La guardia costiera di Bari
La guardia costiera di Bari
Cronaca

Gestione illecita di 18mila tonnellate di rifiuti. Sequestro da 2 milioni a una società di Mola di Bari

Si è conclusa oggi l'operazione "Dirty Mirror" della Guardia costiera dopo un'indagine di quasi due anni

Si conclude con un maxi sequestro di beni pari a quasi 2 milioni di Euro ai danni di un'azienda di Mola di Bari l'operazione "Dirty Mirror", condotta dalla Guardia Costiera del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia (D.D.A.) della Procura della Repubblica di Bari. Oggetto dell'attenzione degli inquirenti un traffico illecito di grossi volumi di rifiuti.

Le complesse attività investigative, coordinate dalla D.D.A., si sono protratte per quasi due anni, traendo origine dal controllo di un autotrasportatore di rifiuti per conto terzi, e proseguendo con una serie di controlli a carico di società operanti nel settore del traffico e smaltimento di rifiuti speciali che hanno consentito l'accertamento di reati ambientali. Tra tutte le aziende interessate è emerso il comportamento illecito di una di società con sede a Mola di Bari, di cui sono stati attentamente esaminati oltre 1.200 Formulari di Identificazione dei Rifiuti (FIR) per un volume di quasi 34mila tonnellate di rifiuti gestiti e smaltiti.

Questo ha consentito di concentrare le indagini su 700 operazioni di trasporto e smaltimento di oltre 18mila tonnellate di rifiuti speciali, anche pericolosi, gestiti in modo illecito, in quanto trattati come non pericolosi e quindi non sottoposti ad analisi chimica ricorrendo a codici identificativi (CER) contraddistinti da "voce a specchio" (di qui il nome dato all'operazione), peraltro trasportati e conferiti senza aver conseguito la prescritta iscrizione all'Albo Nazionale dei Gestori Ambientali.

A seguito di approfonditi accertamenti patrimoniali eseguiti a carico della società incriminata e dei soggetti indagati, e per effetto della responsabilità amministrativa a carico delle società disciplinata dal Decreto legislativo 231/2001, si è quindi proceduto al sequestro, ai fini della successiva confisca, dei beni mobili intestati alla stessa, tra cui 5 autovetture di lusso ed oltre 20 mezzi pesanti e macchinari da cantiere, e delle disponibilità finanziarie sui tutti i rapporti bancari, per un valore complessivo pari a quasi 2 milioni di euro. Il tutto è stato affidato ad un Amministratore Giudiziario appositamente individuato dal Tribunale di Bari.
  • Rifiuti
  • Procura di Bari
  • Guardia Costiera
Altri contenuti a tema
Vigilanza ambientale, rimosse cataste di rifiuti dall'agro di Valenzano-Adelfia Vigilanza ambientale, rimosse cataste di rifiuti dall'agro di Valenzano-Adelfia Azione congiunta di Regione Puglia e Comune di Casamassima. L'assessore Stea: «Le segnalazioni iniziano a dare i loro frutti»
Completato il disincaglio della Efe Murat. È stata ormeggiata nel porto di Bari Completato il disincaglio della Efe Murat. È stata ormeggiata nel porto di Bari Concluse alle 12 di questa mattina le operazioni che avevano preso il via all'alba con l'alta marea
Nave arenata a Bari, sospese le operazioni di svuotamento del carburante Nave arenata a Bari, sospese le operazioni di svuotamento del carburante Avverse condizioni meteo in giornata, il motopontone rientra in porto. Procedure riprenderanno lunedì
Nave arenata a Bari, al via le operazioni di svuotamento del carburante Nave arenata a Bari, al via le operazioni di svuotamento del carburante Partite questa mattina le procedure preliminari. Sul posto i mezzi della Guardia costiera e un motopontone
Caso Efe Murat, il comandante indagato dalla Procura di Bari Caso Efe Murat, il comandante indagato dalla Procura di Bari L'accusa è di naufragio colposo. Le dichiarazioni rese alla Polizia saranno verificate in un incidente probatorio
Efe Murat a Bari, martedì il tentativo di recupero del mercantile arenato Efe Murat a Bari, martedì il tentativo di recupero del mercantile arenato L'armatore ha contattato una società olandese esperta in questo tipo di operazioni, al momento non ci sono versamenti in mare
Nave turca incagliata, ferito soccorritore della Guardia costiera Nave turca incagliata, ferito soccorritore della Guardia costiera Problemi anche per i traghetti in arrivo nel porto: con 6 ore di ritardo attracca imbarcazione turistica dalla Grecia
Ricci pescati illegalmente a Bari e Monopoli, sequestrati 3.500 esemplari Ricci pescati illegalmente a Bari e Monopoli, sequestrati 3.500 esemplari Maxi operazione della Guardia costiera, che ha predisposto il reinserimento in mare degli animali
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.