Uniba
Uniba
Scuola e Lavoro

Il prof. Pavan di Uniba e il suo studio sul dna della mandorla

Le ricerche effettuate da un team di studiosi coordinati dall'università di Copenaghen

In origine il frutto della mandorla era velenoso. È stato l'uomo a renderlo delizioso.

È in estrema sintesi il risultato di lunghe e laboriose ricerche effettuate da un team di studiosi coordinati dall'università di Copenaghen di cui fa parte anche l'italiano, ancor meglio coratino, prof. Stefano Pavan, docente all'università di Bari.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata "Science" e mostra l'evoluzione di uno dei frutti più amati a tavola. Allo studio hanno contribuito l'università di Foggia e il Centro di edologia e biologia applicata di Murcia.

Gli studiosi hanno stabilito che le mandorle che gustiamo oggi sono molto diverse da come erano in origine: tutte le varietà selvatiche di questa pianta sono infatti amare e tossiche. E' stata una mutazione avvenuta naturalmente, e selezionata dall'uomo migliaia di anni fa, che le ha rese dolci, permettendone la coltivazione.
Il team coordinato proprio da Pavan è riuscito a ricostruire la mappa del DNA della mandorla. «Tutte le mandorle selvatiche sono amare e tossiche per via di un composto, l'amigdalina, che con l'ingestione rilascia cianuro. Bastano quindi mangiarne poche per rischiare la vita», spiega all'ANSA Stefano Pavan.

«Noi abbiamo identificato questo cambiamento avvenuto in un suo particolare gene e in una proteina, che di fatto ha impedito la produzione di amigdalina. L'uomo ha selezionato questa mutazione favorevole che ha permesso la coltivazione della pianta, altrimenti impossibile», continua Pavan.

Se sull'origine tossica i ricercatori sono concordi, non c'è accordo tra gli studiosi nel datare la domesticazione del mandorlo. Secondo alcuni essa risalirebbe a tre millenni prima di Cristi, secondo altri, sulla base di alcuni resti fossili, la datazione è risalente al 10.000 a.C.

Anche sul luogo da cui sia partita la coltivazione non c'è accordo: per alcuni è l'Asia centrale, per altri è invece la mezzaluna fertile, cioè la zona compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate. «Il dato sicuro - conclude Pavan - è che il mandorlo è una delle specie arboree più antiche ad essere state addomesticate dall'uomo».
  • Università
Altri contenuti a tema
Università di Bari, il professor Otranto nuovo presidente della Società mondiale di Parassitologia Università di Bari, il professor Otranto nuovo presidente della Società mondiale di Parassitologia Al docente di Veterinaria è stato conferito il Research Award
Università di Bari, il team di Nefrologia sulla rivista specialistica Faseb Journal Università di Bari, il team di Nefrologia sulla rivista specialistica Faseb Journal La squadra guidata dal prof. Loreto Gesualdo e dalla prof. Anna Gallone ha studiato le cellule staminali renali
Università di Bari, Stefano Bronzini è il nuovo rettore   Università di Bari, Stefano Bronzini è il nuovo rettore   Vince con il 54,62 percento dei voti. Battuto il fisico Roberto Bellotti al quarto turno
Università di Bari, ultimo turno per eleggere il rettore. Affluenza al 56 percento Università di Bari, ultimo turno per eleggere il rettore. Affluenza al 56 percento In corsa sono rimasti Roberto Bellotti e Stefano Bronzini. Urne aperte anche domani fino alle 16
Università di Bari, sarà ballottaggio Bronzini-Bellotti per la poltrona di rettore Università di Bari, sarà ballottaggio Bronzini-Bellotti per la poltrona di rettore Dal terzo turno esce sconfitto Angelo Vacca. Ultima votazione nelle giornate del 4 e 5 luglio
Università di Bari, terza tornata per eleggere il rettore. Affluenza al 50 percento Università di Bari, terza tornata per eleggere il rettore. Affluenza al 50 percento Si vota fino alle 16 di domani. Sono rimasti in tre a concorrere: Bellotti, Bronzini e Vacca
L'Università di Bari in finale per il premio "miglior brevetto" dell'anno L'Università di Bari in finale per il premio "miglior brevetto" dell'anno All’Intellectual Property Award 2019 il nostro ateneo partecipa con la “Nuova tecnica di imaging plenottico”
Università di Bari, il rettore Uricchio passa ad Anvur. Il 25 giugno il saluto Università di Bari, il rettore Uricchio passa ad Anvur. Il 25 giugno il saluto In attesa dell'elezione del nuovo numero uno dell'ateneo, il congedo nell'aula magna Cossu
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.