Giovanni Assi
Giovanni Assi
Attualità

Decreto Lavoro in vigore dal 5 maggio, la parola al dottor Giovanni Assi

L'intervista al consulente del lavoro e consigliere nazionale di Unimpresa

Uno dei temi maggiormente discussi in queste ultime settimane è il decreto Lavoro che, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore dal 5 maggio 2023. Importantissime novità sono previste al suo interno e molte di queste interessano la sfera personale di milioni di cittadini, lavoratori ed imprenditori.

Oggi analizziamo le principali misure, chiedendo lumi ad uno dei massimi esperti in materia di lavoro della nostra regione, il dott. Giovanni Assi, consulente del lavoro e consigliere nazionale di Unimpresa con deleghe al Lavoro ed al Welfare, che il prossimo 19 maggio sarà presente ancora una volta a Roma in audizione alla Camera dei Deputati per discutere con la XI Commissione proprio uno dei temi in materia di lavoro.


Dottor Assi quali sono le principali novità di questo tanto discusso Decreto Lavoro?
«Le nuove misure - alcune con decorrenza immediata, altre applicabili a partire dal 2024 - prevedono tra le altre l'introduzione dell'assegno per l'inclusione che manda definitivamente in soffitta il Reddito di Cittadinanza; la riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti; nuovi incentivi per le assunzioni e la revisione delle regole di trasparenza dei contratti di lavoro. Sono previste, inoltre, nuove causali per la stipula di contratti di lavoro a termine, l'incremento della soglia di esenzione fiscale e contributiva dei "fringe benefit" (beneficio accessorio) a 3.000 euro per il 2023 e modifiche alla disciplina delle prestazioni occasionali in specifici settori».

Partiamo dall'assegno per l'inclusione, ci illustri meglio a chi spetterà questo sostegno.
«L'assegno per l'inclusione è la nuova misura di sostegno al reddito che spetterà, a partire dal 1° gennaio 2024, ai nuclei familiari composti da almeno un soggetto disabile o minorenne o ultrasessantenne o invalido civile. Il beneficio economico sarà pari a 6.000 euro annui (ovvero 7.560 euro annui se il nucleo familiare è composto da persone tutte di età pari o superiore a 67 anni ovvero da persone di età pari o superiore a 67 anni e da altri familiari tutti in condizioni di disabilità grave o di non autosufficienza) moltiplicati per il parametro della scala di equivalenza e spetterà per 18 mesi, rinnovabili per ulteriori 12 mesi, previa sospensione di almeno un mese. Gli importi di cui sopra potranno essere integrati per l'affitto fino a un massimo di 3.360 euro annui o pari a 1.800 euro per nuclei composti da over 67 o con disabili gravi o non autosufficienti».

Altra misura tanto pubblicizzata e su cui sono state diffuse tante cifre sui reali benefici è la riduzione del cuneo contributivo per i lavoratori dipendenti, a chi spetta effettivamente tale beneficio?
«Da luglio 2023 le buste paga dei lavoratori dipendenti con una retribuzione massima di 35 mila euro annui saranno un po' più alte, grazie all'entrata in vigore del nuovo taglio al cuneo fiscale. Le retribuzioni interessate dall'aumento sono quelle del periodo che va da luglio a dicembre 2023. La misura agevolativa in trattazione si applica sulla quota dei contributi IVS (Invalidità, Vecchiaia e Superstiti) a carico dei lavoratori in relazione a tutti i rapporti di lavoro subordinato e pertanto non comporta benefici in capo al datore di lavoro».

A proposito di datori di lavoro, quali misure sono previste per loro?
«Oserei dire che per i datori di lavoro le misure adottate sono davvero molto "timide" e certamente il mondo imprenditoriale si sarebbe aspettato misure più incisive soprattutto rispetto alla riduzione del costo del lavoro ed in particolare al taglio dei contributi che le nostre aziende versano nelle casse degli istituti previdenziali ed assicurativi. Da questo punto di vista citiamo l'incentivo per le nuove assunzioni, effettuate dal 1° giugno al 31 dicembre 2023, di giovani che non abbiano ancora compiuto 30 anni di età che non lavorino nè siano inseriti in corsi di studi o di formazione (i cosiddetti Neet), e una maggiore flessibilità che viene data all'utilizzo dei contratti a tempo determinato ed all'utilizzo dei voucher lavoro nel settore turistico e termale».
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Thun chiude due negozi a Bari, licenziamento per nove persone Thun chiude due negozi a Bari, licenziamento per nove persone Procedura effettuata a livello nazionale, 77 in totale i dipendenti coinvolti
100 operatori sanitari stabilizzati al Policlinico di Bari da dicembre 100 operatori sanitari stabilizzati al Policlinico di Bari da dicembre Completato il piano delle assunzioni autorizzate dalla Regione Puglia
Pensioni, cosa cambia nel 2024. Parola al Giovanni Assi, consulente del lavoro e delegato CONFAPI Puglia Pensioni, cosa cambia nel 2024. Parola al Giovanni Assi, consulente del lavoro e delegato CONFAPI Puglia Un'analisi tecnica delle principali novità introdotte
Tecsial cerca due tecnici esperti nella valutazione dei rischi per la sede di Molfetta Tecsial cerca due tecnici esperti nella valutazione dei rischi per la sede di Molfetta Tutti i requisiti e le competenze richiesti ai candidati
Vertenza Piazza Italia a Casamassima, Stea incontra Dilella: «Al lavoro per evitare drammi occupazionali» Vertenza Piazza Italia a Casamassima, Stea incontra Dilella: «Al lavoro per evitare drammi occupazionali» L'assessore regionale al Personale: «Scendiamo in campo al fianco dei lavoratori, pronti a ricercare insieme soluzioni»
Sicurezza sul lavoro, al Majesty di Bari convegno su misure di prevenzione Sicurezza sul lavoro, al Majesty di Bari convegno su misure di prevenzione Sono intervenuti numerosi relatori sul tema della "nuova procedura ispettiva in materia di sicurezza sul lavoro"
Reclutamento del personale più veloce: il Policlinico di Bari aderisce a InPa Reclutamento del personale più veloce: il Policlinico di Bari aderisce a InPa La pubblicazione dei bandi di concorso avverrà direttamente sul portale
Starbucks apre a Bari, la storica catena del caffè americano cerca personale Starbucks apre a Bari, la storica catena del caffè americano cerca personale Per il punto vendita pugliese si offrono posizioni di barista e assistant store manager
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.