Screenshot
Screenshot
Territorio

Investe e sgozza un cinghiale, il video corre su whatsapp

La denuncia del Movimento Ambientalista Puglia: «Episodio barbaro, immotivato e di inaudita violenza»

Negli ultimi tempi la presenza di cinghiali a Bari e nei territori limitrofi è sempre maggiore e per molti sta diventando un problema da non sottovalutare. Ma se anche la loro presenza può essere pericolosa, e qualcuno potrebbe essere esasperato, la legge punisce l'uccisione immotivata di animali. Da qualche giorno però via whatsapp gira il video di una efferata uccisione di un esemplare di tali animali selvatici.

«Nelle prossime ore verrà presentata una denuncia contro ignoti per l'episodio dell'uccisione di un cinghiale, avvenuto con modalità efferate e crudeli, probabilmente nel territorio del Parco nazionale dell'Alta Murgia - sottolinea in una nota i, presidente del Forum Ambientalista Puglia, Michele Di Lorenzo - L'uccisione è stata documentata tramite un video che sta circolando su whatsapp. Nel video si vede una autovettura che insegue un branco di cinghiali in aperta campagna. L'inseguimento dura fino a quando un cinghiale non viene colpito dall'auto. Dopo aver ferito l'animale, l'autore dell'inseguimento scende dall'auto e, verificate le sue condizioni, rimonta in auto e lo investe nuovamente. Passa più volte sul cinghiale fino a bloccarlo sotto una ruota dell'auto. A questo punto, il conducente scende dall'auto e sgozza l'animale, inerme ed ancora vivo, con una lama. Si tratta di un episodio barbaro, immotivato e di inaudita violenza. L'art. 544 bis del codice penale punisce chiunque per crudeltà o senza necessità cagiona la morte di un animale. È necessario reagire con estrema durezza nei confronti di questi episodi criminali. Sollecitiamo gli enti competenti ad agire concretamente per impedire che condotte simili si possano ripetere».
  • Violenza
  • Abbattimento cinghiali
Altri contenuti a tema
Picchiarono brutalmente due coetanei, sgominata banda di sette minorenni Picchiarono brutalmente due coetanei, sgominata banda di sette minorenni Il pestaggio avvenne lo scorso 30 aprile a Madonnella nel sottopassaggio Marconi. Fra gli autori anche un ragazzo vicino alla malavita locale
Bari, palpeggia una 13enne a Pane e Pomodoro: fermato Bari, palpeggia una 13enne a Pane e Pomodoro: fermato È successo oggi pomeriggio. La ragazza è stata aiutata dai bagnini
Picchiato in spiaggia perché bitontino, domenica la manifestazione a Palese Picchiato in spiaggia perché bitontino, domenica la manifestazione a Palese Il sindaco Abbaticchio: «Saremo in tanti per spiegare cos'è il bullismo e mostrare la nostra indignazione»
Palese, picchiato brutalmente dai bulli mentre era in spiaggia Palese, picchiato brutalmente dai bulli mentre era in spiaggia Il padre lancia un appello sui social: "Aiutatemi a trovare gli aggressori"
Minacciata di morte in diretta. La figlia da Bari chiama i carabinieri Minacciata di morte in diretta. La figlia da Bari chiama i carabinieri La donna era vicino Monza, mentre era al telefono con la ragazza il suo compagno è entrato armato di coltello
Conversano, tenta di uccidere il figlio neonato con un coltello. Preso 40enne di Bari Conversano, tenta di uccidere il figlio neonato con un coltello. Preso 40enne di Bari L'intervento dei Carabinieri evita la tragedia. L'uomo aveva picchiato la compagna dopo una lite per problemi economici
Abusi sui minori, a Bari una linea telefonica dedicata Abusi sui minori, a Bari una linea telefonica dedicata Chiamando è possibile denunciare a qualsiasi ora eventuali problematiche su cui intervenire
Il pranzo non è pronto, picchia e chiude fuori dal balcone la moglie. Arrestato Il pranzo non è pronto, picchia e chiude fuori dal balcone la moglie. Arrestato L'uomo era già stata denunciato per maltrattamenti ed era seguito da servizi sociali e centri antiviolenza
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.