Trony
Trony
Scuola e Lavoro

Licenziamento per i dipendenti Trony, Neglia (Filcams CGIL): «Scelta obbligata»

Il settore non può usufruire di ammortizzatori sociali, i dipendenti così potranno avere almeno la disoccupazione

Licenziamento. Questo quello che aspetta gli oltre 400 dipendenti Trony di tutta Italia e quindi anche le 26 famiglie baresi coinvolte nel fallimento del DPS Group, gestore della catena e anche dei punti vendita della nostra città. La curatela fallimentare ha, infatti, formalizzato la procedura di licenziamento collettivo. Ma il licenziamento in questa situazione è stata, purtroppo, una scelta obbligata, dato che i dipendenti si trovavano ormai da mesi senza lavoro e senza alcuna fonte di retribuzione.

«La procedura è stata sollecitata da noi organizzazioni sindacali – ci spiega Barbara Neglia, segretario generale regionale della Filcams CGIL Puglia – I lavoratori con la sospensione della retribuzione non riescono più a vivere e paradossalmente avere il licenziamento significherebbe poter avere un sostegno con la Naspi».

Ricordiamo, in merito, che i lavoratori del settore non hanno, come sottolineano anche i sindacati, un ammortizzatore sociale ad hoc essendo esclusi dai sostegni ordinari al reddito.

«Ritengo questa situazione una brutta pagina della storia del nostro paese – sottolinea Neglia – Arrivare a dover pregare di essere licenziati per sopravvivere significa aver perso la dignità e, soprattutto, avere un paese che non rispetta l'articolo 1 della costituzione»

Purtroppo, il settore della grande distribuzione, dopo aver fagocitato per anni i piccoli negozi, si trova ora esso stesso in difficoltà, schiacciato da delle nuove regole di mercato che impongono una differenziazione nella gestione a cui le catene non si sono adattate, vedendo nell'e-commerce e in colossi come Amazon un nemico che sembra impossibile battere.

«È una vertenza che lascia grande delusione – ha dichiarato il segretario nazionale di Fisascat Cisl, Mirco Ceotto – per l'esito di un fallimento emblematico dello stato di sofferenza del retail dell'elettronica di consumo, schiacciato dalla concorrenza dell'e-commerce e dall'incapacità aziendale di rilanciarsi sul mercato».

«Lo strumento degli ammortizzatori sociali nel nostro settore è la prima riforma che il nostro paese Dovrebbe effettuare – conclude Barbara Neglia – perché è impensabile che ci siano dei settori come quello del terziario che non ha la possibilità di poterli utilizzare, mentre altri settori possono anche passare anni a usufruire di sostegno».
  • Sindacati
  • Trony
  • ammortizzatori sociali
Altri contenuti a tema
Mercatone Uno, salvi i lavoratori del punto vendita di Bari Mercatone Uno, salvi i lavoratori del punto vendita di Bari Da una riunione al Mise emerge il nome dell'acquirente che dovrebbe mantenere aperti i punti vendita pugliesi
Morti sul lavoro, una targa a Bari Vecchia in ricordo della "strage dei portuali" Morti sul lavoro, una targa a Bari Vecchia in ricordo della "strage dei portuali" L'iniziativa si è svolta ieri mattina alla presenza del vicesindaco e dei responsabili sindacali di Cgil, Cisl e Uil
Preoccupazione per i lavoratori della ristorazione ospedaliera Preoccupazione per i lavoratori della ristorazione ospedaliera I sindacati incontrano la dirigenza della Regione, rassicurazioni sui tagli
Cerimonia per i 166 anni della Polizia, polemica di Coisp e Consap Cerimonia per i 166 anni della Polizia, polemica di Coisp e Consap In una lettera aperta i due sindacati esprimono il loro punto di vista, sottolineando: «Non abbiamo nulla da festeggiare»
Emiliano agli ex OM: «Ci sono manifestazioni di interesse, ma meglio essere cauti» Emiliano agli ex OM: «Ci sono manifestazioni di interesse, ma meglio essere cauti» I lavoratori in sit-in sul lungomare hanno parlato col presidente, Micchetti: «Ora necessari i fatti non le rassicurazioni»
Nessuna offerta per la Tua Industries, vicenda ex OM all'epilogo Nessuna offerta per la Tua Industries, vicenda ex OM all'epilogo Oggi scadeva la proroga concessa dal curatore fallimentare, non ci sono imprenditori disposti ad investire
1 Grande distribuzione aperta per festa, polemica social contro Ikea Grande distribuzione aperta per festa, polemica social contro Ikea Il colosso dell'arredamento svedese è stato attaccato da molti utenti Facebook, contrari alle aperture a Pasquetta
Sciopero nella grande distribuzione, No al lavoro a Pasqua Sciopero nella grande distribuzione, No al lavoro a Pasqua Indetta una mobilitazione regionale contro le aperture dei centri commerciali previste per 1 e 2 Aprile
© 2001-2018 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.