Mela
Mela
Attualità

Agosto torrido in Puglia, sulle tavole aumenta del 25% il consumo di frutta e verdura

L'incremento legato anche alla riapertura delle attività di ristorazione con l’affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati

L'agosto bollente ha cambiato i consumi degli italiani con il record della frutta e verdura portata a tavola che negli ultimi quindici giorni è aumentato del 25% rispetto al periodo precedente. È quanto stima la Coldiretti Puglia in riferimento all'impatto sugli acquisti dell'ondata di grande caldo che ha investito la Puglia sulla base delle indicazioni dei mercati degli agricoltori di Campagna Amica.

"La morsa di caldo ha cambiato la spesa e spinge a portare in tavola cibi freschi genuini e dietetici che dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine, mantengono in efficienza l'apparato intestinale con il loro apporto di fibre e si oppongono all'azione dei radicali liberi prodotti nell'organismo dall'esposizione al sole, nel modo più naturale ed appetitoso possibile", spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

A tenere alti i consumi è anche la riapertura delle attività di ristorazione con l'affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati consumati alla disponibilità di nuove tecnologie, dalle centrifughe agli essiccatori che aiutano a far apprezzare cibi salutari anche ai più piccoli.

Per ottimizzare la spesa, ottenere il miglior rapporto prezzi-qualità e aiutare il proprio territorio e l'occupazione, il consiglio della Coldiretti è quello di verificare l'origine nazionale, acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, comprare direttamente dagli agricoltori nei mercati o in fattoria e non cercare per forza il prodotto perfetto perché piccoli problemi estetici non alterano le qualità organolettiche e nutrizionali, i cosiddetti "brutti ma buoni".

L'andamento positivo dei consumi oltre che dai cambiamenti climatici è spinto anche dalla svolta green nell'alimentazione impressa dall'emergenza Covid con una crescente attenzione al benessere a tavola con la preferenza accordata a cibi freschi, genuini e dietetici.

Albicocche, pesche e nettarine ma anche meloni ed angurie e pere e mele aiutano a combattere l'afa, a idratarsi e a fare il pieno naturale di vitamine. Frutta e verdura sono alimenti che soddisfano molteplici esigenze del corpo: nutrono, dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine, mantengono in efficienza l'apparato intestinale con il loro apporto di fibre e si oppongono all'azione dei radicali liberi prodotti nell'organismo dall'esposizione al sole, nel modo più naturale ed appetitoso possibile. Con gli stili di vita più salutistici si affermano anche nuove modalità di consumo favorite anche dalla disponibilità di tecnologie casalinghe low cost, dalle centrifughe agli essiccatori che aiutano a far apprezzare cibi salutari anche ai più piccoli, a casa, o in spiaggia.

Una opportunità resa possibile dal fatto che la Puglia è prima nella classifica nazionale per le ciliegie e l'uva da tavola, ma anche per le pesche, le angurie e le albicocche, duramente colpiti dall'andamento climatico che ha praticamente dimezzato i raccolti regionali. L'andamento climatico Il caldo e la siccità hanno tagliato di oltre il 25% il raccolto nazionale di cocomeri con i frutti bruciati in Puglia. È peraltro appena iniziata la raccolta delle mele con cali fino al 30% rispetto allo scorso anno a causa di maltempo e gelate primaverili che hanno fatto scendere la produzione a 4,5 milioni di chili nel 2021 per quello che è il frutto più consumato a livello nazionale, secondo l'analisi di Coldiretti su dati Prognosfruit.

Per garantirsi prodotti freschi e di qualità ma anche per sostenere il sistema produttivo nazionale duramente colpito dal caldo e dalla siccità per ottimizzare la spesa e non cadere negli inganni il consiglio della Coldiretti è quello di verificare la provenienza italiana, acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, comprare direttamente dagli agricoltori o nei mercati di Campagna Amica e non cercare per forza il frutto perfetto perché piccoli problemi estetici non alterano le qualità organolettiche e nutrizionali.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Incendi in Puglia, sono 47 i roghi attivi. Quattro in provincia di Bari Incendi in Puglia, sono 47 i roghi attivi. Quattro in provincia di Bari Coldiretti: "Provvedere a una ricognizione dei danni e all’individuazione delle aree colpite con il ristoro delle perdite subite dagli agricoltori e dagli allevatori"
La siccità non dà scampo ai cocomeri, bruciati uno su quattro in Puglia La siccità non dà scampo ai cocomeri, bruciati uno su quattro in Puglia Qualche consiglio su etichette e su come scegliere le angurie migliori al mercato e non solo
Xyella, Coldiretti Puglia: "Dodici nuovi ulivi infetti in provincia di Bari" Xyella, Coldiretti Puglia: "Dodici nuovi ulivi infetti in provincia di Bari" L'associazione: "Monitoraggi col contagocce, solo 15 squadre impegnate rispetto alle 90 dell'anno scorso"
Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Secondo le stime di Coldiretti Puglia, sono 250mila gli animali selvatici in Puglia, 15% in più rispetto al 2020.
Estate caldissima in Puglia, cresce la voglia di gelato Estate caldissima in Puglia, cresce la voglia di gelato I consumi hanno superato i 6 chili a testa all’anno in Italia secondo stime della Coldiretti
Crisi legata al Covid, aumenta la povertà in Puglia, ma anche la solidarietà Crisi legata al Covid, aumenta la povertà in Puglia, ma anche la solidarietà Le iniziative si sono estese dalle organizzazioni di volontariato ai singoli cittadini, ai contadini e alle associazioni dei consumatori
Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Le mucche a causa delle alte temperature stanno producendo fino al 15% circa di latte in meno rispetto ai periodi normali
Turismo, vacanze in Puglia per 1,2 milioni di stranieri grazie al Green Pass UE Turismo, vacanze in Puglia per 1,2 milioni di stranieri grazie al Green Pass UE Svolta importante dopo che la scorsa estate gli arrivi dai Paesi europei sono crollati del 43%
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.