cgil dossier immigrazione
cgil dossier immigrazione
Attualità

La Cgil presenta il "dossier immigrazione": in Puglia 140mila stranieri residenti

Fascia di popolazione cresciuta dell’1,5%. Gesmundo: «Nessun allarme, irregolarità figlia di politiche miopi»

Non sono numeri, sono persone, sono storie, spesso di sofferenza. Questo è il senso del dossier statistico immigrazione, realizzato dal centro studi e ricerche IDOS in partenariato con il centro studi Confronti. Giunto alla 30esima edizione, dopo la web conference nella quale sono stati illustrati i principali dati nazionali, ieri mattina nella sede della Cgil Puglia si è tenuta una conferenza stampa per fare il focus sulla nostra regione. «I dati ci dicono che non c'è nessun allarme immigrazione nel Paese – commenta il segretario generale Pino Gesmundo. Anzi come spiega il dossier a spingere persone nell'irregolarità sono stati provvedimenti miopi della politica presi sull'onda propagandistica populista, come il primo Decreto sicurezza».

In Puglia la popolazione straniera residente è cresciuta dell'1,5%, passando da 138.478 unità a 140.564. Una crescita dovuta anche ai nuovi nati: 1.527, circa il 2% in più rispetto allo scorso anno. I residenti stranieri rappresentano il 3,5% della popolazione pugliese. Bari resta la provincia con il maggior numero di residenti stranieri (43.095), seguita da quelle di Foggia (32.247), Lecce (26.918), Taranto (14.725), Brindisi (12.283) e Barletta-Andria-Trani (11.296). La maggioranza degli stranieri che risiedono in Puglia provengono dal continente europeo (55,2%) e in particolare dall'Unione europea (35,0%). Gli africani sono il 23,2%, gli asiatici il 18,3% e gli americani il 3,2%. I primi cinque paesi per numero di residenti sono Romania (con 35.758 unità, pari al 25,4% del totale), Albania (22.094, 15,7%), Marocco (10.417, 7,4%), Cina (6.358, 4,5%) e Senegal (4671, 3,3%).

Per quel che riguarda il lavoro dei cittadini stranieri, l'83,7% degli occupati stranieri sono lavoratori dipendenti. La maggioranza (65,4%) è inserita nel settore dei servizi (tra cui il 24,2% nei servizi domestici e il 23,2% nel commercio), il 23,3% nel settore dell'agricoltura e l'11,4% nell'industria (tra cui il 6,8% nelle costruzioni). La retribuzione mensile percepita dai cittadini stranieri in Puglia è pari in media a 911 euro a fronte di 1.264 euro dei lavoratori italiani. Il 27,4% degli occupati stranieri risultano sovraistruiti e nel 3,2% dei casi sottoccupati, le stesse percentuali si registrano per gli italiani.

«Come ci è stato illustrato dai docenti che hanno lavorato alla stesura del report regionale – spiega Gesmundo – si confermano in Puglia i processi di stabilizzazione della presenza straniera sul territorio. Particolarmente significativi in tal senso sono i dati relativi all'aumento delle acquisizioni di cittadinanza, al numero dei permessi di soggiorno di lungo periodo e ai motivi di rilascio dei permessi di soggiorno, al numero dei nuovi nati, all'aumento del numero degli iscritti stranieri in tutte le scuole della regione. C'è un tema che è quello legato alle condizioni di lavoro, in special modo in questa fase in cui è ripresa in modo esponenziale la diffusione del Covid: per chi lega la propria condizione di regolarità al lavoro, non è libero dall'esigere il rispetto di tutte le misure di sicurezza, che potrebbe mettere a rischio la sua occupazione. Lo abbiamo visto soprattutto nel settore agricolo e agro alimentare durante il lockdown ma anche questa estate nella stagione delle grandi raccolte».

«Ogni sforzo legislativo dovrebbe essere orientato a una programmazione e gestione degli ingressi, predisponendo una accoglienza degna, provando a far emergere chi è costretto a vivere nell'irregolarità, con provvedimenti sanatori meglio costruiti rispetto a quello della scorsa estate, le cui criticità erano state già evidenziate dalla Cgil. Uomini e donne che hanno diritto a veder riconosciuta la loro dignità di cittadini e lavoratori e che contribuiscono e costruire la ricchezza di questo Paese», conclude Gesmundo.
  • Immigrazione
  • Cgil
Altri contenuti a tema
In vista dello sciopero del 17 novembre, CGIL e UIL convocano una conferenza stampa In vista dello sciopero del 17 novembre, CGIL e UIL convocano una conferenza stampa Appuntamento questa mattina a Bari per presentare le iniziative e le ragioni della protesta
Sit-in di Cgil Bari all'inaugurazione della Fiera del levante: «No autonomia differenziata» Sit-in di Cgil Bari all'inaugurazione della Fiera del levante: «No autonomia differenziata» Il sindacato e le associazioni politiche hanno chiesto un incontro a Salvini. Tante le divergenze con il governo
Cgil Bari protesta contro il governo, annunciata mobilitazione per l'inaugurazione della Fiera Cgil Bari protesta contro il governo, annunciata mobilitazione per l'inaugurazione della Fiera Il sindacato e le associazioni politiche del territorio hanno chiesto un incontro a Salvini a margine dell'evento
A Bari protestano i lavoratori della polizia di Stato. Cgil: «Turni massacranti senza risorse e organici» A Bari protestano i lavoratori della polizia di Stato. Cgil: «Turni massacranti senza risorse e organici» Il sindacato attacca: «La mancanza di assunzioni straordinarie rende più difficile sostenere la quotidiana pressione»
Diritti dei lavoratori del turismo, il camper della Cgil fa tappa a Bari Diritti dei lavoratori del turismo, il camper della Cgil fa tappa a Bari Il tour della Filcams parte oggi da Manfredonia. Nel capoluogo il 13 e 14 luglio
Sicurezza a Bari, il viceministro Sisto: «Valutare l'intervento dell'esercito» Sicurezza a Bari, il viceministro Sisto: «Valutare l'intervento dell'esercito» Il sottosegretario parla dopo il corteo contromano. Silp Cgil risponde: «Rispettare ruolo della polizia»
Cgil Bari, il sit-in davanti alla sede Asl: «Garantire risorse al sistema sanitario» Cgil Bari, il sit-in davanti alla sede Asl: «Garantire risorse al sistema sanitario» La protesta del sindacato: «Reclamiamo investimenti sul personale con un piano straordinario di assunzioni»
«Basta morti sul lavoro», i sindacati scendono in piazza a Bari «Basta morti sul lavoro», i sindacati scendono in piazza a Bari Stamattina il sit-in convocato da Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.