La casa di cura
La casa di cura "Santa Lucia"
Speciale

Bari, la casa di cura fantasma e i misteri intorno alla figura di "Cicci" Cavallari

La "Santa Lucia" in via Fanelli è uno dei tanti immobili mai nati davvero, e dietro il suo scheletro se ne nascondono molti altri

Una casa di cura mai terminata, o meglio lo scheletro di quella che avrebbe dovuto essere un centro di eccellenza a Bari, immobilizzata nel tempo. Ferma al 1995, quando l'"Operazione Speranza" portò all'arresto di colui che all'epoca veniva definito il re della sanità barese, Francesco Cavallari, detto "Cicci" dagli amici. La storia di questo imponente fantasma su via Fanelli, che il tempo ha logorato senza cancellarlo, si intreccia a doppio filo con quella del suo proprietario dell'epoca, e con le tante storie che si sono rincorse in questi anni su vicende mai del tutto chiarite.

Ma procediamo con ordine, cercando di riassumere vicende complesse e non ancora giunte a termine e che forse non arriveranno mai a vedere la parola fine. Siamo a cavallo tra gli anni '80 e i '90 e Francesco Cavallari, ex rappresentante farmaceutico, possiede un impero a Bari e non solo. Sono tante però le voci che girano intorno a lui e al suo enorme patrimonio, costituito dalle Case di Cura Riunite (10 cliniche sul territorio più la nostra in costruzione), oltre ad una serie di società collegate quali Oncohospital, Magida, Immobil D, Immobil M, Immobil Ag, Immobilgero, Gerohospital, Cardiohospital, diversi appartamenti e la maestosa villa in corso Alcide De Gasperi.

Arriva poi la magistratura, ad indagare su presunte collusioni mafiose tra Cavallari e i boss Savino Parisi e Antonio, Mario e Giuseppe Capriati. L'accusa per l'imprenditore è associazione mafiosa, Cavallari patteggia una condanna a 22 anni e se ne va a Casa de Campo, nella Repubblica Domenicana, dove possiede un bar gelateria. Del grande impero non rimane più nulla, tutto sottoposto a sequestro. Ma il tempo alcuni dicono sia galantuomo, altri che permetta di vedere le cose con più lucidità, fatto sta che di quella "Operazione Speranza" rimane poco o nulla, e l'unico condannato è proprio Cavallari. Al punto che nel 2013 chiede la revisione del processo, e solo di pochi giorni fa è la notizia che la terza sezione penale della Corte d'appello di Bari ha assolto "perché il fatto non sussiste" l'ex manager barese delle Case di cura riunite (Ccr), Paolo Biallo, e il boss mafioso barese Savino Parisi. Sentenza che riapre completamente la vicenda.

E della nostra clinica "Santa Lucia" ormai divenuta negli anni un luogo di svago per giovani e writer, come testimoniano le diverse bombolette spray e i tanti disegni che ormai colorano le mura un tempo candide di quello che sarebbe dovuto essere un'asettico ospedale, che ne sarà? Ormai i baresi ci hanno fatto l'abitudine, molti non ci fanno più nemmeno caso, e quei cartelli con scritto "Vietato l'accesso lavori in corso" impediscono ancora a tanti di capire che dietro quelle recinzioni c'è un enorme cantiere bloccato nel tempo, a far da cornice ad un passato che, forse, tanto passato non è ancora.
32 fotoLa casa di cura "Santa Lucia" in via Fanelli a BariElga Montani
La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"La casa di cura "Santa Lucia"
  • Ospedale
  • Tribunale
  • mafia
Altri contenuti a tema
Putignano (Bari), l'ospedale torna ad essere presidio no Covid Putignano (Bari), l'ospedale torna ad essere presidio no Covid Vengono mantenuti 4 letti di terapia intensiva, secondo nosocomio dopo il San Paolo ad essere riconvertito
Ospedale in Fiera a Bari, dopo le indagini arriva anche l'esposto alla Corte dei Conti Ospedale in Fiera a Bari, dopo le indagini arriva anche l'esposto alla Corte dei Conti Ad annunciarlo in una nota i consiglieri del Gruppo regionale di Forza Italia Stefano Lacatena, Giandiego Gatta e Paride Mazzotta
Emergenza Coronavirus, da oggi parte la ricoversione all'attività No-Covid del San Paolo Emergenza Coronavirus, da oggi parte la ricoversione all'attività No-Covid del San Paolo Al via in Puglia l'aggiornamento della rete ospedaliera, Lopalco: "Cominciamo a far respirare il sistema sanitario"
Associazione dedita al traffico di droga a Bari, i nomi di tutti gli indagati Associazione dedita al traffico di droga a Bari, i nomi di tutti gli indagati La "banda" contigua al clan Palermiti, era operativa nel quartiere Japigia e nei comuni del sud-est barese
Giovanni XXIII a Bari, da oggi i piccoli pazienti si spostano in microcar Giovanni XXIII a Bari, da oggi i piccoli pazienti si spostano in microcar Il dono effettuato dalle associazioni Portatori Sani Di Sorrisi e "Michela l'Angelo Farfalla"
Puglia, cala la pressione sugli ospedali. Occupazione terapie intensive al 34% Puglia, cala la pressione sugli ospedali. Occupazione terapie intensive al 34% Siamo ancora oltre la soglia critica del 30% stabilita dal ministero ma la percentuale è in discesa
Mafia a Bari, blitz contro il clan Strisciuglio. 99 arresti Mafia a Bari, blitz contro il clan Strisciuglio. 99 arresti Sono tutti ritenuti capi e affiliati, il tutto rientra nell'ambito di una vasta operazione antimafia condotta sulla città metropolitana
Bari, arrestato ricercato 35enne, membro di spicco del clan Strisciuglio Bari, arrestato ricercato 35enne, membro di spicco del clan Strisciuglio L'uomo deve espiare la pena definitiva di 7 anni e 11 mesi di reclusione ed è coinvolto nell'operazione chiamata "Agorà"
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.