Uniba
Uniba
Scuola e Lavoro

Il prof. Pavan di Uniba e il suo studio sul dna della mandorla

Le ricerche effettuate da un team di studiosi coordinati dall'università di Copenaghen

In origine il frutto della mandorla era velenoso. È stato l'uomo a renderlo delizioso.

È in estrema sintesi il risultato di lunghe e laboriose ricerche effettuate da un team di studiosi coordinati dall'università di Copenaghen di cui fa parte anche l'italiano, ancor meglio coratino, prof. Stefano Pavan, docente all'università di Bari.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata "Science" e mostra l'evoluzione di uno dei frutti più amati a tavola. Allo studio hanno contribuito l'università di Foggia e il Centro di edologia e biologia applicata di Murcia.

Gli studiosi hanno stabilito che le mandorle che gustiamo oggi sono molto diverse da come erano in origine: tutte le varietà selvatiche di questa pianta sono infatti amare e tossiche. E' stata una mutazione avvenuta naturalmente, e selezionata dall'uomo migliaia di anni fa, che le ha rese dolci, permettendone la coltivazione.
Il team coordinato proprio da Pavan è riuscito a ricostruire la mappa del DNA della mandorla. «Tutte le mandorle selvatiche sono amare e tossiche per via di un composto, l'amigdalina, che con l'ingestione rilascia cianuro. Bastano quindi mangiarne poche per rischiare la vita», spiega all'ANSA Stefano Pavan.

«Noi abbiamo identificato questo cambiamento avvenuto in un suo particolare gene e in una proteina, che di fatto ha impedito la produzione di amigdalina. L'uomo ha selezionato questa mutazione favorevole che ha permesso la coltivazione della pianta, altrimenti impossibile», continua Pavan.

Se sull'origine tossica i ricercatori sono concordi, non c'è accordo tra gli studiosi nel datare la domesticazione del mandorlo. Secondo alcuni essa risalirebbe a tre millenni prima di Cristi, secondo altri, sulla base di alcuni resti fossili, la datazione è risalente al 10.000 a.C.

Anche sul luogo da cui sia partita la coltivazione non c'è accordo: per alcuni è l'Asia centrale, per altri è invece la mezzaluna fertile, cioè la zona compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate. «Il dato sicuro - conclude Pavan - è che il mandorlo è una delle specie arboree più antiche ad essere state addomesticate dall'uomo».
  • Università
Altri contenuti a tema
Università di Bari, i portieri annunciano lo sciopero per il 21 novembre Università di Bari, i portieri annunciano lo sciopero per il 21 novembre Agitazione proclamata Cgil e Cisl. Sul tavolo le criticità nella procedura di appalto per l'assegnazione del servizio
Università di Bari, aperto il bando per il percorso formativo dei 24 Cfu Università di Bari, aperto il bando per il percorso formativo dei 24 Cfu Tutte le info sulle modalità di conseguimento dei crediti per accedere ai concorsi destinati ai docenti
Università di Bari, inaugurato l'anno accademico. Boccia: «Autonomia processo di sussidiarietà» Università di Bari, inaugurato l'anno accademico. Boccia: «Autonomia processo di sussidiarietà» Nell'aula magna del Policlinico la cerimonia. Il ministro: «Più soldi per atenei del Sud». Bronzini: «Legge Gelmini va rivista»
Inquinamento e problemi respiratori, ricercatori di Bari studiano possibili connessioni Inquinamento e problemi respiratori, ricercatori di Bari studiano possibili connessioni Gli studiosi delle università pugliesi hanno messo a punto un algoritmo per valutare eventuali impatti sulla qualità della vita nella nostra regione
A Bucarest i campionati di "cybersecurity", c'è anche un 19enne dell'Università di Bari A Bucarest i campionati di "cybersecurity", c'è anche un 19enne dell'Università di Bari Lo studente Davide Palma è stato scelto fra i dieci migliori giovani italiani nel campo della sicurezza informatica
Università di Bari, un open day informativo per le future matricole Università di Bari, un open day informativo per le future matricole Appuntamento venerdì 4 ottobre dalle 10 alle 17 nei porticati del palazzo ateneto
Per dire no alla plastica il dipartimento di Economia regala borracce alle matricole Per dire no alla plastica il dipartimento di Economia regala borracce alle matricole Gli studenti che iniziano il percorso di studi hanno avuto il kit durante gli incontri di benvenuto, ecco come averla per chi non è stato presente
Ricercatori di Bari e Lecce studiano i raggi cosmici in un esperimento spaziale Ricercatori di Bari e Lecce studiano i raggi cosmici in un esperimento spaziale I risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista specialistica Science Advances
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.