filippo caracciolo
filippo caracciolo
Cronaca

Appalti truccati in Puglia, indagato l'ex assessore regionale Caracciolo

Conclusa l'inchiesta della Procura di Bari a carico di nove persone. L'accusa è di corruzione

Si è conclusa l'indagine della Procura di Bari in merito ad alcuni presunti appalti truccati in Puglia. Sotto la lente d'ingrandimento della magistratura barese ci sono nove persone, tra le quali il consigliere regionale ed ex assessore regionale all'Ambiente Filippo Caracciolo. Le accuse per tutti a vario titolo sono di concorso in turbativa d'asta, corruzione e falso.

L'inchiesta fa riferimento a due presunte gare d'appalto truccate; una per la costruzione di una scuola a Corato e l'altra per la realizzazione di un impianto per trattamento rifiuti ad Andria.

Lo stesso Caracciolo rimise le deleghe da assessore già a febbraio 2018, quando ricevette l'avviso di garanzia da parte della magistratura barese.
Nell'inchiesta, coordinata dalla pm Salvina Toscani, sono indagati, oltre Caracciolo, l'ex direttore generale di Arca Puglia, Sabino Lupelli, gli imprenditori Massimo e Amedeo Marino Onofrio Manchisi, il dirigente comunale di Barletta Donato Lamacchia, gli imprenditori Alessandro Ermini e Rossano Dell'Innocenti, l'ex direttore generale di Amiu Puglia Antonio Di Biase, Il dirigente tecnico dell'Aro 2 Bat dei Comuni di Andria, Minervino Murge, Spinazzola e Canosa di Puglia Antonio Dibari.

All'origine dell'indagine chiusa oggi dalla Procura di Bari un procedimento su un presunto giro di mazzette che sarebbero state pagate in cambio di appalti dell'Arca Puglia, (agenzia regionale che gestisce gli alloggi popolari). In quel processo l'ex direttore generale di Arca Puglia Sabino Lupelli e l'imprenditore Massimo Manchisi patteggiarono la pena.
  • Regione Puglia
  • Procura di Bari
  • Arca Puglia
  • filippo caracciolo
  • corruzione
Altri contenuti a tema
Casi di assenteismo all'Arif, chiuse le indagini su tre dipendenti Casi di assenteismo all'Arif, chiuse le indagini su tre dipendenti I sospetti, secondo la polizia, si servivano di colleghi compiacenti per falsificare le firme di presenza
Mercatone Uno, lavoratori in presidio davanti alla sede della Regione Puglia Mercatone Uno, lavoratori in presidio davanti alla sede della Regione Puglia I sindacati chiedono intervento da parte della task force occupazione per i dipendenti dei negozi di Bari e San Cesario
Bari, chiesto il processo per l'ex giudice Bellomo. Calunnia a Conte fra le accuse Bari, chiesto il processo per l'ex giudice Bellomo. Calunnia a Conte fra le accuse Maltrattamenti ed estorsioni nei confronti di ex borsiste gli altri reati ipotizzati dagli inquirenti
"Patto per la Puglia", dalla giunta arrivano 116 milioni per il trasporto pubblico "Patto per la Puglia", dalla giunta arrivano 116 milioni per il trasporto pubblico Il finanziamento è al 100 percento a carico della Regione, che sarà proprietaria dei mezzi concessi in comodato d’uso gratuito a Trenitalia
Protesta Banca Popolare in Regione Puglia, Loizzo: «Scriverò a Conte» Protesta Banca Popolare in Regione Puglia, Loizzo: «Scriverò a Conte» Laricchia (M5S): «Appoggeremo la proposta di una mozione per sottolineare la drammaticità della situazione delle famiglie»
Bari, arresti illustri sulle "gaming machine" grazie alla denuncia di un tabaccaio Bari, arresti illustri sulle "gaming machine" grazie alla denuncia di un tabaccaio Un ruolo determinante viene attribuito a Baldassarre D'Ambrogio e ad altri esponenti dei clan Anemolo, Strisciuglio e Capriati
Omicidio della senza dimora polacca "Margherita" nel 2012, arrestato il presunto colpevole Omicidio della senza dimora polacca "Margherita" nel 2012, arrestato il presunto colpevole In manette un 53enne pregiudicato, già in carcere per maltrattamenti sulla nuova compagna. Il corpo fu ritrovato nel 2017
Noicattaro, maltrattamenti su bambini autistici: vanno a processo in quattro Noicattaro, maltrattamenti su bambini autistici: vanno a processo in quattro I fatti nel 2018 all'interno di una struttura specialistica. Compariranno davanti al giudice tre educatrici e un'insegnate di sostegno
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.