Bosch
Bosch
Scuola e Lavoro

Bosch Bari, preoccupazione per il 50% dei dipendenti

La situazione del sito barese sembra sempre più drammatica dopo le dichiarazioni dell'AD di Bosch Italia, Gerhard Dambach

Sono momenti di ansia e preoccupazione quelli che stanno vivendo i dipendenti dello stabilimento della Bosch di bari. Dopo le notizie poco confortanti in seguito all'incontro al Mise di pochi giorni fa, giungono come una tegola le dichiarazioni dell'AD di Bosch Italia, Gerhard Dambach, che in un'intervista rilasciata ad un noto quotidiano locale non lascia dubbi sul futuro dello stabilimento cittadino.

«C'è un surplus del 20 per cento di personale, ma se la situazione resta uguale o peggiora avremo un surplus del 45 per cento - dichiara Dambach - con un dimezzamento dell'organico nello stabilimento di Bari». L'AD parla anche di situazione drammatica, a causa anche delle politiche attuate dal governo sul diesel e dell'importanze di riconvertire lo stabilimento, sottolineando però che per una riconversione di un sito come quello di Bari ci vogliono dai 5 ai 10 anni e il mercato invece si sta evolvendo molto più rapidamente.

«Desta preoccupazione l'intervista all'AD di Bosch Italia, Gerhard Dambach, sulla grave situazione dello stabilimento di Bari, impegnato per il 90% nella produzione di componenti per autovetture diesel. O si cambia o è il dramma - dichiarano in una nota congiunta il segretario generale Ugl Metalmeccanici. Antonio Spera, la segretaria provinciale Ugl Metalmeccanici Bari. Samantha Partipilio e le rsu di stabilimento - Evidentemente gli accordi intrapresi solo 1 anno e mezzo fa, che sacrificavano le ferie e le tasche dei lavoratori in cambio di investimenti non sono stati abbastanza lungimiranti, dal momento che l'azienda registra un calo dei volumi pari al 32% rispetto alle previsioni»

«Questa notizia arriva - proseguono i sindacalisti - all'indomani anche di una negoziazione, che dura ormai da quasi 1 anno tra OO.SS. e Bosch Italia, per allocare nello stabilimento di Bari una porzione di produzione di componenti che di fatto sta esplodendo in un altro stabilimento italiano di Bosch. Non è possibile che in altri stabilimenti italiani del gruppo si continuano a fare assunzioni, mentre a Bari si dichiarano gli esuberi di personale. Bosch si impegni a portare nel sito di Bari nuove produzioni, in settori diversi dal diesel, perché i lavoratori non possono continuare ancora a pagare sulla propria pelle il prezzo di decisioni poco ponderate».
  • Sindacati
  • Bosch
Altri contenuti a tema
Caso Mercatone Uno, i lavoratori protestano davanti al Consiglio regionale della Puglia Caso Mercatone Uno, i lavoratori protestano davanti al Consiglio regionale della Puglia Questa mattina il presidio. I sindacati: «La politica locale intervenga con il Mise per la nomina di nuovi commissari»
Reintegrati ma trasferiti a Bari. La protesta dei dipendenti Fastweb Reintegrati ma trasferiti a Bari. La protesta dei dipendenti Fastweb Si tratta di 72 persone tutte di Milano, Slc Cgil: Scelta ritorsiva nei loro confronti
Bari, dipendenti del servizio mensa ospedaliero rischiano il posto, sit-in il 25 giugno Bari, dipendenti del servizio mensa ospedaliero rischiano il posto, sit-in il 25 giugno Il bando per l'affidamento non garantisce che l'appaltatore subentrante assuma tutte le persone in forza la momento
Banca Popolare di Bari, i sindacati: «Lavoratori assenti dal piano industriale» Banca Popolare di Bari, i sindacati: «Lavoratori assenti dal piano industriale» Le sigle attaccano: «Dipendenti frequentemente vittime di aggressioni fisiche e di cause ingiuste»
Bosch Bari, i sindacati: «Serve progetto industriale adeguato per salvare la fabbrica» Bosch Bari, i sindacati: «Serve progetto industriale adeguato per salvare la fabbrica» Incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, a rischio duemila lavoratori impiegati nella nostra città
Bari, fallimento Mercatone Uno, obiettivo salvaguardare i posti di lavoro Bari, fallimento Mercatone Uno, obiettivo salvaguardare i posti di lavoro Incontro ieri in Regione dopo l'appuntamento di lunedì al Mise
La pioggia non ferma i dipendenti del Mercatone Uno, presidio al Mise La pioggia non ferma i dipendenti del Mercatone Uno, presidio al Mise Una delegazione degli operai dovrebbe incontrare in giornata il ministro Di Maio
Fallimento Mercatone Uno, 27 e 28 maggio appuntamenti decisivi per le sorti dei dipendenti Fallimento Mercatone Uno, 27 e 28 maggio appuntamenti decisivi per le sorti dei dipendenti Dopo la notizia della mancata concessione del concordato preventivo e la chiusura di tutti i negozi si sono attivate le procedure per gli operai
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.