partire dal 2005. I dati sullo stato di salute e sulle abitudini alimentari sono stati raccolti dal 2005 a oggi. Con la compilazione di un questionario alimentare è stato chiesto a tutti di rispondere a domande sulle frequenze di assunzione di ben 233 alimenti nell'ultimo anno, anche stimando le dimensioni delle loro porzioni in base a fotografie. Da questi dati è stato poi calcolato un punteggio per valutare l'aderenza di ogni partecipante alle caratteristiche della dieta mediterranea, studiando poi il punteggio in relazione allo stato di salute. Attraverso un'analisi di sopravvivenza abbiamo osservato come i soggetti che non seguivano la dieta mediterranea o che la seguivano parzialmente vivevano rispettivamente circa 9 e 5 anni in meno rispetto al gruppo dei più aderenti, che hanno fatto di questo modello alimentare un vero e proprio stile di vita».

Questo con ricadute anche sul piano clinico. «Il valore aggiunto dell'Irccs de Bellis - conclude il suo direttore generale, Tommaso Stallone – sta infatti nel far viaggiare sempre all'unisono ricerca ed assistenza, in favore della qualità dell'offerta erogata ai cittadini: in questo caso una Unità operativa semplice dedicata alla nutrizione clinica è disponibile per rispondere alle sempre più frequenti richieste in campo nutrizionale, anche per i pazienti obesi, che possono trovare presso il nostro Istituto un percorso completo per affrontare il problema con approccio olistico».
  • Castellana grotte
Altri contenuti a tema
Grotte di Castellana, buona la prima con Rocco Papaleo. Venerdì arriva Ermal Meta Grotte di Castellana, buona la prima con Rocco Papaleo. Venerdì arriva Ermal Meta Proseguono gli appuntamenti gratuiti organizzati in largo Porta grande con il patrocinio del Comune
Nasconde dosi di hashish e cocaina in tasca: arrestato pusher in provincia di Bari Nasconde dosi di hashish e cocaina in tasca: arrestato pusher in provincia di Bari L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato sottoposto a controllo dai carabinieri della stazione di Castellana Grotte
Grotte di Castellana, per visitarle dal 6 agosto servirà il Green Pass Grotte di Castellana, per visitarle dal 6 agosto servirà il Green Pass Soltanto un tampone molecolare o antigenico rapido potranno sostituire l'esibizione del certificato vaccinale
Grotte di Castellana, oltre 3mila visitatori dalla riapertura Grotte di Castellana, oltre 3mila visitatori dalla riapertura Ritornano anche gli appuntamenti con Speleonight, una esclusiva visita delle grotte con la guida degli speleologi del Gruppo Puglia Grotte
La Puglia si colora di giallo, riaprono le Grotte di Castellana La Puglia si colora di giallo, riaprono le Grotte di Castellana Il sito carsico pronto ad accogliere visitatori da sabato 15 maggio
Puglia in zona gialla, riaprono le Grotte di Castellana Puglia in zona gialla, riaprono le Grotte di Castellana Gli orari e come poter visitare il sito, possibili percorsi anche a gruppi limitati
Provincia di Bari, la pantera fa paura. Divieto di andare in campagna Provincia di Bari, la pantera fa paura. Divieto di andare in campagna L'ordinanza del sindaco di Castellana prevede anche di tenere al sicuro animali domestici e di allevamento
Pantera avvistata in provincia di Bari, il sindaco: "Niente panico ma prudenza" Pantera avvistata in provincia di Bari, il sindaco: "Niente panico ma prudenza" L'animale è stato notato nelle campagne di Castellana Grotte
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.