domenica all'università di bari
domenica all'università di bari
Scuola e Lavoro

Domenica all'Università di Bari, successo per la prima edizione

Pienone lo scorso 19 maggio per le visite al museo. L'anno prossimo l'iniziativa raddoppierà

Un successo destinato a ripetersi, e anzi a raddoppiare. Più che positivo è il bilancio che traccia il Sistema museale dell'Università di Bari, all'indomani delle visite guidate svoltesi domenica 19 maggio nella parte meno conosciuta del palazzo ateneo. L'iniziativa "Domenica all'Università" ha riscosso notevole successo: in quasi tutte le visite compiute è sempre stato raggiunto il numero massimo di prenotazioni per ogni visita (massimo 30 persone) per ciascuna fascia oraria di visita precedentemente indicata.

La storica dell'arte Irene Malcangi, responsabile delle guide che hanno condotto i numerosi visitatori tra affreschi e stucchi ed altre pregevoli opere d'arte, spiega: «Innanzitutto va precisato che il Sistema Museale di Ateneo, presieduto da Augusto Garuccio e diretto da Ruggero Francescangeli, con la docente di Storia dell'Arte Moderna dell'Università di Bari Mimma Pasculli Ferrara, ha organizzato a partire dall' ottobre 2018 l'iniziativa "Domenica all'Università" aprendo al pubblico le porte del Palazzo Ateneo di Bari. Per questa iniziativa targata 2019 io e la dottoressa Marianna Saccente, in qualità di storiche dell'arte, abbiamo condotto, sulla base dei nostri studi, delle visite guidate al percorso pittorico e architettonico del Palazzo Ateneo. Grazie agli studi condotti dalla professoressa Pasculli, concernenti la storia di questo affasciante complesso edilizio, e pubblicati nel volume Bari e il suo Ateneo 1866 – 1935 sappiamo quanta importanza riveste il nostro Ateneo nella storia della Puglia. L'edificio fu costruito su progetto del 1866 dell'architetto napoletano Giovanni Castelli e nel 1868 avvenne la posa della prima pietra. Il Palazzo Ateneo nacque fin da subito come un palazzo per la pubblica educazione, che doveva ospitare anche l'Università».

«Partendo proprio da questi importanti studi –prosegue Irene Malcangi- ho dedicato un capitolo della mia tesi di laurea in Storia dell'Arte Regionale al Palazzo Ateneo e all'Aula Magna, studiando e interpretandone l'impianto decorativo. La mia collega, la dottoressa Saccente, invece, ha studiato ed approfondito lo studio delle decorazioni del Salone degli Affreschi e dello Scalone d'Onore».

Va sottolineato che la maggior parte dei visitatori che hanno partecipato a questo tour artistico-culturale, sono giunti da diverse località: non solo Bari, ma in particolar modo da Molfetta, Bisceglie, Trani, Andria e Foggia, i gruppi maggiormente presenti senza tralasciare altre zone della Regione, un dato sicuramente molto importante e positivo.

Visto il vasto patrimonio che il Palazzo Ateneo ha ancora da offrire e considerato l'interesse dei visitatori, per l'anno prossimo il Sistema Museale di Ateneo ha programmato di arricchire con altri percorsi la visita per rendere fruibile al pubblico parte del patrimonio del Palazzo Ateneo non ancora conosciuto.

«Da questa esperienza ho notato con piacere quanto sia cresciuto l'interesse per la cultura e la volontà di conoscere il nostro ricco e prezioso patrimonio storico e artistico, che ci contraddistingue a livello mondiale e che sicuramente costituisce un nostro punto di forza su cui continuare a investire. La conoscenza è essenziale per considerare il pregio storico e culturale di un bene», ha quindi concluso la dr.ssa Irene Malcangi.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Un algoritmo per prevenire le malattie cardiovascolari, lo studio di un ricercatore di Bari a Sarajevo Un algoritmo per prevenire le malattie cardiovascolari, lo studio di un ricercatore di Bari a Sarajevo Il dottor Gianvito Pio ospite in Bosnia-Erzegovina per una conferenza relativa al progetto medico sul microbioma umano
Università di Bari, il professor Sulpizio nel team di ricerca sui cambiamenti climatici Università di Bari, il professor Sulpizio nel team di ricerca sui cambiamenti climatici L'articolo apparso sulla rivista specializzata "Nature" è il frutto di un lavoro iniziato nel 2013
Test di Medicina, Link Bari protesta contro il numero chiuso. Gli studenti: «Esame difficile» Test di Medicina, Link Bari protesta contro il numero chiuso. Gli studenti: «Esame difficile» L'associazione: «Futuro della sanità non può essere deciso dalle crocette». Chi ha affrontato la prova: «Controlli rigidi»
Isolate le alterazioni genetiche causa di una patologia pediatrica, la scoperta dei ricercatori UniBa Isolate le alterazioni genetiche causa di una patologia pediatrica, la scoperta dei ricercatori UniBa Il gruppo del dipartimento di Bioscienze ha rintracciato le varianti dannose del gene Crat che provocano malattie mitocondriali
Università di Bari, partono i test per i corsi a numero chiuso. Si inizia da Medicina Università di Bari, partono i test per i corsi a numero chiuso. Si inizia da Medicina Sono quasi 3mila a provare l'esame d'ammissione. Nelle prossime due settimane si procederà con le altre
A Bari la conferenza internazionale sull'antrace, una tre giorni con ricercatori di tutto il mondo A Bari la conferenza internazionale sull'antrace, una tre giorni con ricercatori di tutto il mondo Da oggi fino a giovedì negli spazi dell'ateneo. Decaro: «Un piacere per noi ospitare persone curiose di scoprire la nostra città»
Cura per la malattia renale cronica, lo studio dell'Università di Bari Cura per la malattia renale cronica, lo studio dell'Università di Bari Nel progetto coinvolti il dipartimento Deto, l'ateneo di Lione e un gruppo farmaceutico pugliese
Università di Bari, il professor Otranto nuovo presidente della Società mondiale di Parassitologia Università di Bari, il professor Otranto nuovo presidente della Società mondiale di Parassitologia Al docente di Veterinaria è stato conferito il Research Award
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.