Il FerrHotel
Il FerrHotel
Politica

Ex FerrHotel, Arci Bari: «Solidarietà alla comunità somala»

Dal comune fanno sapere che da settimane è stato avviato un dialogo e un percorso con l'assessorato al Welfare

Arrivano le prime reazioni dopo lo sgombero avvenuto ieri dell'ex FerrHotel, dopo che negli ultimi tempi era ritirnato di attualità il problema della situaziine presente all'interno della struttura, dimora abituale da anni di una comunità somala residente a Bari.

I primi ad esprimere solidarietà e a dire la loro sono quelli di Arci Bari che in una nota dicono che: «Arci Bari esprime solidarietà a tutta la Comunità Somala che dal 2009 ha abitato il Ferrhotel, il vecchio albergo lasciato in disuso e di competenza delle Ferrovie dello Stato che è stato, in questi 9 anni l'esempio di un esperienza di autorganizzazione e di solidarietà, che ha coinvolto ed è divenuto punto di riferimento per i migranti di origine somala transitati nella nostra città. Difficile comprendere l'esigenza di questo sgombero disposto dalla Prefettura di Bari, il Ferrhotel infatti è stato esempio di pacifica convivenza e percorsi di integrazione lavorativa e sociale delle persone ospitate, tutti riconosciuti rifugiati politici e in quanto tali soggetti di diritto per ricevere altre soluzioni di supporto alla loro inclusione sociale come l'inserimento nei progetti Sprar. Oggi la città di Bari sta vivendo uno strappo che la storia della nostra comunità non merita, comunità "tutta" di cittadini e migranti, che hanno condiviso in quasi 10 anni percorsi di prossimità, solidarietà e sono stati l'esempio di una cittadinanza condivisa e possibile. Una ferita ingiustificabile come tante declinazioni dell'attuale politica governativa. Arci Bari rende disponibile il suo sportello gratuito per l'orientamento legale e sociale dei migranti, gestito da operatori legali volontari, presente nella sua sede di Via Marchese di Montrone 57, aperto i giorni di mercoledì, giovedì e venerdì pomeriggio per sostenere l'esigenza di riallocazione delle persone sgomberate e facilitare la sinergia con le altre organizzazioni del terzo settore impegnate nell'accoglienza e con l'Ufficio Immigrazione dei Servizi Sociali di Bari e si impegna a promuovere e sostenere azioni di solidarietà alla Comunità Somala».


Dal comune invece fanno sapere che l'operazione di ieri nasce da un lavoro interistituzionale svolto con la Prefettura, la Questura, l'Asl Bari e le Forze dell'ordine. Per quanto riguarda i migranti presenti all'interno del Ferrhotel, in condizioni assolutamente precarie e non dignitose, sottolineano che gli stessi: «hanno avviato da settimane, su loro specifica richiesta, un dialogo e un percorso di mediazione culturale con l'assessorato al Welfare, che ha predisposto uno sportello presso la sede dell'assessorato, in piazza Chiurlia, dedicato all'ascolto delle loro istanze e finalizzato a programmare piani individuali di accoglienza e sostegno al fine di migliorare le loro condizioni di vita generali. Al momento sono complessivamente 19 le persone che, dopo l'interlocuzione con lo sportello comunale, sono state inserite in strutture di accoglienza, tra cui la Casa delle Culture, gli S.P.R.A.R. e le Case di comunità comunali. Altri 10 sono in fase di inserimento nelle strutture residenziali. Tutti coloro che non sono ancora stati intercettati, potranno recarsi nelle prossime ore, presso lo sportello comunale per avviare l'inserimento in struttura. Nel corso delle operazioni di questo pomeriggio è stato assicurato il servizio degli assistenti sociali e degli operatori del P.I.S. al fine di supportare le persone in condizioni di maggiore fragilità e difficoltà. Sul luogo era presente anche un'equipe della Asl che si è resa disponibile a verificare le condizioni di salute dei migranti presenti. Coinvolta anche l'Amtab che ha accompagnato i migranti nelle varie strutture di accoglienza individuate. Sono stati inoltre predisposti ulteriori 40 posti di accoglienza straordinari, nel caso in cui dovesse emergere la necessità di ospitare persone non intercettate prima della giornata odierna».
  • Immigrazione
  • Arci Bari
Altri contenuti a tema
Dalla Nigeria a Bari, la storia di Keli "giardiniere" improvvisato Dalla Nigeria a Bari, la storia di Keli "giardiniere" improvvisato La denuncia di un cittadino: «Speriamo che venga assunto con un regolare contratto»
Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione, ecco gli eventi a Bari Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione, ecco gli eventi a Bari Le manifestazioni in largo Giannella vedranno coinvolti Comune, Città metropolitana, Regione, Csv e Cgil
Facevano arrivare clandestini in Europa con i jet privati, maxi operazione della Dda di Bari. Cinque arresti Facevano arrivare clandestini in Europa con i jet privati, maxi operazione della Dda di Bari. Cinque arresti I presunti responsabili, un italiano e quattro egiziani, sono stati rintracciati a Roma e Bruxelles insieme a una donna tunisina
Immigrazione clandestina, fermati due scafisti a Bari Immigrazione clandestina, fermati due scafisti a Bari Si tratta di due trentenni, traditi da un telefono cellulare satellitare
1 Bari, addio a Monica Dal Maso. Bottalico: «Grazie per quello che sei stata e sarai sempre» Bari, addio a Monica Dal Maso. Bottalico: «Grazie per quello che sei stata e sarai sempre» Operatrice culturale da sempre al servizio dei più deboli, nel 2017 era stata nominata presidente di Arci Servizio Civile Puglia
Traffico di migranti e documenti falsi, maxi operazione fra Bari e Nord Italia: 19 fermi Traffico di migranti e documenti falsi, maxi operazione fra Bari e Nord Italia: 19 fermi Le indagini sono state avviate nel 2018 in seguito a sbarchi sospetti. Il ramo pugliese si serviva della collaborazione di agenti immobiliari
La Cgil presenta il "dossier immigrazione": in Puglia 140mila stranieri residenti La Cgil presenta il "dossier immigrazione": in Puglia 140mila stranieri residenti Fascia di popolazione cresciuta dell’1,5%. Gesmundo: «Nessun allarme, irregolarità figlia di politiche miopi»
"Si iscrivano all'anagrafe di Bari i richiedenti asilo" "Si iscrivano all'anagrafe di Bari i richiedenti asilo" L'appello viene dal neopresidente del Municipio 3 e sociologo Nicola Schingaro
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.