network contacts
network contacts
Scuola e Lavoro

Bari, Network Contacts rassicura i dipendenti Olisistem

Il direttore generale Saitti: «Massima apertura nei confronti dei lavoratori»

Rassicurazioni da Network Contacts, azienda che ha rilevato la commessa di Sorgenia, nei confronti dei dipendenti di Olisistem, e soprattutto dei circa 200 a rischio di perdere il posto.

«Vogliamo salvaguardare gli interessi dei lavoratori - dichiara il direttore generale Giulio Saitti - Verso di loro c'è massima apertura, anzi non vediamo l'ora di esportare il nostro modello di azienda, basato su un forte investimento in termini di welfare. Speriamo arrivino presto, in modo che possano rendersi conto della nostra realtà, tranquillizzando se stessi e le proprie famiglie».

Di due giorni fa la protesta dei dipendenti di fronte al sito di Modugno e l'appello a Sorgenia a rimanere con Olisistem, visto il timore che anche con l'applicazione della clausola sociale ci siano rischi di licenziamenti oltre al rischio di doversi trasferire a Molfetta, pesante per chi part-time guadagna 700 euro al mese.

«Ho saputo di questo stato di agitazione – sottolinea Saitti – ma forse c'è stata poca trasparenza nella comunicazione loro rivolta: nulla è pregiudicato, sono in stretto contatto con organi istituzionali e con le organizzazioni sindacali. Abbiamo un incontro il 10 luglio a Roma, ma già dalle piccole interlocuzioni emerge grande apertura e condivisione».


Stando a quanto dichiarato da Network Contacts sarebbe stata la stessa Sorgenia a chiedere loro di applicare la clausola sociale, mettendo in evidenza l'attenzione alla salvaguardia del patrimonio umano prima che professionale dei lavoratori coinvolti.

«Sorgenia – conclude Saitti – è una delle aziende più serie che esistano in Italia e non solo ci ha chiesto di applicare la clausola sociale, bensì di andare oltre ciò che prevede la legge, proponendoci di estendere il nostro intervento anche ai somministrati e ad altre forme di contratto che insistono su questa commessa. Da parte nostra, chiaramente, non c'è stato il minimo problema nell'accettare».
  • Sindacati
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Passaggio da Auchan a Conad, 6 mila esuberi. Nuovo sciopero Passaggio da Auchan a Conad, 6 mila esuberi. Nuovo sciopero I sindacati annunciano 16 ore di astensione dal lavoro, tra cui l'intera giornata del 23 dicembre
Lavoratori delle pulizie del Maugeri a rischio, sit-in il giorno dell'inaugurazione a Bari Lavoratori delle pulizie del Maugeri a rischio, sit-in il giorno dell'inaugurazione a Bari La società subentrante dell'appalto non garantisce l'occupazione, i sindacati ribadiscono la necessità di un confronto
Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti L'azienda in una riunione in Germania ha confermato i tagli in tutte le sue filiali, domani si sciopera
Pulizia nelle scuole, sit-in davanti all’Ufficio Scolastico Regionale di Bari Pulizia nelle scuole, sit-in davanti all’Ufficio Scolastico Regionale di Bari Sindacati e dipendenti chiedono certezze, in 800 rischiano di oerdere il posto se non dovesse esserci l'internalizzazione
Lavoratori edili in piazza a Bari: «Noi non ci fermiamo» Lavoratori edili in piazza a Bari: «Noi non ci fermiamo» La manifestazione si è svolta a otto mesi dallo sciopero generale contemporaneamente in 100 piazze italiane
Lavoro in Puglia: l’identikit di chi è alla ricerca di una nuova occupazione Lavoro in Puglia: l’identikit di chi è alla ricerca di una nuova occupazione È fondamentale la conoscenza delle lingue straniere, soprattutto dell'inglese
Bosch di Bari, in seicento a rischio e il 28 novembre sarà sciopero Bosch di Bari, in seicento a rischio e il 28 novembre sarà sciopero Pochi giorni fa approvato un ordine del giorno alla Camera presentato da Galantino per tenere alta l'attenzione sulla situazione
Conad-Auchan, 3 mila gli esuberi, dubbi sul futuro di Casamassima e Modugno Conad-Auchan, 3 mila gli esuberi, dubbi sul futuro di Casamassima e Modugno Dall'incontro al Ministero emergono i numeri della crisi, anche l'ipermercato alle porte di Bari è in sospeso
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.