La casa di cura
La casa di cura "Santa Lucia"
Speciale

Bari, la casa di cura fantasma e i misteri intorno alla figura di "Cicci" Cavallari

La "Santa Lucia" in via Fanelli è uno dei tanti immobili mai nati davvero, e dietro il suo scheletro se ne nascondono molti altri

Una casa di cura mai terminata, o meglio lo scheletro di quella che avrebbe dovuto essere un centro di eccellenza a Bari, immobilizzata nel tempo. Ferma al 1995, quando l'"Operazione Speranza" portò all'arresto di colui che all'epoca veniva definito il re della sanità barese, Francesco Cavallari, detto "Cicci" dagli amici. La storia di questo imponente fantasma su via Fanelli, che il tempo ha logorato senza cancellarlo, si intreccia a doppio filo con quella del suo proprietario dell'epoca, e con le tante storie che si sono rincorse in questi anni su vicende mai del tutto chiarite.

Ma procediamo con ordine, cercando di riassumere vicende complesse e non ancora giunte a termine e che forse non arriveranno mai a vedere la parola fine. Siamo a cavallo tra gli anni '80 e i '90 e Francesco Cavallari, ex rappresentante farmaceutico, possiede un impero a Bari e non solo. Sono tante però le voci che girano intorno a lui e al suo enorme patrimonio, costituito dalle Case di Cura Riunite (10 cliniche sul territorio più la nostra in costruzione), oltre ad una serie di società collegate quali Oncohospital, Magida, Immobil D, Immobil M, Immobil Ag, Immobilgero, Gerohospital, Cardiohospital, diversi appartamenti e la maestosa villa in corso Alcide De Gasperi.

Arriva poi la magistratura, ad indagare su presunte collusioni mafiose tra Cavallari e i boss Savino Parisi e Antonio, Mario e Giuseppe Capriati. L'accusa per l'imprenditore è associazione mafiosa, Cavallari patteggia una condanna a 22 anni e se ne va a Casa de Campo, nella Repubblica Domenicana, dove possiede un bar gelateria. Del grande impero non rimane più nulla, tutto sottoposto a sequestro. Ma il tempo alcuni dicono sia galantuomo, altri che permetta di vedere le cose con più lucidità, fatto sta che di quella "Operazione Speranza" rimane poco o nulla, e l'unico condannato è proprio Cavallari. Al punto che nel 2013 chiede la revisione del processo, e solo di pochi giorni fa è la notizia che la terza sezione penale della Corte d'appello di Bari ha assolto "perché il fatto non sussiste" l'ex manager barese delle Case di cura riunite (Ccr), Paolo Biallo, e il boss mafioso barese Savino Parisi. Sentenza che riapre completamente la vicenda.

E della nostra clinica "Santa Lucia" ormai divenuta negli anni un luogo di svago per giovani e writer, come testimoniano le diverse bombolette spray e i tanti disegni che ormai colorano le mura un tempo candide di quello che sarebbe dovuto essere un'asettico ospedale, che ne sarà? Ormai i baresi ci hanno fatto l'abitudine, molti non ci fanno più nemmeno caso, e quei cartelli con scritto "Vietato l'accesso lavori in corso" impediscono ancora a tanti di capire che dietro quelle recinzioni c'è un enorme cantiere bloccato nel tempo, a far da cornice ad un passato che, forse, tanto passato non è ancora.
32 fotoLa casa di cura "Santa Lucia" in via Fanelli a BariElga Montani
La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"
  • Ospedale
  • Tribunale
  • mafia
Altri contenuti a tema
Caso Punta Perotti, la Corte d'Appello di Bari dice no ai danni da demolizione Caso Punta Perotti, la Corte d'Appello di Bari dice no ai danni da demolizione Secondo il tribunale la famiglia Matarrese non avrebbe dovuto guadagnare perché quei terreni non erano edificabili
Sanità in ferie in Puglia, per un intervento urgente si corre a Verona Sanità in ferie in Puglia, per un intervento urgente si corre a Verona La storia raccontata dal consigliere regionale pentastellato Conca riguarda un giovane con distacco improvviso della retina
Assenteismo all'ospedale di Monopoli, torna in libertà il primario di ginecologia Assenteismo all'ospedale di Monopoli, torna in libertà il primario di ginecologia Santamato è l'unico dei sette medici arrestati ad aver risposto ai giudici dopo l'arresto del 18 luglio
Ristorazione ospedaliera in Puglia, sit-in lunedì in Regione Ristorazione ospedaliera in Puglia, sit-in lunedì in Regione I lavoratori temono che non venga applicata l clausola sociale e quindi di perdere il lavoro
Bari, 35enne muore dopo intervento alla Mater Dei Bari, 35enne muore dopo intervento alla Mater Dei La donna di Ostuni e madre di un bambino di 6 anni si era sottoposta ad un bendaggio gastrico
Estorsioni, gioco d'azzardo e guerre di mafia. La mappa dei clan criminali a Bari Estorsioni, gioco d'azzardo e guerre di mafia. La mappa dei clan criminali a Bari Pubblicata la relazione della Dia relativa al secondo semestre 2018 che individua la spartizione del territorio fra le famiglie
Bari ricorda la strage di via D'Amelio, intitolato un giardino a Emanuela Loi Bari ricorda la strage di via D'Amelio, intitolato un giardino a Emanuela Loi Dopo due anni e mezzo all'agente della scorta di Paolo Borsellino viene intitolata un'area verde nei pressi del parco 2 giugno
Monopoli, assenteismo in ospedale coinvolti medici, infermieri e ausiliari. I nomi Monopoli, assenteismo in ospedale coinvolti medici, infermieri e ausiliari. I nomi Sono tutti accusati a vario titolo di truffa aggravata in danno della ASL Bari, di false attestazioni o certificazioni, di falsità ideologica in atto pubblico
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.