Il giudice Bellomo
Il giudice Bellomo
Cronaca

Bari, ex giudice Bellomo respinge le accuse: "Nessun maltrattamento alle sue allieve"

Il direttore scientifico della scuola di magistratura accusato di aver chiesto favori sessuali alle sue vittime, ha risposto per 9 ore ai magistrati

È durato oltre nove ore l'interrogatorio di garanzia dell'ex giudice barese, docente e direttore scientifico dei corsi post-universitari per la preparazione al concorso in magistratura Francesco Bellomo accusato di maltrattamenti estorsioni e calunnia nei confronti delle sue allieve balzato agli onori della cronaca per il famoso 'dress code' a sfondo sessuale.
Bellomo secondo quanto riportato dall'Ansa avrebbe "contrastato in modo molto rigoroso e documentato tutte le accuse che gli vengono rivolte", al termine dell'interrogatorio, dopo aver depositato anche una memoria difensiva, i difensori di Bellomo, Beniamino Migliucci e Gianluca D'Oria, hanno chiesto la revoca degli arresti domiciliari ai quali l'ex giudice è sottoposto da una settimana.
L'ex giudice utilizzando l'artifizio delle borse di studio offerte dalla società per selezionare ed avvicinare le allieve nei confronti delle quali nutriva interesse anche sessuale, imponeva una serie di obblighi e di divieti. Tra questi l'obbligo di fedeltà nei confronti del direttore scientifico, divieto di avviare o mantenere relazioni intime con soggetti che non raggiungessero un determinato punteggio attribuito secondo l'insindacabile giudizio dello stesso Bellomo. Instaurava inoltre con le borsiste rapporti confidenziali e, in alcuni casi, sentimentali e nell'ambito dei rapporti così creati, facendo leva sul rispetto degli obblighi assunti, poneva sistematiche condotte di sopraffazione, controllo, denigrazione ed intimidazione offendendone il decoro e la dignità personale, limitandone la libertà di autodeterminazione e riducendole in uno stato di prostrazione e soggezione psicologica. A Bellomo si contestano inoltre i reati di estorsione per avere, costretto una allieva e borsista, a rinunciare all'impiego di co-presentatrice in programmi televisivi in quanto incompatibile con l'immagine di aspirante magistrato e calunnia per un fatto diverso da quello relativo alla scuola di magistratura.
  • Bellomo
Altri contenuti a tema
Bari, Bellomo torna libero avrà solo l'interdizione dall' insegnamento per un anno Bari, Bellomo torna libero avrà solo l'interdizione dall' insegnamento per un anno L'ex giudice del Condiglio di Stato era accusato di maltrattamenti ad alcune corsiste
Caso Bellomo, la difesa chiede al Riesame di Bari la revoca dei domiciliari Caso Bellomo, la difesa chiede al Riesame di Bari la revoca dei domiciliari Secondo i legali dell'ex giudice le dichiarazioni delle presunte vittime non traccerebbero le condizioni per la privazione della libertà
Bellomo risponde ai giudici di Bari: «Non ho maltrattato nessuno» Bellomo risponde ai giudici di Bari: «Non ho maltrattato nessuno» Domani i legali chiederanno al Tribunale del Riesame l'annullamento della misura cautelare
Arresto Bellomo, il Gip di Bari conferma gli arresti domiciliari Arresto Bellomo, il Gip di Bari conferma gli arresti domiciliari L'ex giudice è accusato di maltrattamenti ed estorsione
Arrestato l'ex giudice Bellomo, tra le accuse la calunnia al premier Conte Arrestato l'ex giudice Bellomo, tra le accuse la calunnia al premier Conte È stato posto ai domiciliari, deve rispondere anche dei maltrattamenti e delle minacce alle sue corsiste
Primarie centrodestra a Bari, Bellomo si ritira e appoggia Romito Primarie centrodestra a Bari, Bellomo si ritira e appoggia Romito Il candidato di Ncd-DIt ha deciso di non competere, la corsa rimane a tre
Minigonne e tacchi a spillo per frequentare il corso di diritto, prima udienza a Bellomo Minigonne e tacchi a spillo per frequentare il corso di diritto, prima udienza a Bellomo Durante il processo in corso a Piacenza per stalking, una delle vittime ha però ritirato la querela
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.