palazzo di citta bari
palazzo di citta bari
Servizi sociali

Buoni spesa alle famiglie, ecco come riceverli a Bari

Il comune ha creato la piattaforma "Bari ascolta" per il censimento dei beneficiari

Si chiama "Bari ascolta" la piattaforma che permetterà agli assistenti sociali di effettuare una sorta di censimento e presa in carico di tutti cittadini che vivono un momento di difficoltà che hanno necessità di accedere agli aiuti che il Comune di Bari intende erogare attraverso contributi per l'acquisto di beni alimentari e di prima necessità sotto forma di voucher per la spesa, di kit preconfezionati o di bonus da spendere sempre per l'acquisto di alimenti o beni di prima necessità su una piattaforma on line indicata dagli operatori alle famiglie prese in carico.
In questo modo gli assistenti sociali potranno creare una banca dati utile a monitorare costantemente la situazione delle famiglie baresi e a verificare le condizioni di accesso del nucleo familiare o del singolo cittadino in difficoltà, le modalità di sostegno più congrue alla situazione e eventuali ulteriori contributi pubblici percepiti.
Un volta effettuato lo screening si potranno valutare le differenti forme di sostegno: un buono spesa determinato nella misura di 100 euro al mese per ogni componente fino ad un massimo di 400 euro al mese.
Questi buoni potranno essere consegnati a domicilio dai volontari "attivati" dal servizio sociale comunale, o ritirati da singoli beneficiari esclusivamente previo appuntamento concordato con l'assistente sociale dedicato o erogati sotto forma di "spesa on line", previa attivazione di log-in e password con cui il cittadino beneficiario potrà effettuare l'ordine su apposite piattaforme di e-commerce qualora disponibili, nei limiti del budget assegnato al nucleo familiare.
Con riferimento ai farmaci da banco, gli stessi potranno essere acquistati dagli utenti beneficiari della misura nelle farmacia aderenti all'iniziativa e il comune provvederà poi al pagamento delle fatture mensili.
Alla misura potranno accedere tutti i cittadini residenti nel comune di Bari che, al momento della consegna del contributo, dovranno compilare una autocertificazione precompilata, attestante alcune informazioni socio economiche, su cui successivamente il Comune si riserva di effettuare controlli a campione.
Per ogni nucleo familiare la domanda potrà essere presentata da un solo componente.
Gli utenti che già percepiscono altri contributi pubblici, potranno beneficiare della misura, in ordine di priorità rispetto alle situazioni di difficoltà, sulla base di attestazione dello stato di necessità da parte del servizio sociale. In particolare sarà tenuta in considerazione l'entità del contributo percepito, il carico familiare (presenza di minori e disabili), e altri indicatori di disagio sociale dichiarati e rilevati dall'operatore.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, oggi 50 nuovi casi in Puglia Coronavirus, oggi 50 nuovi casi in Puglia Nel Barese il maggior numero di contagi, 29
Riapertura stadi, al San Nicola i primi mille per Bari-Trastevere? Riapertura stadi, al San Nicola i primi mille per Bari-Trastevere? La decisione presa ieri dai ministri Spadafora e Boccia dopo l'incontro con le Regioni. Si inizia dalla A, poi B e C
Bari, assembramenti per il beach volley abusivo a Pane e pomodoro. Scattano le multe Bari, assembramenti per il beach volley abusivo a Pane e pomodoro. Scattano le multe Elevati 5 verbali da 400 euro ai ragazzi scoperti in spiaggia. Gli altri si sono dileguati
Covid-19, in Puglia altri 108 positivi. Nel barese 40 casi Covid-19, in Puglia altri 108 positivi. Nel barese 40 casi Si registrano 3.717 tamponi e un decesso, nella provincia Bat
"Blitz" di Decaro nella zona della movida. Il sindaco ai ragazzi: «La mascherina non è da sfigati» "Blitz" di Decaro nella zona della movida. Il sindaco ai ragazzi: «La mascherina non è da sfigati» Il primo cittadino sul lungomare e nella zona umbertina: «Ci sono 500 casi in città, tutti hanno meno di 30 anni. Rispettate le regole»
Covid-19, positivo un dipendente del dipartimento Salute della Regione Puglia Covid-19, positivo un dipendente del dipartimento Salute della Regione Puglia Negativi i tamponi su tutti gli altri colleghi ritenuti contatti stretti del lavoratore contagiato
Covid-19, un decesso e 35 nuovi casi nel barese. Sono 84 in Puglia Covid-19, un decesso e 35 nuovi casi nel barese. Sono 84 in Puglia Effettuati 3.773 tamponi, un altro morto in provincia di Taranto
«Il focolaio Covid a Polignano è spento», a comunicarlo Asl Bari «Il focolaio Covid a Polignano è spento», a comunicarlo Asl Bari Nessun nuovo caso emerso dai tamponi effettuati oggi, fondamentale mantenere alta la guardia
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.