Manifestazione Trony
Manifestazione Trony
Scuola e Lavoro

A.A.A. Cercasi lavoro - Il messaggio degli ex dipendenti Trony a Bari

Il volantino è comparso in corso Vittorio Emanuele: «Estremo tentativo per poter tornare a lavorare»

Un volantino, affisso sulla saracinesca dell'ormai ex negozio Trony di corso Vittorio Emanuele a Bari, per proporre a chi ne avesse bisogno 31 persone da assumere. È l'ultima speranza per le 31 famiglie che da oggi a domani si sono trovate senza lavoro dopo il fallimento di Dps, azienda che stava alla spalle del grande marchio di distributore di elettronica a livello nazionale. Una situazione, quella degli ex dipendenti dei negozi Trony, fin da subito incredibile, non solo hanno saputo da un giorno all'altro di non dover più andare al lavoro, ma l'avviso come avevamo già scritto era arrivato via whatsapp. I tre negozi baresi sono chiusi ormai da metà marzo e da allora nessuno di loro percepisce alcun reddito, essendo il settore privo di ammortizzatori sociali, al punto che gli stessi sindacati hanno spinto per il licenziamento collettivo in modo tale da permettere ai lavoratori di fare la richiesta per la Naspi.

Il volantino è possibile vederlo affisso sulle saracinesche dei due punti vendita in corso Vittorio Emanuele e viale Einaudi, essendo i due luoghi di maggior passeggio. Al numero scritto sul volantino risponde uno dei 31 ex dipendenti, Mimmo Carolini, lavorava al punto vendita di corso Vittorio Emanuele e come gli altri ora cerca un lavoro, ma la sua e quella degli altri 30 è una ricerca difficile e disperata. Non solo perché il mercato del lavoro in Italia non offre grosse opportunità, ma anche perché l'età media degli ex dipendenti Trony è tra i 40 e i 50 anni, età difficile in cui reinserirsi nel mondo del lavoro.

«Sono uno dei 31 dipendenti che ha perso il lavoro – dichiara Carolini - ora stiamo entrando in Naspi dopo aver aspettato che ci fosse l'asta il 15 giugno. Sapevamo che non c'erano grosse possibilità, ma abbiamo sperato comunque che qualcuno volesse rilevare i negozi. Purtroppo non è successo e ora siamo formalmente licenziati e senza lavoro».

«Il volantino è un estremo tentativo fatto sperando che qualcuno possa aver bisogno di personale e contattarci – sottolinea - Da marzo siamo senza alcun reddito e avanziamo anche una mensilità e mezza da Trony, ovvero quella di febbraio e metà marzo. Non abbiamo ricevuto nulla, perché anche l'azienda che ci doveva queste mensilità è andata in concordato. Come settore non abbiamo ammortizzatori sociali e possiamo solo contare sulla disoccupazione. Speriamo che qualcuno lo veda e ci chiami, vogliamo solo poter lavorare».
  • Trony
Altri contenuti a tema
Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» I tre punti vendita in città chiusero dall'oggi al domani lasciando 31 famiglie in mezzo ad una strada
2 Licenziamento per i dipendenti Trony, Neglia (Filcams CGIL): «Scelta obbligata» Licenziamento per i dipendenti Trony, Neglia (Filcams CGIL): «Scelta obbligata» Il settore non può usufruire di ammortizzatori sociali, i dipendenti così potranno avere almeno la disoccupazione
Vertenza Trony-DPS, i sindacati oggi al MISE Vertenza Trony-DPS, i sindacati oggi al MISE I rappresentanti hanno chiesto di ottenere l'esercizio provvisorio, ci sarebbero potenziali acquirenti
1 Trony, lavoratori avvisati della chiusura via whatsapp Trony, lavoratori avvisati della chiusura via whatsapp Sit-in nel pomeriggio di fronte alle saracinesche chiuse di corso Vittorio Emauele, i sindacati: «Ci sono clienti che chiedono merce già pagata»
Fallimento per Trony, da oggi negozi chiusi a Bari Fallimento per Trony, da oggi negozi chiusi a Bari Lavoratori in agitazione senza alcuna certezza del loro futuro, oggi pomeriggio sit-in in corso Vittorio Emanuele
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.