ecomafia 2019
ecomafia 2019
Territorio

Criminalità ambientale, la Puglia si riconferma al terzo posto

L'Ecomafia registra un giro d'affari di 16,6 miliardi nel 2018 con un aumento di 2,5 in più rispetto al 2017

Terzo posto per la Puglia in materia di illegalità ambientale. Secondo la classifica regionale 2018 sono 2.854 le infrazioni accertate, 751 i sequestri effettuati, 2.669 persone denunciate e 8 arrestate nella nostra regione. Su scala nazionale le province di Bari, Foggia, Lecce , Taranto e Brindisi sono rispettivamente al terzo, sesto, decimo, undicesimo e sedicesimo posto con 711, 626, 473, 459 e 369 infrazioni accertate. E' stato presentato questa mattina presso la sede di Legambiente Puglia il dossier annuale per fare il punto sul business dell'Ecomafia 2019. Le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia, edito da Edizioni Ambiente. I dati sono stati analizzati su diverse aree che riguardano il ciclo illegale dei rifiuti, del cemento, del settore agroalimetare, del racket degli animali e dell'archeomafia. E' stata posta attenzione sui roghi ed in particolare sugli incendi boschivi che fino a domenica scorsa in Puglia sono stati 99 su 170 ettari boscati e 470 ettari non boscati. Durante la presentazione sono intervenuti Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia; Giuseppe Volpe, Procuratore della Repubblica di Bari Renato Nitti, Sostituto Procuratore Direzione Distrettuale Antimafia di Bari; Gen. B. Alfonso Manzo, Comandante Legione Carabinieri Puglia; Gen. B. Danilo Mostacchi, Comandante Regione Carabinieri Forestale Puglia.
Nonostante negli ultimi anni ci siano stati miglioramenti riguardo la campagna sulla raccolta differenziata è emerso il problema del riciclo in Puglia che continua il tour dei rifiuti che vanno a finire in altre regioni per lo smaltimento illegale. Per la tutela ambientale è necessario partire dallo studio e dall'esame del ciclo di produzione delle aziende per contrastare il fenomeno grazie al personale specializzato contro le ecomafie. Da ultimo nei nuovi reati legati all'ecomafia c'è anche l'immigrazione clandestina. Si stanno creando squadre investigative per capire cosa si può fare per seguire questi flussi e per questo sono stati potenziati i numeri del comando per la tutela dell'ambiente che porta avanti indagini delicate sui roghi grazie alle esperienze forestali. E' necessaria la prevenzione, la riflessione e la cultura ambientale per trasmettere ai giovani il rispetto della legalità. Quest'anno sono stati effettuati 39 mila controlli per valutare le maggiori criticità dei rifiuti, gli abbandoni nelle discariche abusive, e gli incendi. Le attività di divulgazione dell'attività ambientale e l'ampliamento di presidi di legalità ambientale sono strumenti che servono a perfezionare queste attività per reprimere gli illeciti. "Da sempre ribadiamo – spiega il presidente di Legambiente Puglia Francesco Tarantini – che il miglior deterrente al nuovo abusivismo rimane l'abbattimento degli immobili fuorilegge e quindi il ripristino della legalità. I numeri pugliesi di Ecomafia 2019 sono il frutto del capillare lavoro di controllo del territorio e di contrasto alle illegalità ambientali svolto in tutta la regione dalle Forze dell'Ordine e dalla magistratura che, ormai da quattro anni, possono contare sulla legge sugli ecoreati contro chi pensa di lucrare a danno della salute dei cittadini e del territorio".
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
Guida blu di Legambiente e Touring club, il mare della Puglia terzo in classifica Guida blu di Legambiente e Touring club, il mare della Puglia terzo in classifica Spopola il Salento jonico, in provincia di Bari premiate Polignano e Monopoli. Solo una "vela" per Giovinazzo
Spiagge della Puglia invase dalla plastica. L'indagine di Legambiente condanna la nostra regione Spiagge della Puglia invase dalla plastica. L'indagine di Legambiente condanna la nostra regione Il 25 e 26 maggio volontari all'opera per pulire i litorali. L'associazione ambientalista: «Indicare ai comuni un percorso virtuoso»
Mola, via rifiuti e scritte dal piazzale del castello. Intervengono Legambiente e Retake Bari Mola, via rifiuti e scritte dal piazzale del castello. Intervengono Legambiente e Retake Bari Domenica dedicata alla restituzione del decoro nell'area dell'anfiteatro da parte dei volontari a ritmo di capoeira
"Se butti male... finisce in mare", al via il progetto di Legambiente nelle scuole della Puglia "Se butti male... finisce in mare", al via il progetto di Legambiente nelle scuole della Puglia Anche Bari fra le città coinvolte. Nel 2018 trovati 516 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia monitorati
Inquinamento dell'aria, Legambiente premia Bari Inquinamento dell'aria, Legambiente premia Bari La nostra città non compare più nella classifica tra quelle in cui ci sono sforamenti da PM10
Il "Treno verde" di Legambiente fa tappa a Bari per raccontare la mobilità sostenibile Il "Treno verde" di Legambiente fa tappa a Bari per raccontare la mobilità sostenibile Nel nostro capoluogo torna anche Capitan Acciaio, iniziativa del consorzio Ricrea per il riciclo degli imballaggi in acciaio
A Bari arriva il "Treno verde" di Legambiente per promuovere la mobilità a zero emissioni A Bari arriva il "Treno verde" di Legambiente per promuovere la mobilità a zero emissioni Il convoglio ambientalista sarà in stazione dal 22 al 24 febbraio. Domani il taglio del nastro
Giornata mondiale delle zone umide, diversi gli eventi in Puglia Giornata mondiale delle zone umide, diversi gli eventi in Puglia Si ricorda la Convenzione di Ramsar nata con lo scopo di conservare e gestire al meglio gli ecosistemi naturali
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.