Scuola
Scuola
Scuola e Lavoro

Appalti pulizie nelle scuole, è sciopero nazionale

L'astensione dal lavoro prevista domani 21 gennaio, i sindacati: «Ancora non ci sono soluzioni per tutti»

È previsto per domani, martedì 21 gennaio a Roma, lo sciopero nazionale appalti pulizie scuole.

Da qualche giorno è scaduto il termine per la presentazione delle domande on-line per la procedura selettiva che porterà all'immissione in ruolo dal 1° marzo 2020 delle lavoratrici e dei lavoratori oggi occupati negli appalti di pulizie delle scuole statali. Ancora non si conoscono i numeri precisi di quanti hanno presentato la domanda, degli idonei e di quanti saranno coinvolti nell'assunzione e in quale modalità – se full time o part time. Poco più di 16mila sono le persone dichiarate dalle società che lavorano oggi in appalto, circa 11.200 i posti a disposizione che potrebbero aumentare, se parte delle assunzioni saranno, come previsto dal Decreto Scuola, con contratto a part time. Se non ci saranno concreti interventi entro i prossimi 2 mesi, a rischiare il posto di lavoro saranno probabilmente oltre 4mila persone. La possibilità di internalizzare il servizio di pulizia era positiva per i sindacati, fino a quando non si è concretizzato un processo che, di fatto, esclude migliaia di addetti, peggiorando le loro condizioni.

«Senza lavoro o con l'orario dimezzato e salari più bassi, sono queste le prospettive per molti lavoratori - afferma Cinzia Bernardini segretaria nazionale della Filcams Cgil - nonostante le azioni messe in campo in questi mesi dalle Organizzazioni Sindacali, con mobilitazioni, scioperi e incontri, abbiano portato a dei risultati, come alcune modifiche e integrazioni apportate al Decreto Scuola, siamo ancora lontani dall'individuazione di una soluzione per tutti».

Cgil, Cisl e Uil Confederali hanno reiterato la richiesta di attivazione di un Tavolo interministeriale per affrontare complessivamente la vertenza: «Un intervento non più rinviabile - prosegue Bernardini - visto che le imprese hanno da tempo avviato le procedure di licenziamento collettivo che, dopo l'incontro al Ministero del Lavoro previsto per il 23 gennaio prossimo, rischiano di diventare effettive. Il Governo, il Miur, il MLPS e le stesse imprese devono assumersi la responsabilità di trovare le soluzioni necessarie per garantire occupazione e reddito a tutti».
  • Scuola
  • Sciopero
Altri contenuti a tema
Coronavirus, Conte: «Pronti 400 miliardi per le imprese in Italia» Coronavirus, Conte: «Pronti 400 miliardi per le imprese in Italia» Azzolina: «Esami di stato si faranno, non si può in nessun modo parlare di sei politico»
Supporto per la didattica a distanza, a Bari arrivano 517mila euro Supporto per la didattica a distanza, a Bari arrivano 517mila euro I fondi stanziati dal Governo serviranno per aiutare le famiglie prive di strumenti digitali e per la formazione del personale
Apertura festiva dei negozi anche nella Pasqua col Coronavirus, è protesta Apertura festiva dei negozi anche nella Pasqua col Coronavirus, è protesta Sciopero indetto oggi da Filcams Cgil, che lancia anche la campagna #IoStoConChiSciopera
Teledidattica senza strumenti informatici? A Bari tablet donati al Comune dalle aziende Teledidattica senza strumenti informatici? A Bari tablet donati al Comune dalle aziende Secondo un monitoraggio ad hoc effettuato in questi giorni, il fabbisogno stimato si aggira intorno ai 3500 dispositivi tra elementari, medie e licei
La didattica ai tempi del Coronavirus, online l'indagine conoscitiva Irase Puglia La didattica ai tempi del Coronavirus, online l'indagine conoscitiva Irase Puglia I genitori degli studenti potranno compilare il questionario entro il 5 aprile
Negozi di alimentari aperti di domenica in Puglia, via allo sciopero Negozi di alimentari aperti di domenica in Puglia, via allo sciopero Filcams Cgil: «In questi giorni, anche i lavoratori del comparto del commercio sono rimasti colpiti dal COVID-19. Necessaria omogeneità»
Bari, supermercati chiusi la domenica, Lidl non si adegua. Lavoratori in sciopero Bari, supermercati chiusi la domenica, Lidl non si adegua. Lavoratori in sciopero Barbara Neglia (Filcams Cgil): «Siamo veramente sconcertati da come questa azienda non abbia avuto alcuna sensibilità»
Coronavirus, presto le lezioni online per le scuole di Bari Coronavirus, presto le lezioni online per le scuole di Bari La possibilità arriva dall'accordo di Microsoft e Politecnico con il Comune
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.