L'albero piantato da BariEcoCity
L'albero piantato da BariEcoCity
Territorio

Giornata Mondiale della Terra, l'azione di guerrilla gardening di BariEcoCity

Ecco le proposte dell'associazione per rendere Bari una città più verde

Per la Giornata Mondiale della Terra, BariEcoCity ha messo in atto una azione di guerrilla gardening piantando, come già fatto negli anni passati, un alberello.

La Giornata Mondiale della Terra (Earth Day) è la più grande manifestazione ambientale dedicata al Pianeta e si celebra tutti gli anni ormai da 51 anni. Nata nel 1970 per sensibilizzare all'importanza della conservazione delle risorse naturali della Terra, negli ultimi anni è riuscita a mobilitare oltre un miliardo di persone! Oggi la Giornata Mondiale della Terra è diventato il più potente strumento di richiamo alla tutela del Pianeta. Come previsto e stabilito dalle Nazioni Unite, l'Earth Day si celebra annualmente un mese e due giorni dopo l'equinozio di primavera; cioè oggi 22 aprile.

Ogni edizione ha il suo tema. Quello della Giornata Mondiale della Terra 2021 è Restore Our Earth: cioè ripariamo e riabilitiamo il Pianeta (dai danni già provocati). Ecco perché BariEcoCity Quest'anno insediamo un "salice"nell'area denominata "Pane e Pomodoro", un nuovo "puntino verde" in una Città che, peraltro e purtroppo, ha tra le più basse percentuali di spazi verdi (2% del territorio cittadino) e che in questi anni ha più abbattuto che piantato nuovi alberi.

"Il nostro però è poco più di un gestosimbolico - scrive il consiglio direttivo di BariEcoCity - Occorre invece attuare svariate soluzionipolitico/amministrative che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell'uomo; soluzioni che includono il riciclo (ove possibile) dei materiali, la conservazione delle risorse naturali, il divieto di utilizzare prodotti chimici dannosi, la cessazione della distruzione di habitat fondamentali come i boschi umidi e la protezione delle specie minacciate. All'amministrazione comunale dunque, chiediamo una vera svolta green e proponiamo per Bari di incrementare significativamente la raccolta differenziata dei rifiuti, incentivando economicamente i Cittadini, in modo cosi' da evitare il conferimento in discarica dei rifiuti urbani (nel 2020 e 2021 il tasso cittadino di differenziata è appena il 40%); di investire effettivamente nel verde pubblico e di piantumare annualmente almeno 30 mila alberi, in modo da insediare nei prossimi 10 anni 1 nuovo albero per abitante di Bari (molto incrementando l'attuale spesa annuale per salvaguardia e incremento alberature pari ad appena 370 mila euro); di vietare l'utilizzo di caldaie a gasolio e di incentivare la riconversione, entro il 2024, in impianti ecocompatibili (a oggi sono decine –addirittura- gli edifici comunali dotati di caldaie a gasolio); di convertire il parco mezzi AMTAB in autobus elettrici o almeno ibridi (attualmente il 85% dei bus urbani è alimentato a gasolio); di convertire il parco mezzi AMIU in veicoli elettrici o almeno ibridi (attualmente il 95% della flotta AMIU è alimentata a gasolio); di investire potentemente nella produzione di energia da fonti rinnovabili, almeno sugli edifici comunali, installando impianti fotovoltaici e/o minieolici; di eliminare (in sinergia con AQP) le enormi perdite di acqua potabile (50% del flusso immesso nella rete cittadina) e lo sversamento -in aree marine urbane- di acque nere e meteoriche; di incentivare economicamente (anche con la riduzione della TARI) l'installazione nelle abitazioni/uffici di depuratori d'acqua domestici, al fine di ridurre il consumo di acqua minerale in bottiglie di plastica e la dispersione delle stesse nell'ambiente urbano; di riqualificare energeticamente il patrimonio edilizio residenziale comunale (circa 3000 appartamenti destinati ad abitazione), utilizzando il superbonus del 110% messo a disposizione dallo Stato anche per gli Enti Locali; di dismettere la partecipazione azionaria in AMGAS srl, cosi' disincentivando l'utilizzo di gas metano per il riscaldamento e di investire i proventi della dismissione (circa 45 milioni di euro) in politiche per l'efficientamento energetico della Città di Bari e per la produzione di energia rinnovabile per i Cittadini. Dieci azioni green molto concrete, per rendere Bari effettivamente ecocompatibile e partecipe del contrasto ai cambiamenti climatici e coprotagonista della salvaguardia dell'ecosistema naturale".
  • ambiente
Altri contenuti a tema
Il fratino torna a nidificare a Bari, transenne sul lungomare Il fratino torna a nidificare a Bari, transenne sul lungomare L'assessore Petruzzelli: «Bari città sempre di più attenta alla sostenibilità»
Planet or Plastic?, grande successo per la mostra al Margherita. Oltre 18mila visitatori Planet or Plastic?, grande successo per la mostra al Margherita. Oltre 18mila visitatori Più di cinquemila gli studenti. "Riteniamo di aver contribuito a creare un dibattito territoriale sulla sostenibilità ambientale"
Sostenibilità green, Gran Shopping di Molfetta punta alla decarbonizzazione Sostenibilità green, Gran Shopping di Molfetta punta alla decarbonizzazione Conferita al centro commerciale un’importante certificazione di qualità ambientale
Pulizia delle spiagge, a Bari arriva il pesce mangiaplastica Pulizia delle spiagge, a Bari arriva il pesce mangiaplastica L'installazione vede la collaborazione del Comune con il circolo di Legambiente Eudaimonia
Provincia di Bari, Casamassima e Acquaviva dicono no al parco eolico Provincia di Bari, Casamassima e Acquaviva dicono no al parco eolico Il progetto tra i due comuni dovrebbe essere realizzato da Enel Energia
Bari, letame illegale tra via Amendola e torrente Valenzano Bari, letame illegale tra via Amendola e torrente Valenzano Sequestrato l'autocarro, l'area interna all'azienda zootecnica e la discarica abusiva, denunciato all'autorità giudiziaria l'allevatore
#CambiaGesto, da Bari parte la campagna nazionale contro l'abbandono dei mozziconi di sigaretta #CambiaGesto, da Bari parte la campagna nazionale contro l'abbandono dei mozziconi di sigaretta Un'iniziativa promossa da Philip Morris Italia, con il patrocinio del Comune e la partecipazione dei volontari di Retake
"Chi inquina paga", dalla Regione Puglia 3 milioni per la tutela ambientale "Chi inquina paga", dalla Regione Puglia 3 milioni per la tutela ambientale Un provvedimento a beneficio delle province per la minore produzione di rifiuti e per accelerare le indagini sui responsabili
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.