La zona vandalizzata
La zona vandalizzata
Cronaca

Incendi di cassonetti nel centro di Bari, presa la responsabile: è una 36enne della provincia

La donna avrebbe agito da sola senza un apparente motivo eccezion fatta la mania di protagonismo

Individuata la responsabile degli incendi di cassonetti Amiu verificatisi due notti fa in diverse strade del centro di Bari, nei rioni Libertà, Murat e Madonnella. Si tratta di una donna di 36 anni, originaria della provincia, individuata nella serata di ieri dal personale della Squadra Mobile della Questura di Bari, con l'ausilio dei primi accertamenti in loco svolti dagli equipaggi di Volante.

Già poco dopo la mezzanotte del giorno in cui si verificarono gli episodi delittuosi era giunto l'allarme di numerosi bidoni in fiamme per le vie dei quartieri centrali di Bari; fin da subito gli agenti della Polizia in servizio sul territorio avevano fermato alcune persone sospette per i necessari approfondimenti investigativi.

Grazie all'ausilio dei sistemi di video sorveglianza pubblici e di pertinenza di esercizi commerciali privati - attualmente ancora in fase di analisi - e ricostruendo i movimenti sui vari percorsi in cui sono collocati i cassonetti, gli investigatori della Sezione Reati contro il patrimonio e le pubblica amministrazione della Squadra Mobile hanno accertato la responsabilità dei gesti a carico della 36enne originaria della provincia, già resasi autrice nei giorni precedenti di un reato analogo in un comune limitrofo.

La donna ha agito senza complici e senza un apparente motivo se non la presumibile mania di protagonismo. Agli agenti ha confessato di esser giunta a Bari alcune ore prima e di aver girovagato senza meta tra le strade del centro. Appena è riuscita a stazionare in luoghi appartati e non affollati, ha utilizzato due accendini portati al seguito per dare fuoco ai rifiuti in carta e cartone, accertandosi che effettivamente provocasse l'incendio nel relativo bidone, per poi allontanarsi a piedi alla ricerca di altre piazzole destinate al conferimento della spazzatura differenziata per ripetere gli stessi atti ingiustificati.

La donna è stata denunciata a piede libero alla Procura della Repubblica per i reati di danneggiamento seguito da incendio ed interruzione di pubblico servizio.
  • Polizia di Stato
  • squadra mobile
  • vandalismo
Altri contenuti a tema
Razzie nelle contrade di Monopoli, denunciato un pregiudicato di Bari Razzie nelle contrade di Monopoli, denunciato un pregiudicato di Bari In due sono stati sorpresi dalla Polizia con arnesi da scasso sulla statale 16 all'altezza dello svincolo per Conversano
Bari, ruba un'auto con una chiave elettronica clonata. Preso 31enne Bari, ruba un'auto con una chiave elettronica clonata. Preso 31enne A scoprire il fatto il proprietario del veicolo, che ha immediatamente allertato la Polizia
Auto carbonizzata nei pressi della Questura. Indaga la Polizia Auto carbonizzata nei pressi della Questura. Indaga la Polizia Una Mini ha preso fuoco nel piazzale antistante il castello. Si pensa a un regolamento di conti
Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Gli agenti hanno controllato anche la regolarità degli occupanti sul territorio nazionale. Una donna è stata trasferita nel Cpr di Roma
Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un ausiliario del traffico. Sul posto 118, vigili e Polizia
Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne L'uomo si è introdotto in un garage in centro per commettere il furto, provando anche a sfuggire all'arresto degli agenti
San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia Squadra volante al lavoro per risalire all'identità dei responsabili. Trovati anche documenti e targhe rubate
Santeramo, estorsioni e minacce per farsi assumere da un imprenditore. Presi in cinque Santeramo, estorsioni e minacce per farsi assumere da un imprenditore. Presi in cinque I fatti contestati si sono svolti fra il 2016 e il 2019. Dalle prime ore dell'alba l'esecuzione delle misure cautelari
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.