Ristorante
Ristorante
Cronaca

I ristoratori aprono per protesta, ma Bari non ci sta

Nella nostra città nessuna adesione alla manifestazione lanciata sul web #ioapro1501

Una manifestazione di protesta lanciata via social da parte di bar e ristoranti italiani, attraverso l'hashtag #ioapro1501, ma Bari dice No.

Nessun locale di Bari avrebbe deciso di aderire, ritenendo giusta la protesta data la situazione, ma inadeguata nei modi.

«La nostra presenza in Piazza Prefettura in questi giorni - scrivono da Passione Horeca - con una tavola apparecchiata, aveva l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica rispetto al rischio di implosione di un intero comparto (cruciale dal punto di vista economico e sociale per l'intera regione) e di incontrare la Prefetta, in quanto rappresentante del Governo nazionale: durante l'incontro, durato più di un'ora, abbiamo consegnato nelle sue mani il documento elaborato dal coordinamento Ho.Re.Ca. nazionale di cui facciamo parte. Ascoltato e condiviso il nostro grido di disperazione, ci ha dato assicurazione che si farà portavoce delle nostre richieste presso gli esponenti del Governo; nel frattempo continua lo stato di agitazione della nostra categoria, una mobilitazione ormai estesa a tutta la regione in forme e modalità coordinate».

«Passione Horeca non aderisce alla campagna #ioapro prevista a partire dal 15 gennaio poiché non ne condivide il metodo: esporrebbe sia clienti che gestori al rischio di sanzioni e sarebbe facile preda di strumentalizzazioni politiche o mediatiche, pur rispettando la libertà di scelta di chi volesse aderire. Continuerà invece la mobilitazione nel rispetto della legalità e del senso civico di comunità».

Un appello ai ristoratori era stato fatto in questo senso ieri pomeriggio da Antonello Magistà, coordinatore provinciale FIEPET Bari: «Nelle difficoltà, nelle sofferenze che quotidianamente ci confidiamo e che a volte solo tra noi comprendiamo, abbiamo il dovere di continuare a rispettare le regole anche se spesso ci appaiono ingiuste. Non commettiamo questo grande errore che potrebbe costarci davvero caro, e non mi riferisco solo ad eventuali sanzioni, ma pagheremmo in termini di immagine, credibilità, vanificheremmo la reputazione di una categoria che rimane il fiore all'occhiello dell' Italia e che appena sarà possibile ripartire avrà un ruolo fondamentale per la rinascita del paese. Vi prego stringiamo i denti, continuiamo a mantenere visione e lucidità, avremo una ripartenza grandiosa che ci ripagherà di tutti i sacrifici fatti in questo anno. Sicuramente è importante far sentire in modo forte e determinato, la nostra voce, le nostre istanze, far capire che i ristori sono insufficienti, che molte attività sono a rischio chiusura, che i nostri collaboratori sono in difficoltà esattamente come noi, ma facciamolo nel rispetto delle regole, come la nostra generazione ha sempre fatto»
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Bari è in zona gialla, caos in centro nonostante l'ordinanza di Decaro Bari è in zona gialla, caos in centro nonostante l'ordinanza di Decaro Dalle 18 scattava il divieto di asporto di bevande ma non basta per bloccare gli assembramenti
Bollettino Covid, in Puglia la curva non si abbassa. 1.483 nuovi positivi Bollettino Covid, in Puglia la curva non si abbassa. 1.483 nuovi positivi Effettuati oltre 10 mila test, si registrano anche 15 decessi. Quasi la metà dei casi in provincia di Bari
Polignano, positivo agente della polizia locale Polignano, positivo agente della polizia locale Chiuso il comando e tamponi a tutti i colleghi questa mattina
Emergenza Covid, stretta anche a Bari. Stop all'asporto alle 18 Emergenza Covid, stretta anche a Bari. Stop all'asporto alle 18 Il sindaco Decaro sta predisponendo una ordinanza per questo e il prossimo fine settimana
Indice Rt inferiore a 1, la Puglia dovrebbe restare gialla altri 7 giorni Indice Rt inferiore a 1, la Puglia dovrebbe restare gialla altri 7 giorni Complessivo peggioramento della situazione in Italia, l'ordinanza del ministro Speranza in serata
Covid, contagi in crescita in Puglia: 1418 nuovi positivi Covid, contagi in crescita in Puglia: 1418 nuovi positivi Sono 610 i nuovi casi in provincia di Bari
Covid, impennata dei casi in Puglia: sono 1.438, quasi la metà in provincia di Bari Covid, impennata dei casi in Puglia: sono 1.438, quasi la metà in provincia di Bari Effettuati 10.058 test. Sono 646 i nuovi positivi nel barese. Registrati 32 decessi in tutta la regione
Boom di casi Covid a Casamassima, il sindaco blinda la città Boom di casi Covid a Casamassima, il sindaco blinda la città Il primo cittadino Giuseppe Nitti corre ai ripari dopo gli ultimi bollettini non rassicuranti
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.