Alessandro DAdamo
Alessandro DAdamo
Enti locali

Controversie tributarie, il Consiglio Comunale approva il regolamento

D'Adamo: «il Comune incasserà 60 milioni agevolando i cittadini con contenziosi aperti»

Seduta fiume quella di martedì sera del Consiglio Comunale di Bari, alle prese con la discussione del nuovo regolamento stilato dall'amministrazione locale per la definizione agevolata delle controversie tributarie. Il documento è stato approvato ben oltre le 20:00 e con esso, dunque, si accende il semaforo verde per il suddetto regolamento, ai sensi dell'art.11 del decreto legge num. 50 del 2017.

Si tratta di un provvedimento che permetterà ai cittadini che decidono di avvalersi della procedura di definizione agevolata di chiudere il proprio contenzioso aperto con il Comune, accettando le posizioni dell'amministrazione. A fronte di tale valutazioni il contribuente provvederà al pagamento del solo tributo richiesto con esclusione delle sanzioni e degli interessi relativi.

Aderendo alla definizione agevolata quindi, il contribuente moroso sarà tenuto a versare nelle casse comunali il valore totale l'imposta e le spese di notifica inclusi nell'atto impugnato, in aggiunta agli interessi del 4 per cento, da calcolarsi però fino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell'atto oggetto di definizione. All'importo il contribuente dovrà sommare le eventuali spese di lite riscosse sulla base della sentenza non definitiva che ha deciso la controversia oggetto di definizione agevolata.

La definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti si perfezionerà col pagamento entro il 30 settembre 2017 degli importi dovuti.

Se l'importo dovuto è superiore a duemila euro è previsto il pagamento rateale nella seguente misura:

· il 40 per cento dell'importo dovuto deve essere versato entro il 2 ottobre 2017;
· il 40 per cento dell'importo dovuto deve essere versato entro il 30 novembre 2017;
· il 20 per cento dell'importo dovuto deve essere versato entro il 30 giugno 2018.

Su richiesta scritta e motivata del contribuente, il Comune, fermo restando il pagamento del 40% con la prima rata scadente il 2 ottobre 2017, come innanzi indicato, può concedere, nelle ipotesi di temporanea situazione di obiettiva difficoltà del contribuente di rateizzare il restante 60% in ulteriori rate nel numero massimo di 3 nel rispetto delle seguenti scadenze:

· 20 per cento dell'importo complessivo dovuto entro il 30 dicembre 2017;
· 20 per cento dell'importo complessivo dovuto entro il 30 aprile 2018;
· 20 per cento dell'importo complessivo dovuto entro il 30 settembre 2018

"Questa Amministrazione - ha dichiarato l'assessore comunale al Bilancio Alessandro D'Adamo nell'aula del Consiglio Comunale - nell'intento di migliorare la capacità di riscossione tributaria e di ridurre il contenzioso in essere, utilizzando tutti gli istituti concessi dal legislatore, come avvenuto nel 2016 con l'avvio della conciliazione e della mediazione tributaria, intende utilizzare questo ulteriore strumento, anche in vista dei risultati soddisfacenti ottenuti nell'ultimo anno. Per questo scopo, abbiamo predisposto questo regolamento, previsto da una legge nazionale e già approvato da tante altre città in Italia in linea con la linea adottata dall'Anci, che metterà da un lato il Comune di Bari nelle condizioni di incassare circa 60 milioni di euro, risorse disponibili per l'ente e per l'intera comunità, e dall'altro porrà i cittadini contribuenti, interessati da contenziosi tributari, di valutare la possibilità di aderire rinunciando alle proprie posizioni in favore di quelle dell'amministrazione comunale, con riferimento alle sanzioni comminate".
  • Tasse e tributi
  • Alessandro D'Adamo
Altri contenuti a tema
Decaro revoca le deleghe a D'Adamo, ecco il motivo Decaro revoca le deleghe a D'Adamo, ecco il motivo L'ex assessore indagato
TARI, SSC Bari morosa dal 2021: la denuncia in Consiglio comunale e la risposta della società TARI, SSC Bari morosa dal 2021: la denuncia in Consiglio comunale e la risposta della società A formularla durante la discussione sul bilancio di previsione il consigliere 5 Stelle, Italo Carelli
Comune di Bari, approvato in consiglio il rendiconto di gestione 2022 Comune di Bari, approvato in consiglio il rendiconto di gestione 2022 La disponibilità di cassa si attesta nella misura di oltre 343 milioni, +27% rispetto al 2021
Imu, Bari tra le dieci città in Italia che paga di più Imu, Bari tra le dieci città in Italia che paga di più Forza Italia Bari: «Taglio delle imposte locali, da compensare con una rigorosa e responsabile revisione della spesa comunale»
Rendiconto di gestione 2022, il Comune di Bari chiude con i conti in positivo Rendiconto di gestione 2022, il Comune di Bari chiude con i conti in positivo Nell'ultimo quinquennio la liquidità dell'ente è aumentata di oltre 144 milioni di euro
Comune di Bari, ecco il nuovo regolamento delle entrate tributarie Comune di Bari, ecco il nuovo regolamento delle entrate tributarie Il consiglio comunale accende il semaforo verde. Tutti i dettagli della delibera
Definizione agevolata delle liti tributarie con il Comune di Bari, approvato il nuovo regolamento Definizione agevolata delle liti tributarie con il Comune di Bari, approvato il nuovo regolamento C'è il sì della giunta. D'Adamo: «Un'importante opportunità sia per l'amministrazione sia per il debitore»
Comune di Bari, approvato il bilancio di previsione 2023/25. D'Adamo: «Pressione fiscale invariata» Comune di Bari, approvato il bilancio di previsione 2023/25. D'Adamo: «Pressione fiscale invariata» C'è il sì del consiglio comunale. Attesa una spesa per il personale dipendente nel triennio di oltre 240 milioni
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.