bari foggia. <span>Foto ssc bari</span>
bari foggia. Foto ssc bari
Calcio

Maita disfa, Cianci risolve. Il Bari è un “trenino” che riparte

La vittoria in 10 uomini nel derby con il Foggia ridà certezze alla squadra di Carrera. Ora si cerca continuità

Un derby per sbloccarsi, un derby per lavare via un bel po' di paure e incertezze. Il Bari manda al tappeto il Foggia al San Nicola, e innanzitutto si riabilita dopo l'inopinata sconfitta dell'andata, uno dei primi scricchiolii della gestione Auteri.

A decidere il punteggio di 1-0 è l'uomo del momento, Pietro Cianci, al terzo goal in tre presenze con la maglia biancorossa. Una punizione magica per mandare i satanelli al tappeto e portare a casa un derby che, per importanza della partita e delicatezza della classifica, vale sei punti.

Nella prima mezz'ora probabilmente si è visto anche il Bari di Carrera: il 4-2-3-1 con il recuperato Antenucci sulla linea dei trequartisti insieme a D'Ursi e Marras alle spalle di Cianci convince e diverte. Scambi veloci, azioni sulle fasce, possesso palla con un senso: nel primo quarto d'ora il Bari va al tiro tre volte con Cianci, Antenucci e Marras, difettando solo di mira e (nel caso di D'Ursi) di precisione nell'ultimo passaggio.

Poi il pasticciaccio brutto di Maita, che prima della mezz'ora si fa buttare fuori per un fallo di reazione che da uno come lui non ci si aspettava. L'ex Catanzaro più volte è stato magnificato per le sue qualità tecniche e per la capacità di prendere la squadra per mano nei momenti difficili; motivo per il quale un'ingenuità tanto grave stride come le unghie sulla lavagna. Piove sul bagnato, poi, quando il perone di Ciofani fa crac e il prezioso jolly difensivo deve lasciare il campo in barella; Romulo dal mercato degli svincolati, ora, non può essere più solo una suggestione ma deve diventare quasi un obbligo.

Qui, però, interviene l'intelligenza del tecnico: Carrera, davanti alla grande difficoltà della sua squadra in 10, capisce le intenzioni ultra conservative di Marchionni e del suo Foggia anche con l'uomo in più, e mantiene l'assetto offensivo. Nota di merito per Antenucci, a cui il mister chiede il sacrificio di abbassarsi al fianco di De Risio sulla linea dei centrocampisti per dare qualità alla circolazione di palla: una mossa vincente, come vincente è l'atteggiamento di Marras, prezioso anche in ripiegamento. Il Foggia praticamente va vicino al goal solo quando Sabbione prova, con una svirgolata maldestra, a infilare Frattali su cross di Balde da sinistra. Il portiere c'è, e bene così.

E poi c'è lui, Cianci, che finisce la partita con forse due o tre gocce di benzina nel serbatoio, al termine di una prestazione solidissima, soprattutto sulle tante palle alte a cui il Bari, giocoforza, deve fare ricorso dopo l'espulsione. La punizione mancina che decide il match è un pezzo di bravura che dimostra la completezza tecnica di un attaccante che non è solo centimetri e forza fisica, ma anche tanto altro.

La vena realizzativa al top di Cianci, la sua storia di barivecchiano innamorato del Bari, il passato biancorosso del mister e l'esultanza col "trenino" storico di memoria anni '90 sono tutti pezzi di un puzzle con cui i biancorossi di Carrera stanno provando a far nascere un rapporto di vicinanza e "priscio" con la piazza che fin qui ha fatto fatica a decollare. «Un figlio di Bari Vecchia, con la squadra in inferiorità numerica, ha fatto un gol meraviglioso contro il Foggia e ha esultato rispolverando il mitico trenino. E per noi tifosi biancorossi è stato un momento di emozione purissima», l'entusiasmo social del sindaco Antonio Decaro, in un messaggio molto "catchy" ma che intercetta lo stato d'animo di tanti baresi.

E il "trenino" pare anche la metafora perfetta per spiegare il momento della stagione del Bari. Recuperati alcuni uomini-chiave (Antenucci su tutti), la squadra sta provando a ripartire con una locomotiva magari non potentissima, ma che può crescere alla distanza in vista dell'impegno playoff. La vittoria nel derby vale un bel po' di fiducia in cascina, il -1 dal secondo posto dell'Avellino e la risposta all'impresa del Catanzaro, capace di infliggere la prima sconfitta stagionale a una Ternana che sembrava imbattibile. E ora arriva il bello: in una settimana ci saranno gli impegni contro Juve Stabia (fuori casa) e Potenza (al San Nicola) prima del viaggio a Terni, in casa della capolista. Un ottimo momento, anche sull'onda dell'entusiasmo, per trovare quella continuità che – finora – è mancata al campionato dei galletti.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Troppi spettatori in tribuna ad Avellino, la SSC Bari: «Nessun esposto presentato» Troppi spettatori in tribuna ad Avellino, la SSC Bari: «Nessun esposto presentato» Non sarebbe stataa società biancorossa a sollevare il caso del Partenio. Multati i campani
Un Bari senza capo né coda, il secondo posto vola via nella mediocrità generale Un Bari senza capo né coda, il secondo posto vola via nella mediocrità generale La sconfitta di Avellino conferma la pochezza tecnica, tattica e caratteriale dei biancorossi di Carrera. Ai playoff servirà un miracolo
Fella-goal, l'Avellino fa festa. Bari ko nello scontro diretto: 1-0 al Partenio Fella-goal, l'Avellino fa festa. Bari ko nello scontro diretto: 1-0 al Partenio L'ex Monopoli la decide nel finale. Biancorossi arrendevoli, senza idee e senza cambi: addio secondo posto
Verso Avellino-Bari, Carrera: «Partita determinante. Giochiamola con la testa libera» Verso Avellino-Bari, Carrera: «Partita determinante. Giochiamola con la testa libera» Il mister alla vigilia: «Sfida che si prepara da sola, serve “incoscienza”. Sabbione? Non sarà del gruppo, valutiamo Sarzi»
Il Bari sceglie la via della concretezza, minimo sforzo per sperare nel secondo posto Il Bari sceglie la via della concretezza, minimo sforzo per sperare nel secondo posto Il successo centrato a Vibo Valentia riaccende le ambizioni dei biancorossi, che però palesano poche idee e tanti limiti
Al Bari basta Antenucci, un rigore per battere la Vibonese: 0-1 il finale Al Bari basta Antenucci, un rigore per battere la Vibonese: 0-1 il finale Il bomber ritrova la rete dopo due mesi di astinenza e dal dischetto regala i tre punti ai biancorossi. Avellino a -4
Vibonese-Bari, Ciofani e Maita tornano a disposizione Vibonese-Bari, Ciofani e Maita tornano a disposizione L'elenco dei convocati per la partita di oggi pomeriggio sul terreno del 'Luigi Razza' di Vibo Valentia
Campionato di serie C, posticipate 3 giornate si termina il 2 maggio Campionato di serie C, posticipate 3 giornate si termina il 2 maggio Nuove date per la 17a, 18a e 19a giornata di ritorno, ecco le modifiche che riguardano la SSC Bari
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.