Il sequestro
Il sequestro
Cronaca

Bari Torre a Mare, la rabbia dei commercianti: «Sembra che siamo diventati tutti delinquenti»

La notizia del suicidio di Franco di "La Cambusa" ha destato sconcerto e preoccupazione tra i ristoratori dopo i diversi sequestri degli ultimi mesi

Rabbia e sconcerto ha destato a Bari la notizia della morte di Franco titolare del ristorante "La Cambusa" a Torre a Mare. Diversi commercianti nel pomeriggio di ieri avrebbero anche voluto organizzare una fiaccolata per tenere alta l'attenzione, ma nulla si è più fatto per non urtare la sensibilità della famiglia in un momento tanto delicato in cui ogni cosa può sembrare una strumentalizzazione. Ma sono tante le domande che la morte di Franco si porta con sé. specialemente dopo gli ultimi mesi in cui diversi sono stati i controlli nella zona, a partire dalla Guardia Costiera che in diverse occasioni aveva sequestrato i gazebo dei locali accusando il proprietario di abuso edilizio in quanto gli stessi non autorizzati, fino ad arrivare pochi mesi fa alla chiusura di un ristorante anche per il pesce mal conservato.

«Siamo al punto che sarebbe necessario prendere delle decisioni forti contro la pubblica amministrazione, altrimenti non è possibile andare avanti - dichiara Nicola, titolare di "Le Rune" - Oggi si parla della cosa per via di quanto accaduto, ma tra una settimana nessuno ne parlerà più per cui è necessario agire ora. I commercianti dovrebbero poter vivere una vita tranquilla, e invece sembra che siamo diventati tutti dei delinquenti. Il sindaco abita qua ma non può muoversi molto se non viene additato di fare favoritismi, ma il contesto non riguarda solo lui ma tutti gli enti locali che devono necessariamente insieme fare un regolamento che sia applicabile a tutti oppure non si va avanti e si arriva ai gesti come quello di Franco, perché si è giunti al limite della sopportazione umana. Siamo in uno stato di tale tensione che non ci sentiamo tranquilli a muoverci in nessun modo».

«La situazione è molto delicata - sottolinea Donato Cippone, difensore del commercio di prossimità con il Comitato "Stop Centri Commerciali" - C'è tanta rabbia, nessuno avrebbe mai pensato che Franco potesse arrivare a tanto. Accusare di abuso edilizio i ristoratori per i gazebo quando accadono situazioni molto peggiori sembra assurdo. Il paradosso di questa città è che chi mette due pali di legno si becca un'accusa di abuso edilizio, mentre il comune per altre situazioni sembra non fare nulla»
  • Sequestro
  • torre a mare
Altri contenuti a tema
Bari, tromba d'aria nella notte a Torre a Mare Bari, tromba d'aria nella notte a Torre a Mare Danni ad imbarcazioni e attività commerciali, alcune barche finite sulla piazza
Centosettanta chili di pesce non tracciabile o scaduto, sequestro a Polignano Centosettanta chili di pesce non tracciabile o scaduto, sequestro a Polignano Gli uomini della Guardia Costiera di Bari in azione in due noti ristoranti della cittadina
Trasporta un feretro ma è senza assicurazione, fermato a Bari Trasporta un feretro ma è senza assicurazione, fermato a Bari Il carro funebre è stato scortato dai vigili fino al cimitero ed è poi stato sequestrato
Torre a Mare, incendio doloso sulla barca di un pescatore Torre a Mare, incendio doloso sulla barca di un pescatore Le fiamme sono state estinte in tempo. Il presidente del Municipio I Leonetti: «Telecamere sulla darsena del porticciolo»
Concussione, sequestrati un immobile e un'auto ad ex dg del Policlinico Concussione, sequestrati un immobile e un'auto ad ex dg del Policlinico Giovanni Giannoccaro era finito ai domiciliari dopo essere stato sorpreso a ricevere 3mila euro da un imprenditore
Altamura, farina a km 0, ma nel mulino scarafaggi e parassiti Altamura, farina a km 0, ma nel mulino scarafaggi e parassiti Visite ispettive hanno accertato la presenza di numerose colonie di insetti, sequestrata la struttura e 16 tonnellate di merce
Torre a Mare, interdetto l'accesso alla scogliera sul litorale in via dei Trulli Torre a Mare, interdetto l'accesso alla scogliera sul litorale in via dei Trulli La decisione presa dalla ripartizione Sviluppo economico del Comune di Bari per motivi di sicurezza
Cioccolato scaduto per le uova di Pasqua, sequestri a Bari Cioccolato scaduto per le uova di Pasqua, sequestri a Bari I Nas hanno trovato in uno stabilimento 430 kg di materiale oltre a condizioni igenico sanitarie precarie
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.