Natale Mastropasqua a ciao Darwin 8
Natale Mastropasqua a ciao Darwin 8
Speciale

Cime contro rape, Natale Mastropasqua da Bari protagonista a Ciao Darwin: «Una bella esperienza»

La guardia giurata del San Paolo diverte il pubblico nel gioco del "genodrome". «Bonolis? Simpaticissimo anche fuori dal set»

Un pezzo di Bari nella puntata andata in onda ieri sera di Ciao Darwin 8 - Terre Desolate, il famoso show condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti. A sfidarsi le cime (persone con titoli di studio superiori) e le rape (chi invece si è fermato prima nella carriera scolastica), che tra le loro fila potevano vantare anche il barese Natale Mastropasqua, in una gara con protagoniste squadre dall'evidente richiamo alla tradizione gastronomica del capoluogo pugliese.

Trentacinque anni, sposato con una figlia di 5 anni, di professione guardia giurata, Mastropasqua è stato protagonista del gioco "genodrome", nella sfida vinta però dalle cime. «Conoscevano più risposte di noi - ammette Natale Mastropasqua. Noi abbiamo vinto la sfilata e nel dibattito, ma nel gioco della macchina del tempo e al quiz finale si sono aggiudicati loro la vittoria, erano più bravi».

Ammessa con sportività la sconfitta della squadra delle rape, c'è soddisfazione per non aver sfigurato nel temuto gioco del "genodrome", la corsa sull'acqua. «Si è concluso con un pareggio fra le cime e le rape: 20 a 20», ricorda Natale.

Resta, comunque, il ricordo di «Una bella esperienza - dice ancora il protagonista. Mi sono candidato mandando i miei dati via mail, poi sono stato richiamato dal signor Daniele, il cugino di Paolo Bonolis. Ho fatto il casting a metà dicembre a Bari: mi hanno fatto fare una piccola presentazione e mi hanno detto che mi avrebbero richiamato. Non ci speravo molto perché non ho mai fatto Tv prima, questa è stata la mia prima esperienza televisiva. E invece mi hanno chiamato dicendomi di presentarmi il 15, 16 e 17 marzo per registrare la puntata».

Un contesto, quello di Ciao Darwin, da vivere e apprezzare appieno anche nel backstage. «Ci hanno fatto conoscere Paolo Bonolis, Luca Laurenti e il regista Federico Moccia - racconta Natale. Sono persone fantastiche, simpaticissime anche fuori dal set». Insomma, al di là di chi vince e chi perde, il divertimento è assicurato tanto per chi guarda da casa, quanto per chi è protagonista della trasmissione: «Si registra dalle 19 alle 01 - spiega Mastropasqua. Le cose vengono da sé, nessuno ti dice cosa devi fare. La produzione decide solo a quali giochi giocare, ma si svolge tutto nella massima spontaneità».
  • Arte e spettacolo
Altri contenuti a tema
"Sono persone", una scultura per gli albanesi sbarcati a Bari con la Vlora "Sono persone", una scultura per gli albanesi sbarcati a Bari con la Vlora L'opera di Jasmine Pignatelli a San Girolamo ispirata dalla frase dell'allora sindaco Dalfino
Juventini contro tutti, a Ciao Darwin anche un tifoso del Bari Juventini contro tutti, a Ciao Darwin anche un tifoso del Bari Il supporter biancorosso Roberto Ricci protagonista della sfida su Canale 5
Guttuso, Sironi e Wharol, inaugurata Arte Bari Guttuso, Sironi e Wharol, inaugurata Arte Bari Fino al 6 maggio nei padiglioni della Fiera del Levante
La coppia Solfrizzi-Stornaiolo di nuovo sul palco. Successo per gli Oesais a Taranto La coppia Solfrizzi-Stornaiolo di nuovo sul palco. Successo per gli Oesais a Taranto Il famoso duo comico barese si è esibito ieri in occasione del primo maggio nel capoluogo jonico
Checco Zalone gira a Bari il nuovo film. Sul lungomare i ciac di "Tolo Tolo" Checco Zalone gira a Bari il nuovo film. Sul lungomare i ciac di "Tolo Tolo" La nuova pellicola segna l'esordio del noto comico dietro la macchina da presa. Alcune scene registrate nell'ufficio di Emiliano
Manila Gorio e il furto del fidanzato della Colmenares Manila Gorio e il furto del fidanzato della Colmenares La PR pugliese delle celebrità fa strage di cuori
La storia di Angelo, giocoliere arrivato a Bari dal Cile: «Ecco la mia libertà totale» La storia di Angelo, giocoliere arrivato a Bari dal Cile: «Ecco la mia libertà totale» Lo si può incontrare fra le macchine in attesa al semaforo in viale della Repubblica: «Questa città mi ricorda Valparaiso»
Bari, in via Fornari una sirena salva migranti in un murales di Giuseppe D'Asta Bari, in via Fornari una sirena salva migranti in un murales di Giuseppe D'Asta L'iniziativa nata grazie a Retake e LeZZanZare ha permesso la pulizia e la rinascita del muro della scuola media Mazzini-Modugno
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.